HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Adamo Bencivenga
La Signora Bradley







Photo Marc Rogoff

 


CASA DEI SIGNORI JEFFERSON
A BORDO PISCINA SI SONO ACCESE LE LUCI DELLA SERA E GLI INVITATI SI INTRATTENGONO PER GLI ULTIMI SALUTI.
TIM JEFFERSON, IL FESTEGGIATO, E’ NELLA SUA STANZA AL PRIMO PIANO. STA GUARDANDO GLI OSPITI DALL’ALTO. LUI HA UN’ESPRESSIONE ASSORTA, NONOSTANTE LA LAUREA OTTENUTA CON LA LODE, SEMBRA PREOCCUPATO PER IL SUO FUTURO.

SI APRE LA PORTA, LUI E’ DI SPALLE ENTRA LA SIGNORA LESLEY BRADLEY
Signora Bradley: Oh scusami tanto Tim credevo fosse la porta del ripostiglio…
Tim: Oh no Signora Bradley. Questa è la mia stanza!
Signora Bradley: Devo prendere la pelliccia.
Tim: Il ripostiglio è in fondo al corridoio.

LA DONNA INDUGIA E INVECE DI CHIUDERE LA PORTA ALLE SUE SPALLE ENTRA NELLA STANZA.
Signora Bradley: È andata bene la festa, vero Tim?
Tim: Oh sì grazie Signora Bradley.
Signora Bradley: C’era molta gente… e soprattutto tante ragazze…
Tim: La maggior parte sono ex compagne dell’Università e qualcuna del Liceo.

LA DONNA SI METTE SEDUTA SUL BORDO DEL LETTO.
Signora Bradley: Come stai Tim?
Tim: Bene grazie signora Bradley.
Signora Bradley: Che bella stanza che hai, non hai un posacenere qui?

LA DONNA FRUGA NELLA SUA BORSA ALLA RICERCA DEL PACCHETTO DI SIGARETTE. TIM DOPO AVERLE PROCURATO IL POSACENERE TORNA ALLA FINESTRA.
Signora Bradley: Ma da oggi preferisci essere chiamato Dottore o Avvocato?
Tim: Oh Signora Bradley per il momento sono solo Dottore.
Signora Bradley: Quindi di fatto ancora non potresti difendermi…
Tim: Ma lei non ha bisogno di essere difesa.
Signora Bradley: Perché dici questo?
Tim: Una signora così bella ha già le proprie armi naturali.
Signora Bradley: Oh Tim tu hai un cuore gentile…
Tim: Sbaglio Signora Bradley?
Signora Bradley: Stendiamo un velo pietoso…
Tim: Beh io giudico da quello che vedo, ovvero dall’apparenza…
Signora Bradley: Beh sì… in quel caso va tutto bene. Frequento la crema di questa cittadina, ho tanti amici… Sono ricca di famiglia con un marito affascinante e più giovane di me, una graziosissima figlia e una bella villa con piscina più o meno come la vostra…
Tim: Non vorrei essere indiscreto…
Signora Bradley: Non lo sei Tim…
Tim: Perché vorrebbe essere difesa?
Signora Bradley: La vita è piena di controversie e c’è sempre bisogno di qualcuno che all’occorrenza possa darti una mano…
Tim: Non capisco signora Bradley…
Signora Bradley: Crescerai Tim... sei ancora troppo giovane per capire… I casi della vita non si studiano sui libri.
Tim: Allora spero di crescere in fretta…
Signora Bradley: A proposito tra quelle belle fanciulle c’era anche la tua ragazza Tim?
Tim: Oh no signora, finora ho pensato solo a studiare.
Signora Bradley: Ma sei un buon partito e un ragazzo piacente! Ora ti metterai in cerca immagino?
Tim: Oh sì, no, non lo so…
Signora Bradley: Non essere timido Tim, credo sia una cosa normale alla tua età.
Tim: Allora lo farò signora Bradley.

LA DONNA SPEGNE LA SIGARETTA A META’ E SI ALZA.
Signora Bradley: Va bene si è fatto tardi e tu non sei molto di compagnia… Sarai stanchissimo immagino… Comunque ancora congratulazioni per la tua laurea e per la tua bella festa.
Tim: Grazie Signora Bradley.
Signora Bradley: Spero ti sia utile il porta cravatta che ti ho regalato.
Tim: Un magnifico pensiero signora Bradley, grazie ancora.

LA DONNA STA PER USCIRE POI CI RIPENSA.
Signora Bradley: Oh Tim mi faresti un favore?
Tim: Certo Signora, ai suoi ordini…
Signora Bradley: Mi accompagneresti a casa? Non ho la macchina… La mia è in assistenza e mio marito mi ha fatto un favore ad accompagnarmi e non ci pensa proprio ad essere gentile due volte nella stessa giornata.
Tim: Ma veramente… ci sono ancora altri ospiti…
Signora Bradley: Beh non saresti nella tua stanza se la festa non fosse conclusa… Comunque io posso aspettare… hai qualcosa da bere qui?
Tim: No Signora… Non vorrei che mia madre salisse su…
Signora Bradley: Oh mio caro ragazzo non stiamo facendo nulla di male…
Tim: Ha ragione…
Signora Bradley: Intanto che tu decidi vado a prendere la pelliccia… Dov’era il ripostiglio?
Tim: In fondo al corridoio…

LA DONNA TORNA CON LA PELLICCIA IN MANO.
Signora Bradley: Mi aiuteresti Tim?
IL RAGAZZO L’AIUTA AD INDOSSARLA.
Signora Bradley: Allora hai deciso?
Tim: Ok signora Bradley… l’accompagno…


*****


TIM E LA SIGNORA BRADLEY ESCONO DAL RETRO DELLA VILLA EVITANDO GLI OSPITI. SCENDONO DIRETTAMENTE NEL GARAGE E SALGONO IN MACCHINA.
Signora Bradley: Oh Tim sembriamo due amanti in fuga… Hai paura? Cos’è che ti preoccupa?
Tim: Nulla Signora Bradley, ma non lo faccio per me…
Signora Bradley: Tu credi che farmi vedere insieme a te in qualche modo io possa perdere la mia onorabilità…
LA DONNA RIDE.
Tim: Sì… no, non so, mi sembra una cosa strana…
Signora Bradley: Goditi la serata Tim in fin dei conti è la tua festa. E poi non sono ancora così tanto vecchia…
Tim: Lei è una bella donna…
Signora Bradley: Oh grazie per il complimento, non me lo aspettavo… ma ti devo confessare una cosa… sai quanti ragazzi della tua età vorrebbero farsi vedere in giro con me…
Tim: Lo so, tra i ragazzi del bowling si parla molto di donne e lei è uno degli argomenti preferiti…
Signora Bradley: E cosa si dice di me?

NEL BUIO DELLA MACCHINA IL RAGAZZO ARROSSISCE E LA DONNA CON UN GESTO NATURALE ACCAVALLA LE GAMBE.
Tim: Niente in particolare…
Signora Bradley: Su Tim… non essere vergognoso.
Tim: Beh che è una bella donna… e poi lo sa quanto i ragazzi possano essere cattivi e volgari…
Signora Bradley: Dai Tim mi intriga molto questo argomento… e poi essere oggetto di attenzioni per una donna di quarantacinque anni fa sempre piacere no? Cosa dicono?
Tim: Si parla di sesso e di fantasie… che le donne di una certa età sono molto brave e disinibite a letto e soprattutto non creano problemi.

CHISSA’ QUANTO INNAVERTITAMENTE LA GONNA DELLA SIGNORA BRADLEY SALE LASCIANDO INTRAVEDERE IL DELIZIOSO BORDO DELLA SUA CALZA CHIARA.
Signora Bradley: Questo in generale… ma di me?
Tim: Che è una donna molto sensuale e provocante…
Signora Bradley: Solo?
Tim: Se posso permettermi signora… Dicono anche che è una donna facile…
Signora Bradley: Allora era questo il motivo per il quale non volevi che i tuoi genitori ci vedessero insieme…
Tim: Le voci girano Signora Bradley, ma ovviamente sono solo pettegolezzi cattivi.
Signora Bradley: E tu cosa pensi di me Tim?
Tim: Questo non lo so.
Signora Bradley: Dai Tim non farti pregare…
Tim: La penso come i miei amici ovvero che lei sia brava a letto…
Signora Bradley: E non sei curioso?
Tim: Io finora ho pensato solo a studiare…
Signora Bradley: E cosa c’entra questo? Mica ci dobbiamo sposare… Non dirmi che non hai avuto le tue esperienze?
Tim: Una ragazza al college. Ha compiuto venti anni la settimana scorsa.
Signora Bradley: Ecco vedi… Quindi sai di cosa parliamo…
Tim: Sì
Signora Bradley: E com’era questa ragazza? Bella? Bionda insipida o una mora calda e prosperosa…
Tim: Le ho detto una bugia prima Signora Bradley, sono ancora fidanzato, ma lei vive lontana e non l’ho ancora presentata ai miei… per cui ora preferisco tenere il segreto e non parlarne.

LA DONNA SI LASCIA ANDARE AD UN GROSSO SOSPIRO DI INSOFFERENZA.
Signora Bradley: Dai Tim mica ti sto chiedendo se ci hai fatto l’amore e come e quando…

TIM E’ SEMPRE PIU’ IMBARAZZATO AVREBBE PREFERITO NON PRENDERE QUELL’ARGOMENTO. SI MORDE LA LINGUA.
Signora Bradley: Tranquillo, rispetto la tua riservatezza Tim, ma voglio solo sapere perché prima mi hai detto una bugia…
Tim: Non lo so, del resto non credo che per lei faccia differenza se sono fidanzato o meno…
Signora Bradley: Non fa differenza perché non ho alcuna intenzione di circuirti…

LA DONNA GUARDANDO FUORI DAL FINESTRINO INTONA HEARTBREAK HOTEL DI ELVIS PRESLEY. POI RIPRENDE.
Signora Bradley: Secondo te potrei essere gelosa di una ragazzina ventenne?
Tim: Non credo signora.
Signora Bradley: Ecco appunto.



*****



FINALMENTE ARRIVANO A DESTINAZIONE. ORA SONO NEL GIARDINO DELLA VILLA. LA DONNA ESITA.
Signora Bradley: Mi accompagni fin dentro casa Tim?
Tim: Non credo sia una buona idea. Qualcuno potrebbe vederci.
Signora Bradley: Ed invece è una buona idea Tim!
Tim: Perché?
Signora Bradley: Perché mio marito non c’è, mia figlia è ad Harvard, la casa è vuota ed io non mi sento tranquilla finché non accendo le luci… Del resto si sentono tante cose brutte in giro… Tu non leggi i giornali?
Tim: Sole pagine dello sport signora.
Signora Bradley: Faresti bene ad informarti! Dai scendi, accompagnami, ti rubo solo un minuto…
Tim: Va bene…
Signora Bradley: Ma hai da fare? Non vorrei distrarti da qualche impegno più importante.
Tim: No signora, ma se torno a casa presto, mia madre non se ne accorgerà che sono uscito e così non devo inventare una scusa…
Signora Bradley: Perché? Non puoi dire la semplice verità ovvero che mi hai accompagnata?
Tim: Sarebbe inusuale…
Signora Bradley: Ora si dice inusuale? Chiederebbe spiegazioni?
Tim: Credo di sì.
Signora Bradley: Ma allora ho proprio una brutta fama…

LA DONNA APRE IL PORTONE DELLA CASA E ACCENDE LE LUCI. TOGLIE LA PELLICCIA E VA NELL’ANGOLO BAR DELLA SALA.
Signora Bradley: Qui siamo soli e non ci vede nessuno, puoi rilassarti. Quanto a tua madre puoi sempre dirle che sei andato a spettegolare sulle abitudini sessuali delle signore con i tuoi amici.
Tim: Non lo farò, non credo che mia madre approverebbe…
Signora Bradley: Lei vive sulla luna?
Tim: No vive a casa, ma non credo le interessino questi argomenti…
Signora Bradley: A me invece interessano molto. Ascolta mi racconti qualcosa di piccante su qualche mia coetanea?
Tim: Non saprei…
Signora Bradley: Ad esempio sulla signora Smith… lo sai che è stata sorpresa dal marito l’altra settimana al Park Hotel con il padrone dell’autolavaggio, quello sulla trentaduesima…
Tim: Non lo sapevo…
Signora Bradley: Allora sono più informata di te, come vedi…

INTANTO LA DONNA SI RIEMPIE IL BICCHIERE DI BOURBON…
Signora Bradley: Ti dispiace farmi compagnia un po’? Tu cosa gradisci?
Tim: Ora dovrei proprio andare…
Signora Bradley: Stare fuori casa senza aver avvertito tua madre ti imbarazza?
Tim: No, mi imbarazza questa situazione… Se vuole faccio il giro delle stanze, così lei è più tranquilla…
Signora Bradley: Ti ringrazio ma non serve… Del resto avrai capito che era solo una stupida scusa per parlare un po’ e non sentirmi tremendamente sola.
Tim: Sì lo immaginavo.
Signora Bradley: Cosa bevi Tim?
Tim: Meno di un dito di Bourbon…
Signora Bradley: Credevo volessi aranciata…

LA DONNA RIDE DI NUOVO.
Tim: In effetti sono astemio…
Signora Bradley: Dai rilassati, accomodi su quel divano.
Tim: Ma veramente…
Signora Bradley: Guarda, per farti stare sereno mi siedo sulla poltrona davanti a te. E se vuoi chiacchieriamo un po’. Anzi dimmi tu qualcosa…
Tim: È difficile parlare con una donna come lei.
Signora Bradley: Sono troppo vecchia Tim? O cosa? Davvero non trovi uno straccio d’argomento di conversazione?
Tim: Non so che dire… Ha l’età di mia madre…
Signora Bradley: Mi hai detto che con i ragazzi del bowling sono il vostro argomento preferito e ora che sono davanti a te reciti scena muta…
Tim: Lei è molto bella signora Bradley
Signora Bradley: Vuoi vedere le mie gambe? Così magari poi te ne puoi vantare…
Tim: Non ne parlerei con nessuno…
Signora Bradley: Adoro la tua riservatezza, ma capisco come vanno certe cose, magari ingrandirai e dirai che siamo stati a letto insieme. Che mi sei saltato addosso e mi hai anche baciata. E ciliegina sulla torta dirai perfino che ci sono stata…
Tim: Non lo farei mai signora Bradley.
Signora Bradley: Pinocchio! Dai aspetta che torni mio marito ti prego, stasera ho paura di stare sola.
Tim: Perché?
Signora Bradley: Te l’ho detto, mi sento sola e depressa. La vita mi sta sfuggendo di mano.
Tim: Ed io in cosa potrei esserle utile?
Signora Bradley: Sono io Tim che mi devo sentire utile.
Tim: Come?
Signora Bradley: Ad esempio utile ad i tuoi occhi, alle tue fantasie. Alle volte basta un complimento per rinascere…
Tim: Lei non ha bisogno di complimenti… sono certo che è già consapevole di essere una bellissima donna.
Signora Bradley: Me lo hai già detto Tim, forse mi serve altro…
Tim: Forse è solo stanca. In fin dei conti si è fatto tardi… Potrebbe andare a letto e rigenerarsi con un meraviglioso sonno… Così io andrei a casa.

IL RAGAZZO FA PER ALZARSI MA LA DONNA METTE UN DISCO E GLI PORGE UN BICCHIERE DI BOURBON
Signora Bradley: Posso farti una domanda? Cosa pensi di me?
Tim: In che senso?
Signora Bradley: Mi conosci da quando sei nato… Ti sarai fatto un’opinione su di me o no?
Tim: Ho sempre pensato che lei fosse una cara persona.
Signora Bradley: Tim non ci siamo, odio queste frasi fatte! Lo sapevi che ho problemi con mio marito? Che ultimamente inizio la giornata bevendo bourbon?
Tim: Signora come potevo saperlo?
Signora Bradley: Beh visto che frequenti il bowling ti sarà capitato di incontrare mio marito con quella bionda platino, ossia la figlia della Signor Soprano, quell’italiano che si è arricchito ai tempi del proibizionismo.
Tim: Signora Bradley non sapevo nulla, suo marito non l’ho mai incrociato ed ho il grosso timore di poterlo fare tra qualche minuto quando si aprirà quella porta. Forse davvero è meglio che vada, m'imbarazza se arrivasse e mi vedesse qui.
Signora Bradley: Tranquillo oggi è sabato e di solito mio marito non lo dedica a me. Scommetto cento dollari che se la sta spassando con la regina delle bionde e rincaserà molto tardi oppure direttamente all'alba.
Tim: È un peccato tradire una bella donna come lei.
Signora Bradley: Ed invece questa è la dura realtà!
Tim: È incredibile.
Signora Bradley: Ed invece è proprio così mio caro… da una recente statistica è saltato fuori che le più tradite sono le donne di bell’aspetto, mentre le brutte e insignificanti hanno meno probabilità di essere tradite.
Tim: Strano.
Signora Bradley: Sai perché? Perché dopo qualche mese di matrimonio, la bellezza viene a noia e diventa un’abitudine, quindi belle o brutte, diventiamo tutte delle minestre riscaldate. Mi capisci vero?

LA DONNA SI ALZA E PRENDE LA BOTTIGLIA DI BOURBON.
Signora Bradley: Ne vuoi ancora Tim?
Tim: Oh no signora, non sono abituato a bere e sento dei leggeri sbandamenti…
Signora Bradley: Allora stai seduto, ti faccio ascoltare l’ultimo dei Platters, "Twilight Time" lo conosci?

IL RAGAZZO PERO’ E’ AGITATO, SI GUARDA INTORNO…
Tim: Ma se arriva suo marito... Non penserà che io e lei...
Signora Bradley: Tu ed io? Cosa Tim?
Tim: Signora… anche lei ha detto che era una scusa… Poi mi ha fatto entrare qui, ha messo una musica soft, poi mi offre da bere...
Signora Bradley: E allora? E’ un delitto voler parlare con un ragazzo fresco di laurea?
Tim: …Poi mi dice che suo marito torna tardi... Non è difficile pensare che lei stia tentando di sedurmi...

LA DONNA RIDE
Signora Bradley: Ma tu pensi davvero che io voglia fare l'amore con un ragazzino?
Tim: Non è vero?
Signora Bradley: Assolutamente no, o meglio non ci avevo pensato.
Tim: Allora la prego di scusarmi. Se è solo una mia illazione… allora le ho detto davvero una cosa offensiva. Mi perdoni, lei è un’amica di famiglia, io la stimo tanto, non so proprio come mi sia passato per la testa…
Signora Bradley: Tim sei tu ora che mi ci fai pensare… ma seguirò il tuo consiglio… Buona, buona… me ne andrò a letto.
Tim: Ah bene, sono contento signora Bradley. Lei è davvero una donna speciale senza alcun risentimento…
Signora Bradley: Mi vuoi aprire la lampo?

LA DONNA SI ALZA, SI VOLTA ED OFFRE LE SPALLE AL RAGAZZO.
Tim: Perché?
Signora Bradley: Mi dovrò pure spogliare per andare a letto.
Tim: Preferirei di no.
Signora Bradley: Vuoi che ci vada vestita?
Tim: Non vedo perché debba farlo io!
Signora Bradley: Pensi ancora che voglia circuirti? Che ti stia facendo delle avances? Avanti mi conosci da quando sei nato… Hai paura di me?
Tim: Oh paura di suo marito, di mia madre…
Signora Bradley: Tim caro… Anzi dimmi una cosa. Hai avuto mai fantasie su di me?

LA DONNA SI TOGLIE IL VESTITO
Signora Bradley: Eccomi Tim, mi immaginavi così?
ORA CAMMINA SU E GIU’ PER LA SALA IN SOTTOVESTE ROSA. DALLA TRASPARENZA SI INTRAVEDE UNA LUSSURIOSA LINGERIE BIANCA.
Tim: Sì Signora Bradley esattamente come la sto guardando.

IL RAGAZZO E’ CONFUSO, PRENDE IL SOPRABITO E FA PER ANDARE
Signora Bradley: Perché scappi?
Tim: Potrebbe arrivare suo marito…
Signora Bradley: Non sei per nulla educato. Una donna si spoglia e tu vai via? Non pensi a come potrei restarci male e sentirmi offesa?
Tim: Mi perdoni signora sono davvero una frana, di sicuro non ho scelto il momento più adatto per salutarla.

Signora Bradley: Sei perdonato Tim. Comunque mio marito non è malizioso e poi io ho il doppio della tua età… In ogni caso se il tuo problema è lui posso sempre sedurti un altro giorno e in un altro posto…
LA DONNA SORRIDE.
Tim: Signora Bradley, ma io sono fidanzato…
Signora Bradley: Ed io doppiamente sposata con un divorzio in mezzo. E allora?
Tim: Nulla.
Signora Bradley: Non era per questa spavalderia, senza tanti problemi, che voi ragazzi apprezzate al punto di preferirci alle vostre coetanee?
Tim: Mi scusi ma io ora vado a casa.
Signora Bradley: Tim mi chiami domani?
Tim: Perché dovrei?
Signora Bradley: Possiamo passare insieme una serata.
Tim: E suo marito?
Signora Bradley: Lui di solito dopo cena esce…
Tim: Buonasera signora Bradley
Signora Bradley: Buonasera Tim…



*****



ALCUNI GIORNI DOPO TIM CHIAMA LA SIGNORA BRADLEY AL TELEFONO.
Tim: Come sta?
Signora Bradley: Io bene e tu? A cosa devo questa telefonata…
Tim: È sola?
Signora Bradley: Naturalmente come al solito.
Tim: Oh signora, io penso sempre a quella sera… è diventata la mia ossessione…
Signora Bradley: Cosa pensi Tim?
Tim: A lei.
Signora Bradley: Sicuro? Forse pensi all’occasione mancata…
Tim: Beh sì anche…
Signora Bradley: Scommetto che ne hai parlato con i tuoi amici…
Tim: No… Sì, ma non ho fatto il suo nome…
Signora Bradley: E perché Tim avresti potuto vantarti ed essere più credibile…
Tim: Beh nel giro di qualche ora il suo nome sarebbe stato sulla bocca di tutti…
Signora Bradley: La gente prende per vere anche le fantasie Tim… per cui…
Tim: Comunque non ho fatto il suo nome…
Signora Bradley: Hai detto che abbiamo fatto l’amore?
Tim: Sì… ho detto che una meravigliosa quarantacinquenne sposata si è spogliata per me ed è rimasta in lingerie… E poi abbiamo fatto l’amore nel suo letto matrimoniale.
Signora Bradley: Ti eccitava farlo nel letto matrimoniale?
Tim: Oh sì…
Signora Bradley: Peccato che ci dormo da sola…
Tim: È un vero peccato, ma nelle fantasie si può tutto.
Signora Bradley: Cosa ti dicevo Tim?
Tim: Mi diceva di prenderla in tutte le posizioni e di ricordarle di essere una donna facile e sposata.

UN ATTIMO DI SILENZIO POI LA DONNA RIPRENDE.
Signora Bradley: Ho urlato Tim?
Tim: L’intensità dell’urlo è importante per misurare la virilità…
Signora Bradley: Bella risposta da uomo adulto! Sono orgogliosa di te, mi sembra che in pochissimi giorni tu sia più maturo.
Tim: Mi chiedevo se fosse stato possibile vederci ora…
Signora Bradley: Domanda retorica Tim, sarai sicuramente passato qui davanti ed avrai visto le luci accese… e quante macchine erano parcheggiate sotto casa.
Tim: Lo ammetto, anche ieri sera l’ho fatto, ma poi non ho avuto il coraggio di chiamarla.
Signora Bradley: Lo so, ho visto la tua macchina passare per quattro cinque volte…
Tim: È sola?
Signora Bradley: Ti ho già risposto Tim, ti prego non emozionarti. Comunque non sono sola ho una bottiglia di bourbon piena ed una vuota davanti a me.

SILENZIO
Signora Bradley: Vuoi farmi compagnia Tim?
Tim: Voglio parlare con lei.
Signora Bradley: E come mai? Non preferisci parlare con la tua ragazza Tim?
Tim: Non c’è paragone.
Signora Bradley: Mi dispiace… ma ovviamente mi fa anche piacere…
Tim: Lei è una persona profonda.
Signora Bradley: Sono solo una donna complicata e depressa Tim.
Tim: Fa lo stesso.
Signora Bradley: Non vuoi fare sesso con me?
Tim: Quello viene da solo.
Signora Bradley: Ok ti aspetto prima di aprire la seconda bottiglia. Anzi dammi una mezzora, sono in uno stato pietoso e voglio farmi bella per te.
Tim: Va bene signora Bradley.
Signora Bradley: Chiamami Lesley.
Tim: Ok signora Bradley.



*****



PASSANO ESATTAMENTE TRENTA MINUTI. TIM SUONA ALLA PORTA. LA SIGNORA BRADLEY APRE LA PORTA.
Signora Bradley: Accomodati Tim.
LA SIGNORA BRADLEY E’ COMPLETAMENTE NUDA.
Signora Bradley: Come stai?
Tim: Bene grazie, ma…
IL RAGAZZO BALBETTA.
Signora Bradley: Tim cosa c’è? Non ti piaccio vestita così?
Tim: Io credevo… che fosse vestita…
Signora Bradley: Non devi credere niente Tim…Sono io l’esperta, tu sei solo un ragazzo alle prime armi, non sai nulla sulla seduzione… Quindi il patto tra noi è che sia io a condurre i giochi.
Tim: Davvero ha quarantacinque anni?
Signora Bradley: È un complimento vero? Anche io ti ho detto una bugia Tim, in realtà ne ho quarantadue, ma mi piace dimostrarne di meno…

I DUE SI SIEDONO SUL DIVANO.
Signora Bradley: Immaginavi ti vedermi così? Ti ho fatto una sorpresa vero? Pensa che in questa mezzora avrò cambiato una decina di vestiti, alla fine ho scelto l’abbigliamento più logico per questa serata.
IL RAGAZZO LA GUARDA.
Signora Bradley: Non stare lì fermo, fai qualcosa. Accarezzami Tim…
Tim: Signora non posso.
Signora Bradley: Qualcosa non va?
Tim: Ero venuto con altre aspettative… così non c’è poesia…
Signora Bradley: Ti serve poesia per andare a letto con una donna?
Tim: Non intendevo questo, non so, ma sicuramente una cosa diversa.
Signora Bradley: Mi spiace Tim ma io sono così, dai versami da bere, abbassa le luci e accarezzami…

LA DONNA PRENDE LA MANO DEL RAGAZZO E LA POGGIA SUL SUO SENO.
Signora Bradley: Sai come si tratta un seno maturo e voglioso?
Tim: Beh sì.
Signora Bradley: Com’è il seno della tua ragazza? Grande?
Tim: No è piccolo.
Signora Bradley: Povero Tim… Dai toccalo, mi piace se fai paragoni…
Tim: Non sarebbe giusto…
Signora Bradley: Tim, per favore, non c’è niente di giusto qui! Io non sono giusta e nemmeno tu lo sei. Sai baciare il seno e tutto il resto? Sei capace a farmi volare?

TIM ESITA.
Tim: Ma lei si immagina se mi vedessero i miei genitori parlare con una donna nuda?
Signora Bradley: Cosa direbbero?
Tim: Non lo so, ma non si meritano che mi comporti così, mio padre poi… non si merita che suo figlio vada a letto con la ex moglie del suo socio.
Signora Bradley: Questo mio caro lo sapevi anche prima di telefonare… Comunque io ora sono sposata con un altro uomo… cosa c’entra il mio ex marito?
Tim: Signora Bradley e se ora invece di stare qui in casa sua andassimo in macchina a farci una passeggiata lungo la scogliera? È una bella nottata, c’è la luna rossa fuori…
Signora Bradley: E tu pensi che io possa sprecare il mio tempo facendo una passeggiata da adolescenti?
Tim: Era una proposta…
Signora Bradley: Al telefono eri molto più deciso… evidentemente vedendomi nuda ti ha spaventato, pensi di non essere all’altezza?
Tim: Avrei preferito prima una passeggiata…
Signora Bradley: Pensi di fallire vero?
Tim: È tutto così meccanico…
Signora Bradley: Tim ascolta… Posso farti una domanda personale?
Tim: Mi chieda quello che vuole…
Signora Bradley: Per te sarebbe la prima volta?
Tim: Questa è proprio buona…
Signora Bradley: Guarda che se lo fosse non c’è niente di male. Capirei…
Tim: Ma scherza?
Signora Bradley: Non scherzo Tim, magari non ti senti all’altezza e la prima volta preferiresti farlo con una tua coetanea…
Tim: Non sono intimorito… così mi offende…

IL RAGAZZO IN UNO SCATTO D’ORGOGLIO SI TOGLIE LA GIACCA E I PANTALONI. LA DONNA POGGIA IL BICCHIERE SUL TAVOLO. PER LEI E’ UN GESTO QUASI AUTOMATICO E RIPETITIVO, PER LUI INVECE IL PASSAGGIO DA RAGAZZO A UOMO.

LUI ORA E’ SOPRA E LEI STA PER ACCOGLIERLO.
Signora Bradley: Sì Tim bravo così…
IL RAGAZZO SUDA, SPINGE IN MANIERA GOFFA E MALDESTRA.
Signora Bradley: Tranquillo! Non morde.
IL RAGAZZO SI AGITA.
Signora Bradley: Abbiamo tutto il tempo che vogliamo Tim. Stai calmo. Prendi lui con una mano e guidalo… non ci sono ostacoli. Senti?
LUI ORA SI LASCIA ANDARE.
Signora Bradley: Ti sento pronto Tim. Spingi ora.
LUI SEGUE DILIGENTEMENTE LE ISTRUZIONI, MA IL TENTATIVO E’ PENOSO.
Signora Bradley: Tim non innervosirti. Guarda me come sono calma.
DOPO ALTRI TENTATIVI FINALMENTE E’ DENTRO DI LEI.
Signora Bradley: Bravissimo Tim, così dai, non perdere la concentrazione ora.
Tim: Stiamo facendo l’amore vero Signora Bradley?
Signora Bradley: Sì Tim, insisti ancora. È la mente che guida, pensa che stai facendo sesso con me, una signora che hai sempre desiderato, ma che quel desiderio non lo avevi confessato neanche a te stesso.
Tim: Signora Bradley lei è fantastica!
Signora Bradley: Pensa a quando lo dirai ai tuoi amici. È tutta lì l’eccitazione!
Tim: Signora Bradley non credevo fosse così facile fare l’amore con una donna.
Signora Bradley: Sei grande Tim, senti come scivola? È la cosa più naturale di questo mondo.
Tim: Oh sì, non ci posso credere…
Signora Bradley: Forse realizzerai domani… Sei stato fortunato a trovarmi così disponibile!
Tim: Lo sono già signora. Lei mi piace molto e non sono vere tutte le cose che dicono in giro.
Signora Bradley: Fai il bravo Tim, sai come si porta una donna all’orgasmo?
Tim: Sì signora ci sono.
Signora Bradley: Pensa a tutte le volte che mi hai sognato nella tua stanza…
Tim: Tante volte…
Signora Bradley: Ero irraggiungibile vero Tim? Una vera regina inaccessibile!
Tim: Una Dea dell’Olimpo.
Signora Bradley: Stai pensando ad una Venere?
Tim: È lei la mia Venere!
Signora Bradley: Ma nel tuo sogno mi chiamavi in altro modo vero?
Tim: La prego, non me lo faccia dire…
Signora Bradley: E se ti dicessi che mi fa piacere…
Tim: Negherei…
Signora Bradley: Sembra incredibile vero Tim? Ora invece mi hai nuda sotto di te.
Tim: Sì signora, non avrei mai creduto…
Signora Bradley: Vedi è semplicissimo, dai tieni duro, continua… Cerca di andare ancora più in fondo. Ecco così, pensa di essere in autostrada, ora la strada è in pianura. Affonda l’acceleratore Tim.
MA TIM NON PUO’ RESISTERE AL PENSIERO.
Tim: Posso abbandonarmi?
Signora Bradley: In amore non ci sono tempi prestabiliti.
Tim: Posso venire?
Signora Bradley: Vieni Tim…

TIM SI LASCIA ANDARE ED ESPLODE IN UN FRAGOROSO URLO. LA DONNA INVECE INAVVERTITAMENTE GUARDA IL GRANDE OROLOGIO SOPRA IL CAMINO. A CONTI FATTI HA LA SENSAZIONE CHE NON SIANO PASSATI TRENTA SECONDI.
Tim: Mi scusi signora Bradley…
Signora Bradley: Ora davvero puoi chiamarmi Lesley…
Tim: Sono mortificato, non so cosa mi abbia preso…
Signora Bradley: È normale Tim la prima volta. Del resto lo avevo messo in conto.

LUI ORA CERCA DI BACIARLA.
Signora Bradley: No Tim, se vuoi andare in perfetta armonia con me… niente baci in bocca ok?
IL RAGAZZO SI METTE SEDUTO.
Tim: Ok signora Bradley, lei è stata fantastica.
Signora Bradley: Tim non puoi giudicare, ricordati che sono sempre la prima donna con la quale hai fatto l’amore…
Tim: Ma io sono stato benissimo!
Signora Bradley: Chissà quante ne proverai e saranno ancora più fantastiche.
Tim: Ma io voglio lei…
Signora Bradley: Tim abbiamo fatto l’amore senza uno straccio di sentimento, non credi che sia inopportuno cominciare proprio ora?
Tim: Ora però potremmo scambiare due parole…
Signora Bradley: Non credo che abbiamo molto da dirci… Di cosa vuoi parlare?
Tim: Lei non ha rapporti con suo marito, vero? Per questo motivo voleva fare l’amore con me…
Signora Bradley: Le cose non stanno esattamente così, ma un fondo di verità c’è.
Tim: Lei è una donna molto calda.
Signora Bradley: Comunque io e mio marito dormiamo in stanze separate.
Tim: E quindi?
Signora Bradley: Non abbiamo rapporti né completi, né superficiali, né niente…
Tim: E allora perché lo ha sposato?
SSignora Bradley: Prova a indovinare…
Tim: Non saprei…… a meno che non abbia dovuto sposarlo per forza.
Signora Bradley: Ti scandalizza?
Tim: Come è andata?
Signora Bradley: Beh ci siamo visti una sera… Dopo il ristorante lui ha parcheggiato lungo la costa, c’era la luna rossa e…
Tim: Ma lei era sposata!
Signora Bradley: Anche ora lo sono Tim e tu sei stato con me.
Tim: Ah ho capito… Lo ha messo davanti al fatto compiuto il suo ex marito…
Signora Bradley: Non avevo il coraggio di dirglielo, è stato senz’altro più facile dirgli che ero incinta di un altro e lui non ha esitato a chiedere il divorzio…
Tim: E se non lo avesse chiesto?
Signora Bradley: Conosci un marito che abbia piacere di portare le corna con disinvoltura e in maniera così evidente?
Tim: Quindi lo avrebbe minacciato di dire la verità in giro, immagino.
Signora Bradley: Sei perspicace ragazzo…
Tim: Non conoscevo questa storia…
Signora Bradley: Ma i tuoi lo sanno.
Tim: E il suo attuale marito sapeva delle sue intenzioni mentre facevate l’amore?
Signora Bradley: No ovviamente… Credeva che avessi preso delle precauzioni, ma in realtà era il mio periodo più fertile.

IL RAGAZZO SI PRENDE LE MANI CON LA TESTA.
Tim: Mi vengono dei dubbi…
Signora Bradley: Sono certezze Tim…
Tim: Quindi anche ora vuole lasciare suo marito?
Signora Bradley: Cosa te lo fa pensare?
Tim: Vuole metterlo davanti al fatto compiuto?
Signora Bradley: E se così fosse?
Tim: Immagino che anche questa volta lei non abbia preso alcuna precauzione…
Signora Bradley: Sono circa sei mesi che non prendo l’Enovid…
Tim: Cos’è?
Signora Bradley: Una pillolina che oltre a lenire disturbi ginecologici non fa fare marmocchietti.
Tim: Quindi era tutto deciso!
Signora Bradley: Tesoro, sono una donna quasi alcolizzata e depressa, con un matrimonio alle spalle fallito, un altro quasi fallito ed ho quarantadue anni, praticamente al limite per sperare di avere un altro figlio… ma se il Cielo fosse dalla mia parte avrei dato una svolta alla mia vita.
Tim: E quindi ha scelto me per l’estremo tentativo? Posso sapere il motivo?
Signora Bradley: Non ti ho scelto io Tim… sei stato tu a farti scegliere con la tua timidezza disarmante.
Tim: Il risultato però non cambia…
Signora Bradley: Mica crederai che ti abbia sedotto perché sei un ottimo amante…
Tim: Non intendevo questo, comunque se la sfortuna mi assiste sarò padre e non per mia volontà.
Signora Bradley: Oh no Tim tranquillo, non succederà. E' solo una mia illusione e del resto una donna ha bisogno sempre di un pretesto per fare l'amore. Comunque io e te non ci siamo mai visti. A meno che tu, uscendo di qui, non voglia mettere i manifesti per tutta la città!
Tim: Me ne guardo bene, quello che è successo stasera sarà un mio esclusivo vanto!
Signora Bradley: Ecco, bravo… quello che succederà dopo non ti deve riguardare.

TIM NON E’ ANCORA TRANQUILLO.
Tim: E con suo marito?
Signora Bradley: Per la regola di prima ovvero sulle corna portate con disinvoltura… non ci sarà bisogno di avvocati per il divorzio…
Tim: Perché non ha divorziato prima?
Signora Bradley: Sono una donna ricca mio caro, non è facile sbarazzarsi dei mariti. Il mio attuale marito, che con i miei soldi flirta alle mie spalle con la regina delle bionde, spera ardentemente di seppellirmi e godersi l’immensa eredità. Per questo motivo questa volta non ho scelto un futuro sposo per concepire il mio sogno. Ho chiuso il sipario all’amore e soprattutto ai matrimoni. Ricordi la prima sera quando ti dicevo che c’è sempre bisogno di un avvocato e che non bisogna credere alle apparenze?

TIM E’ FRASTORNATO, SI E’ RIALZATO E SI STA VESTENDO.
Tim: Capisco Signora Bradley.
Signora Bradley: Sarò una donna libera mio caro con una splendida figlia ormai grande e un marmocchio per non cadere nell’abisso della depressione e non annoiarmi durante la vecchiaia.
Tim: E se non succederà niente, se non rimarrà incinta?
Signora Bradley: Tim tesoro, ma davvero credi di essere il primo? Credi davvero che non ci abbia già provato? Stasera prima di tornare a casa… fatti un giro al Bowling e chiedi ai tuoi amici… Se non succederà tenterò ancora alla prossima festa di laurea.

TIM ORA SI STA ANNODANDO LA CRAVATTA, LA DONNA INVECE E’ ANCORA NUDA DISTESA SUL DIVANO.
Signora Bradley: Ma una cosa voglio dirtela Tim. Tu sei stato un osso duro. Non credevo fosse così difficile portarti a letto. Mi hai fatto veramente penare.
Tim: Una magra consolazione… Dal mio punto di vista mi sento solo usato…
Signora Bradley: Non me ne volere Tim! Ti ho ricompensato alla grande, in fin dei conti hai fatto l’amore con una signora desiderata da tutti gli uomini della zona e comunque penso a quanto possa essere fortunata la tua ragazza, sarai senz’altro un degno marito!
Tim: Dice? Per quanto mi riguarda è stato un mezzo fallimento!
Signora Bradley: Oh caro, per imparare a fare l’amore c’è sempre tempo… e tu ne hai a sufficienza.









FINE





















 
 
 




Liberamente ispirato a The Graduate di Charles Webb.
Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
TUTTI I RACCONTI DI ADAMO BENCIVENGA
Photo Marc Rogoff

© Adamo Bencivenga - Tutti i diritti riservati
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore












1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1