HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Adamo Bencivenga
L'Arte di Amare







Foto Anna Koudella

 


Rochefort-sur-Loire. Palais de Ventadour, 12 Giugno 1775
Madame Isabelle de Ventadour e Marquis Louis Antoine de Bougainville


Marquis Louis Antoine de Bougainville: Mia Lady sapete benissimo che ho lasciato Parigi e i miei affari per voi. Siete una donna così incantevole che sarebbe difficile per me rassegnarmi, fare le valigie e tornarmene mestamente a casa.
Madame Isabelle de Ventadour: Incantevole Marchese? Allora mancate davvero tanto da Parigi. Credo che dobbiate tornarci al più presto e rendervi conto di cosa sia la bellezza.
Louis: Voi rappresentante la bellezza, mia signora. Quella senza tempo, quella a cui un vero uomo non potrebbe mai rinunciare.
Isabelle: Sapete una cosa Marchese? Forse sarà la mia età non più acerba, ma da un po’ di tempo il miele delle lusinghe lo trovo stomachevole.
Louis: Non mi rassegno e vorrei dimostrarvi quanta sincerità alberga nel mio cuore. E se me lo consentite vorrei fare un ennesimo tentativo.
Isabelle: Di circuirmi?
Louis: Oh no mia Lady, sono un illuso sì, ma vorrei che voi ricambiaste i sentimenti che provo per voi.
Isabelle: Avete provato con qualche fluido magico?
Louis: Dite che ne ho bisogno? Non vi è sufficiente il mio ardore e la mia devozione nei vostri confronti?
Isabelle: Vedete Marchese dopo la mia precedente esperienza sono diventata insolente e soprattutto indifferente ai sussulti del cuore. Direi uno spettacolo noioso e deprimente nonché prevedibile in tutte le sue fasi.
Louis: Considerate l’amore noioso?
Isabelle: Direi banale quando per far sì che sia credibile occorre rispettare dei cliché tremendamente scontati.
Louis: Allora non demorderò a costo di tediarvi, sempre che la mia presenza qui nel vostro palazzo non vi secchi e non sia di disturbo.
Isabelle: Oh Marchese finché il mio punto di vista rimarrà così distaccato potete stare tranquillo. La vostra presenza qui è di conforto alla mia solitudine ed è molto gradevole purché rimanga nei ferrei canoni dell’amicizia.
Louis: Ne sono onorato!
Isabelle: Quindi malgrado la mia indifferenza verso i vostri sentimenti, siete deciso a rimanere qui?
Louis: Ci rimarrò finché me lo permetterete.
Isabelle: Sono un osso duro, vi stancherete vedrete…
Louis: Allora sarà bello stancarci insieme.
Isabelle: Non è mai bella la noia seppur condivisa.
Louis: Ditemi, amavate il vostro defunto marito?
Isabelle: Che strana domanda mio Marchese, lo amavo come una donna deve amare il proprio sposo, ma in verità provavo solo affetto e fino al nostro matrimonio…
Louis: Non capisco Madame.
Isabelle: In sincerità ditemi voi come si possa amare un uomo che faceva dell’adulterio la sua unica regola di vita.
Louis: Quindi rimpiangete di esservi sposata?
Isabelle: Secondo il mio modesto parere credo sia deplorevole che il matrimonio sia accessibile a persone che una volta sposate fanno di tutto per sconfessarlo, come del resto faceva la buon anima di mio marito.
Louis: Lo avete colto in fallo?
Isabelle: Oh più volte…
Louis: Perché lo faceva?
Isabelle: Logico, non trovava più desiderio desinare alla solita tavola. Ed in effetti la cosa più inqualificabile del suo comportamento non era il suo continuo cibarsi ad altri talami, ma il suo desiderio smodato di appagarsi con cameriere, sciacquette e donne di infimo rango e dubbia moralità.
Louis: Quindi se vi avesse tradito con donne della vostra classe, dite, sarebbe stato differente?
Isabelle: Sarebbe stato sicuramente più onorevole per lui. Invece, per quanto mi riguarda, dopo quell’esperienza ho capito di non essere fatta per la vita di coppia.
Louis: Quindi è questa la causa della vostra ritrosia?
Isabelle: Per l’appunto!
Louis: Ma dalla dipartita di vostro marito non avete più desiderato amare ed essere amata? Dico veramente amata.
Isabelle: Perché voi ne sareste in grado?
Louis: L’amore è semplicemente un’alchimia elementare. E il mio desiderio nei vostri confronti mi fa pensare di esserne capace più di ogni altro.
Isabelle: Marchese vi prego…
Louis: Sono sincero come mai mi era capitato in passato.
Isabelle: Mio povero Marchese vi faccio questo tremendo effetto? Difficile trovare uomini di siffatta natura.
Louis: Orbene lo sono mia Signora.
Isabelle: Molto spesso mi sono accorta che gli uomini che si credevano follemente innamorati bruciavano la loro passione molto più rapidamente di chi invece cercava semplicemente una vera amicizia.
Louis: E perché mai mia Lady?
Isabelle: Ovvio Marchese, perché l’amore unito ai piacere della carne diventa anch’esso fragile come fragili diventano i perduti amanti.
Louis: Come potete non amare l’amore se non lo avete mai provato?
Isabelle: Conoscendovi di fama e visto che non vi siete mai sposato potrei rivolgervi la stessa domanda.
Louis: I casi della vita sono imponderabili.
Isabelle: Non so voi, ma io, in questo momento, credo solo nell’amicizia.
Louis: Sbagliate madame, io l’amore l’ho conosciuto e nessuna amicizia potrà mai essere tale.
Isabelle: Marchese, ma se dite di averlo conosciuto come mai in questi anni vi siete concesso esclusivamente ad avventure senza futuro?
Louis: Perché l’avventura si riconosce tale solo alla fine della sua repentina parabola discendente, ma vi giuro che l’approccio aveva ben altra dignità, ovvero ricercare l’amore in ognuno di quelle relazioni.
Isabelle: Oh povero Marchese, siete stato davvero sfortunato.
Louis: Beh la fortuna gira, ora devo ringraziare la sorte per aver incontrato voi…
Isabelle: Deluso dalle donne quindi? E perché mai la nostra eventuale relazione dovrebbe essere diversa?
Louis: Oh Madame mi sorprendo di voi. Mi state offrendo un’occasione con i fiocchi.
Isabelle: Dite.
Louis: Voi siete diversa da tutte le altre, così diversa che nonostante le mie innumerevoli delusioni sono qui con voi in questo momento speranzoso che la vostra opinione sull’amore cambi verso e direzione.
Isabelle: Ma come? Io vi sto dando speranza? Siete molto comico Marchese, per questo mi aggrada la vostra compagnia e vi ho dato il permesso di soggiornare nel mio palazzo.
Louis: Non credo di essere divertente, gli uomini innamorati sono maledettamente noiosi. Direi forse che sono ossessionato da voi.
Isabelle: Ecco appunto Marchese, la sola mia speranza allora sarà quella di scacciare dalla vostra mente quella che voi chiamate ossessione.
Louis: Non dalla mia mente Madame, ma dal mio cuore!
Isabelle: Non vi sforzate Marchese ad accreditarvi ai miei occhi come un innamorato folle, non sono più una bambina e forse è per questo che odio follemente gli innamorati folli. Sapete cosa penso di voi? Che il vostro orgoglio è tale che non tornerete a Parigi finché non avrete catturato la vostra preda.
Louis: Mi giudicate così ignobile madame?
Isabelle: Non giudico voi Marchese, ma gli uomini tutti, disposti a qualsiasi travestimento per ottenere i propri scopi.
Louis: E voi dite, vi giudicate davvero una preda?
Isabelle: Marchese suvvia, da quando siete qui non fate altro che identificarvi nel ruolo del bravo cacciatore! Tuttavia se parlo in questo modo è perché sapete benissimo che le vostre lusinghe non mi sono indifferenti.
Louis: Questa è più di una speranza e soprattutto un incoraggiamento a proseguire la mia permanenza nel vostro bel palazzo.
Isabelle: Non credo che la vostra ulteriore permanenza qui mi farà cambiare opinione. Le donne non sono così volubili mio caro Louis.
Louis: La volubilità è un dono prezioso quando ci si rende conto di aver sbagliato opinione.
Isabelle: Suvvia marchese presto sarà un mese che voi siete qui sottraendovi alla mondanità di Parigi e trascurando i vostri affari. Non vedere in tutto ciò la follia per un bene effimero?
Louis: Lei un bene effimero madame, vi considerate così poco? In vero la follia, se di questo vogliamo parlare, sono tutti gli anni passati lontano da voi.
Isabelle: Marchese state perdendo smalto, un tempo eravate molto più abile nelle lusinghe e soprattutto nel riconoscere le aspettative dell’altra persona.
Louis: La sincerità è spesso maldestra e non intraprende i sentieri della seduzione. È così, com’è vulnerabile e penosamente innocente.
Isabelle: Un giorno rimpiangerete di essere stato qui ed aver sprecato il vostro prezioso tempo.
Louis: La vostra compagnia è il bene più prezioso madame.
Isabelle: Prezioso finché non raggiungete l’obiettivo immagino.
Louis: Prezioso perché mi date fiducia. Per il cuore di un innamorato anche il più tenue indizio è fonte di ritrovata vitalità.
Isabelle: Io vi do delle prove?
Louis: La vostra compagnia fortifica i miei sentimenti.
Isabelle: A forza di fortificarsi saranno di pietra allora!
Louis: Vi burlate di me? Sembrerò un idiota, ma adoro il vostro sorriso.
Isabelle: Quindi sperate ancora che io mi conceda a voi? E come fate allora a rimanere così paziente?
Louis: Dovrei importunarvi contro la vostra volontà?
Isabelle: Oh Marchese giammai, ne andrebbe del vostro decoro e dell’etichetta del nostro rango. Comunque devo complimentarmi con voi di essere sempre stato padrone di voi stesso e di non avere ancora tentato di baciarmi, del resto di occasione ne avete ogni giorno e in vari momenti del giorno.
Louis: Confesso di essere meschino mia Lady, avrei paura di offendervi e di pregiudicare la nostra amicizia per sempre.
Isabelle: Questo è un ragionamento troppo razionale per un uomo che si dichiara impaziente e follemente innamorato.
Louis: Sono troppo ragionevole?
Isabelle: Noto semplicemente le vostre contraddizioni Marchese. O siete troppo innamorato o troppo calcolatore, le due cose insieme non vanno a braccetto.
Louis: Ma allora volete dire…
Isabelle: Non dico più niente…
Louis: Avete timore di svelarvi?
Isabelle: Perché mai? Sono una donna libera.
Louis: Ho sempre apprezzato la vostra libertà di spirito.
Isabelle: Sono vedova, quindi libera da ogni legame e non solo nello spirito.
Louis: Quindi avreste voluto…
Isabelle: Non correte Marchese. Ho solo detto che avete sbagliato approccio fingendovi innamorato. Del resto non ho mai sopportato le strategie infarcite di menzogne. In amore il fine non giustifica mai i mezzi con i quali si ottengono le grazie di una donna.
Louis: Fatemi comprendere, mi avreste ospitato ugualmente nel vostro meraviglioso palazzo se avessi detto che il mio fine era quello di portarvi a letto?
Isabelle: Oh che brutto modo di esporre le cose, a volte davvero siete noioso… Comunque sareste stato più sincero.
Louis: Ma se fossi sinceramente innamorato?
Isabelle: Non lo siete marchese, voi siete innamorato del vostro desiderio di portarmi a letto… Anzi permettete un consiglio, la cifra che avete scommesso è troppo alta.
Louis: Che dite madame, non vi capisco, avete delle prove?
Isabelle: Nessuna prova Marchese, era un modo per dire che siete troppo sicuro con voi stesso.
Louis: Ma su di voi non pende alcuna scommessa perché sono semplicemente affascinato da voi.
Isabelle: In ogni caso chi vi dice che io preferisca un innamorato ad un amico.
Louis: Già sin dall’inizio mi avete detto che la vita di coppia non fa per voi.
Isabelle: Appunto Marchese, mi spiace che voi avete continuato imperterrito con le vostre lusinghe.
Louis: Posso rimediare?
Isabelle: Ovvero volete cambiare tattica?
Louis: Sarebbe alquanto imbarazzante, ma se il fine è appagare i nostri desideri lo farei volentieri.
Isabelle: Eh no Marchese, una donna non si concede per il solo desiderio. L’etichetta ha le sue regole.
Louis: Oddio Madame non vi comprendo. Prima mi dite che quel talamo è più facile raggiungerlo come amico che come amante, ora che i piaceri della carne non sono sufficienti…
Isabelle: Marchese, Marchese… Non dovevate fingere di essere quello che non siete ovvero provare dei sentimenti nobili per me, ma allo stesso tempo, per centrare il vostro obiettivo avreste dovuto comportarvi in modo tale che io fingessi di provare dei sentimenti nei vostri confronti, ma ahimè siete partito a briglia sciolte preoccupandovi di circuirmi con i vostri buoni, ma purtroppo finti sentimenti.
Louis: E ora?
Isabelle: Lasciate che sia io a lusingarvi.
Louis: Cosa cambierebbe?
Isabelle: Otterreste il vostro obiettivo.
Louis: Quindi possiamo cominciare?
Isabelle: Oh no Marchese ora sarebbe solo una plateale commedia. Dirvi che io sia innamorata di voi è ovvio che suonerebbe come un mero invito nei miei appartamenti.
Louis: E quindi?
Isabelle: Lasciate che il tempo dimentichi questa vostra permanenza qui e i miei consigli finiscano nell’oblio.
Louis: Non ho speranze quindi?
Isabelle: Le avrete mio caro Louis, le avrete… Tuttavia se al vostro ritorno a Parigi, e credo di non sbagliarmi se immagino che la vostra partenza avvenga prima del prossimo tramonto… Dicevo se vi dovesse accadere una situazione simile, ovvero una signora di una certa età, sola e disponibile alla conversazione, non fate il primo passo e non riempitela di lusinghe, ma lasciate che sia la donna a condurre le danze su quel terreno che avrete maliziosamente preparato, in cui sboccerà quello che entrambi chiamerete fintamente amore.
Louis: Madame, perché mai un uomo non dovrebbe essere così persuasivo? Cosa cambierebbe se fosse la donna a fare il primo passo?
Isabelle: Marchese, vedo che non siete attento. Non ho detto che sia la donna a fare le prime avance… Inorridisco al pensiero! Ho detto che l’uomo deve preparare il terreno in cui la donna si sente a proprio agio nel manifestare i propri interessati desideri.
Louis: Grazie Madame, allora farò tesoro dei vostri consigli.
Isabelle: Date retta a me, non c’è altra soluzione, voi siete uomo e vi prego di non invadere il campo dell’arte di amare. Non vi è concesso. Lasciate che sia la donna, maestra di convenevoli e di cerimonie, a dissimulare ciò che voi avete penosamente tentato di fare, e se lei vorrà, come avrei voluto io, risulterà tutto fintamente sincero per la soddisfazione di entrambi.
Louis: Quando potrò tornare a trovarvi?
Isabelle: Il tempo necessario perché voi riteniate che io abbia dimenticato quello che ho appena detto, Marchese. E pensando alla mia età credo che avverrà molto presto!




FINE


 

















 
 
 





Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
TUTTI I RACCONTI DI ADAMO BENCIVENGA
Photo Anna Koudella
Model Sara Aslan

© Adamo Bencivenga - Tutti i diritti riservati
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore












1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1