HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Adamo Bencivenga
La Favorita







Foto Aleksey Galushkin

 


“Salve sono la nuova Favorita.”
Disse la ragazza vestita di bianco al maggiordomo seduto sulle scale del palazzo.
“Un’accoglienza davvero insolita!” Pensò lei sistemandosi il cappello.
Intento a lucidarsi le scarpe, il maggiordomo non rispose, alzò lentamente lo sguardo e la guardò da capo a piedi, poi con un ghigno tra il mezzo sorriso e lo schifato tornò alla sua attività.
“Salve sono la nuova Favorita.” Disse ancora la ragazza in evidente imbarazzo, poggiando le due enormi valige a terra.
Il maggiordomo a quel punto si rimise le scarpe perfettamente lucide con l’aiuto di un calzante di osso e si alzò in piedi. Solo in quell’istante, dopo aver ammirato le sue scarpe, si occupò della ragazza:
“Voi siete la nuova Favorita e desiderate essere ricevuta dalla signora Contessa, immagino…”
“Ma veramente ho un appuntamento col signor Conte Vadim Suntherland.”
Rispose lei leggendo il nome su un foglio di carta.
“Oh signorina, qui non funziona così.”
“Ah no? Eccome?”
“A tempo debito lo imparerete da sola.” Disse il maggiordomo sollevando da terra le due enormi valigie.
Poi proseguì: “Prego, vi faccio strada.”

Insieme varcarono l’enorme portone e furono ingoiati da una penombra fredda e polverosa. Davanti ad una grande specchiera incorniciata sontuosamente il maggiordomo, ora più socievole, chiese alla ragazza da dove venisse e quale fosse il suo nome in modo da annunciarla alla signora Contessa.
“Provengo da Preston e mi chiamo Mary.” Disse lei porgendo all’uomo il foglio di carta in cui erano scritte le sue generalità e l’attestato di Favorita.
Il maggiordomo lesse attentamente il foglio e solo a quel punto la fece accomodare nella Sala delle Armi e degli Arazzi.
“Vi prego di attendere qui e di non muovervi prima dell’arrivo della signora Contessa.”
Poi prima di uscire dalla sala suonò il campanello annunciando la presenza della nuova arrivata.

Mary si mise seduta e in evidente apprensione agitò freneticamente il suo ventaglio, più volte si asciugò il sudore sulla fronte, più volte guardò oltre la porta in attesa di qualche ombra, poi stanca di aspettare si alzò e andando verso la grande biblioteca a muro, lesse distrattamente i titoli dei libri, quasi tutti di narrativa sentimentale e rigorosamente disposti in ordine di autore.
Nell’attesa ricordò il momento esatto, quando una settimana prima, aveva appreso la notizia di essere stata scelta dal Conte Vadim Suntherland e l’ora e il giorno in cui si sarebbe dovuta presentare. Leggendo le era mancato totalmente il respiro, poi era corsa in casa e facendo salti di gioia aveva abbracciato i suoi genitori, i quali in evidente stato di euforia le avevano dato i primi consigli pur non sapendo bene cosa dovesse fare una Favorita. Poi insieme a sua cugina Molly era andata dalla sarta e si era fatta confezionare i primi quattro vestiti per coprire interamente almeno le fasi della prima giornata come Favorita.

Ora era lì in attesa e quasi non le sembrava vero di essere finalmente una Favorita! La Favorita di un Conte poi… pensò a quanto potesse essere interessante nell’aspetto e quanto sapesse baciare bene un Conte. Sicuramente esperto, sicuramente dai modi aristocratici e gentili, sicuramente maschio, deluso o stanco delle grazie della propria moglie. La sorte l’aveva aiutata ed ora era giunto il momento di dare tutta se stessa ad un uomo!
Così fantasticando si rimise seduta ad aspettare, rimanendo immobile e facendo bene attenzione a non calpestare le righe nere del pavimento.


*****


La Contessa consorte di secondo letto del Conte Vadim arrivò circa venticinque minuti dopo. Con aria altezzosa si avvicinò alla nuova arrivata molto lentamente. Incantevole e dall’aspetto giovanile aveva un portamento quasi regale e una bellezza sopra ogni limite. Mary colpita dal suo fascino, tremante si alzò in piedi, fece tre passi in avanti, poi con un leggero inchino di circostanza disse:
“Salve sono la nuova Favorita.”
“Salve.” Rispose la donna. “Sono la Contessa Anna Vera Suntherland.” Disse sussurrando a malapena il suo nome.
“Sono qui per servivi…” Replicò la ragazza sorridendo umilmente.

A quel punto, alla luce della grande vetrata laterale, vedendo le delicate fattezze del viso di Mary, la donna cambiò atteggiamento.
“Chissà per quale strano motivo mi aspettavo una ragazza dai lineamenti marcati e dal trucco grossolano.” Disse la contessa alquanto sorpresa. “Voi siete davvero un incanto signorina!”
Quella vista l’aveva messa decisamente di buon umore e con fare gentile, al limite del confidenziale, rispose all’inchino della nuova arrivata abbracciandola calorosamente.
“Mia cara, mio marito ha affidato a me queste noiose incombenze preliminari. Spero non vi dispiaccia.”
La ragazza, giudicando comunque insolita quell’accoglienza, era effettivamente imbarazzata. Durante il suo lungo viaggio da Preston, aveva immaginato diversi scenari, addirittura se avesse dovuto cedere immediatamente alle eventuali, ma molto probabili, effusioni del signor Conte Vadim e fino a che punto avrebbe dovuto tenerle a bada o addirittura respingerle. Oppure se avesse avuto il tempo di cambiarsi ed indossare la sua stupenda lingerie da sera, ma mai aveva immaginato che, ad accoglierla e a fare gli onori di quella casa così austera, fosse addirittura l’affascinante Contessa consorte.

A quel punto, le due donne, prese dall’evidente smania di conoscere l’altra e farsi conoscere, si accomodarono sul grande divano di velluto rosso, nel momento in cui il maggiordomo, accompagnato da due valletti in livrea dorata, fece la sua entrata trionfale con un carrello ricolmo di dolci, frutta e un bollitore fumante di thè.
“Avete fatto buon viaggio?” Chiese la donna.
“Oh sì grazie, abbiamo fatto una sola comoda sosta alla Posta di Crichtonburg per rifocillarci e far riposare i cavalli. Per il resto tutto bene anche se non immaginavo che il viaggio fosse così lungo.”
“Non vi siete riposata per la notte?
“A dir la verità ero così in ansia che ho pregato gli uomini di sostare solo il tempo necessario.”
“Conoscevate questi luoghi e il castello?” Disse la contessa.
“Solo di fama.” Rispose Mary sperando che il suo belletto fosse ancora decente e il suo viso presentabile.
“È da molto tempo che siete in attesa di assegnazione?”
“Da circa sei mesi.”
“Perché avete scelto di fare la Favorita?”
“Perché era l’unico modo per una figlia di contadini arrivare qui, in questo mondo da sogno, e vivere a contatto con persone di alto ceto sociale ed elevato benessere.”
“Siete ambiziosa Mary?”
“Qualsiasi persona di intelletto credo lo sia.”
“E dite… siete felice?”
La ragazza ci pensò un attimo, poi rispose:
“Del resto le mie origini non mi hanno consentito altra scelta. Ed ora sono felice di essere qui.”
“Voi siete consapevole di essere stata fortunata, vero?”
“Il Fato non poteva farmi un favore più grande.”
“Mio marito, il conte Vadim, non è un uomo semplice, ma per voi non credo sia un problema!”
“Spero che il signor Conte possa apprezzare la mia dolcezza, la disponibilità e la mia abnegazione.”
“La sua sola preoccupazione non riguarda le sue doti caratteriali, ma il fatto che tra noi due donne si istauri una perfetta e completa sintonia. Per quanto mi riguarda lui mi ha affidato il compito di valutare il suo aspetto fisico a da ciò esprimere o meno un mio gradimento.”
“Spero vivamente di superare entrambi gli esami…”
“Secondo il contratto da voi firmato, la vostra missione è da ritenersi temporanea. Al compimento dei sessanta giorni il signor Conte, a suo inappellabile giudizio e secondo la legge vigente che regola i rapporti con le favorite, potrà rinunciare ai vostri favori o altrimenti prolungare la vostra missione determinandone il periodo per un anno, tre o cinque. Trascorso tale periodo il tempo della sua permanenza nel castello non sarà più procrastinabile.”
“Conosco le norme, mia Signora.”
“E allora saprete pure che il genere di relazione non potrà in alcun modo essere di tipo sentimentale. Qualsiasi sgarro sarà punito con la rescissione del contratto e senza alcun corrispettivo per tutta la vostra durata nel castello.”
“Potete star sicura che da parte mia non ci sarà alcun coinvolgimento affettivo.”
“Anche da parte del Conte… Questo ve lo posso assicurare fin d’ora! Del resto voi avete ben chiara la vostra missione e se il conte o chiunque in questo castello si dovesse innamorare di voi sarebbe allo stesso modo colpa vostra.”
“Farò il mio possibile perché non accada, mia Signora.”

Dopo un attimo di silenzio, quasi titubante, la donna disse: “Giudicate insolita la mia presenza qui ora?”
“Il maggiordomo mi aveva anticipato il nostro colloquio.”
“Per forza di cose dovremo vivere molto tempo insieme ed abitare sotto lo stesso tetto, per cui, come dicevo, è d’obbligo una certa complicità tra noi.” Disse la donna quasi giustificandosi.
“Sono qui per servirvi mia signora. A scuola ci hanno insegnato l’arte del colloquiare e quella di intrattenere nonché i rudimenti di una vera Dama di Compagnia. Spero vivamente di essere all’altezza della vostra confidenza.”
Così dicendo Mary si avvicinò al tavolo e riempì le due tazze di thè.
“Vedo che non perdete tempo.” Disse la donna apprezzando il gesto.
La ragazza sorrise e porse una delle due tazze nelle mani della signora.

La Contessa a quel punto, persuasa dalle risposte e il comportamento, seppur schietto e genuino, della ragazza, iniziò a scrutare le sue fattezze per il definitivo consenso. Adagiò delicatamente la tazza sul vassoio d’argento e disse:
“Se voi siete d’accordo passerei alla parte più antipatica del nostro colloquio.”
“È in vostro potere ordinare.”
“Siete bella Mary, non vi nego di aver visionato altre aspiranti favorite, ma con scarsi risultati.”
“Vi ringrazio Signora, ma anche io non le nego di aver avuto altri colloqui.”
“Dunque?”
“Come detto non mi era mai capitato di essere esaminata dalla consorte del richiedente e soprattutto da una donna di simile bellezza.”
“Dispiaciuta?”
“Oh no, semplicemente mi chiedevo perché mai l’illustrissimo Conte, avendo la fortuna di avere una moglie così bella accanto, avesse bisogno dei miei favori.”
“Mia cara le circostanze della vita sono diverse da come appaiono.”
“Voi siete una donna affascinante e nessuna Favorita potrà mai essere alla vostra altezza.”
“Siete schietta Mary, ma penso che sia la vostra inesperienza a farvi parlare in tal modo. Credetemi, le cose del mondo non sono così semplici. Alle volte la bellezza è solo un bene effimero e non sempre gli uomini riescono ad apprezzarla.”
“Per questo motivo siete voi e non vostro marito ad esaminarmi?”
“Lui, come tutti gli uomini a questo mondo è decisamente un tipo grossolano e non credo sarebbe in grado di farlo.”
La donna così dicendo fece un lungo respiro, poi riprese: “Penso veramente che io e voi andremo molto d’accordo…”
“Per me sarebbe un onore.”
“E per me un piacere…” Poi dopo un attimo di esitazione disse:
“Or dunque procediamo?”

Mary si alzò in piedi con estrema delicatezza, si pose davanti alla donna e si fece guardare. Le sue mosse erano così studiate che gli occhi della Contessa non riuscirono a non pensare ad una leggiadra e maliziosa adolescente in cerca di consenso. Assimilò quella leggerezza ad una farfalla regina, che staccandosi dal fiore, dal quale aveva preso tutto il nutrimento, prendeva di nuovo il volo verso altri petali. Poi, sempre con estrema delicatezza, la nuova arrivata tolse la blusa rimanendo con il solo corpetto di pizzo bianco. A quel punto si voltò e forse per timidezza diede le spalle alla Contessa, iniziando, come da istruzioni ricevute, a slacciare i dodici bottoni coperti di raso.
“Voltatevi.” Comandò la Contessa tradita da una palese impazienza.
La Favorita non perse tempo, fece scivolare il corpetto sulla sua pelle candida e con studiata maestria si fece ammirare scoprendo delicatamente il suo seno bianco e sfiorando con i polpastrelli delle sue dita i suoi capezzoli rosei ed acerbi.
Alla Contessa apparve in tutto il suo candore l’emblema della purezza mista ad un tocco di furbizia malcelata. Ripensò di nuovo alla farfalla e, non sapendo cosa aggiungere, confessò spontaneamente la sua aspettativa.
“Ho fiducia in voi e spero che nessuno mai abbia avuto la fortuna di baciare il suo seno. Uomo o donna che fosse!”

Mary rimase in silenzio, poi si avvicinò per dimostrare alla donna quanto quel seno fosse candido, innocente e ancora incontaminato dai desideri maschili.
“Dite, conoscendo i gusti di vostro marito, il Signor Conte apprezzerà?” Era evidente, pensò la donna, che la ragazza ricercasse complicità e sostegno, ma non rispose.
Continuando ad ammirare quella carnagione al limite della trasparenza disse: “Il protocollo come voi ben saprete vi obbligherebbe a spogliarvi completamente fino a mostrare ciò che ben presto donerete. Ma per quanto mi riguarda è sufficiente quello che ho visto.”
“Davvero? Non desiderate vedere altro?”
“Difficilmente le mie intuizioni mi tradiscono e la vostra rosa sarà in egual misura incantevole come quelle più pregiate che curo nel mio giardino.”
“Coltivate le rose?”
“Più di quanto lo faccia mio marito!”

La ragazza sorrise timidamente, ma non ebbe il tempo di ringraziare.
“Voi siete vergine vero?”
“Viste le clausole del contratto non potrei non esserlo.”
“Quindi sapete a cosa andreste incontro in casa negativo?”
“So tutto mia signora, questa è un’occasione alla quale mai rinuncerei.”
“Mai, mai?”
“Mai!”
“Bene, e ditemi, se per caso la vostra illibatezza dovesse rimanere tale fino alla fine della vostra permanenza qui, vi infastidirebbe?”
“Sono qui per favorire la passione del signor Conte, e come meglio lui vorrà soddisfarsi, per cui non avrei alcun problema.”
“Bene.” Disse ancora la signora Contessa.
Poi trattenendo il fiato più del dovuto continuò:
“Potrebbe esserci questa eventualità. Mio marito del resto non è molto attratto da queste cose.”
“Dite dalla mia illibatezza?”
“Per l’appunto, mia cara!”
“Allora spero con tutto il cuore di far ricredere il Signor Conte.”
“Potrebbe non essere necessario.”
“Il Signor Conte non ama portare a compimento la sua passione?”
Non ottenendo risposta, Mary alquanto dubbiosa riprese:
“Devo sapere qualcosa in merito a come debba intrattenere il signor Conte?”
“Nulla per quanto vi riguardi.” Disse la Contessa leggermente infastidita.
La ragazza notò l’irritazione e disse:
“Se sarò chiamata ad appagare solo l’apparenza, mi immedesimerò in quel ruolo.”
“Siete qui per essere la Favorita.” Poi aggiunse: “Ora potete sedervi.”

Mary ottenuto il permesso si accomodò con estrema leggiadria sul divano accanto alla Contessa, alla quale non sfuggì il suo profumo di gelsomino e rosa spina.
“Siete davvero bella.” Disse ammirando il seno nudo.

Le due donne rimasero per una frazione di secondo in silenzio guardandosi negli occhi. La ragazza avvertì un leggero affanno nel respiro della donna.
“Grazie, vi sono estremamente grata. Se ora qui ci fosse il signor Conte non disdegnerei di fargli constatare la consistenza dei miei germogli. Spero davvero di essere all’altezza per il secondo esame.”
“E se non ci fosse?”
“Intendete dire che potreste essere voi ad esaminarmi?”
“Le mie mani sarebbero sicuramente più esperte e competenti, più di quanto immaginiate o possano fare quelle di mio marito.”
“Ma non sarebbero quelle di un uomo.”
La donna notò l’evidente provocazione.
“Intendete dire che c’è differenza?”
“Beh non sarebbero solo quelle a far la differenza… ma immagino che il signor Conte si fidi ciecamente del vostro giudizio…”
“A mio marito potrebbero non interessare le vostre fattezze. Lui ama prevalentemente passare il suo tempo andando a cavallo, a cacciare le volpi, a bere ottima birra irlandese con i suoi amici intimi e a sollazzarsi con donne di osteria di infimo rango. Frequenta raramente il talamo di una signora.”
“Se il mio compito sarà quello di fargli cambiare le sue preferenze metterò in gioco tutta la mia femminilità. Sarò sempre a sua disposizione e mi farò trovare pronta ad ogni genere di sua richiesta.”
“Sarà una lunga attesa in questo senso.”
“Mi appassionano i compiti ardui.”
“Potrebbe non essere arduo, ma solo insolito.”

A quel punto la ragazza, incuriosita dalle parole della Contessa, disse:
“Mi perdoni mia signora, conosco il mio ruolo e so che non dovrei fare domande inopportune, ma vista la vostra cordialità mi permetto di chiedervi il motivo per cui sono stata chiamata qui.”
“La risposta è semplice mia cara, per un unico scopo, ovvero quello di assumere il ruolo di Favorita in questo Castello. I modi e i tempi li stabiliremo strada facendo.”
“Vostro marito immagino sia d’accordo.”
“Lasciate perdere mio marito, le vostre grazie necessitano di attenzioni molto più particolari.”
La donna a quel punto avvicinò le sue mani senza però sfiorare il seno della ragazza.
“Fate pure mia signora. Ho compreso perfettamente che il vostro giudizio vale di gran lunga molto di più di quello del signor Conte.”
“Mi affido alla sua riservatezza.” Così dicendo la donna strinse leggermente le carni vergini della nuova arrivata.
“Desiderate baciarlo?”
“Ora non è necessario.” Disse la donna con un tono di voce che tradiva i suoi desideri.
"Vi prego... gradite" Disse la ragazza porgendo i suoi boccioli candidi. “Vorrei che il vostro rapporto al signor Conte fosse completo in tutti gli aspetti.”
La donna non si fece pregare. Sfiorò delicatamente uno dei due capezzoli con le sue labbra, poi si dedicò all’altro indugiando oltre il necessario e disse:
“Avete un sapore inebriante, simile al gusto delle fragole rosse.”
“Oh grazie mia signora, dite che ho superato l’esame o avete bisogno di altre prove?
Così dicendo la ragazza sollevò la gonna, divaricò le gambe e con due dita socchiuse leggermente le sue labbra in attesa di un bacio.
La donna in evidente stato di agitazione si trattenne, poi con un filo tremante di voce disse: “L’esame è terminato mia cara. Ora potete rivestirvi.”

A quel punto, rossa in volto si alzò di scatto interrompendo bruscamente quel piacevole momento. Poi aggiunse “La cena sarà servita alle ore sei nella grande Sala del Cavallo. Vi prego di non trascurare alcun dettaglio circa la vostra pulizia. Dopo il lungo viaggio sarete accaldata e in questo castello si gradiscono solo rose fresche.”
“Avrò dunque l’onore e il piacere di incontrare vostro marito, quindi…”
“È probabile che ci onori della sua presenza, ma in caso contrario non sarà comunque una serata priva di interesse. Concordate anche voi vero?”
“Quindi veramente le cose non sono come appaiono…”
“Alle volte, come voi possiate ben immaginare, per nessuna ragione occorre renderle pubbliche. Voi siete una ragazza molto perspicace non occorre aggiungere altro.”

La Contessa fece per andare, non prima però di voltarsi di nuovo e fissando la ragazza con uno sguardo severo, chiedere:
“Quindi se il signor Conte, nonostante il mio giudizio positivo, non gradisse le vostre grazie, voi avreste qualche problema?”
“Beh con grande dispiacere sarei costretta a lasciare il castello.”
“Non è detto!”
“Non capisco mia signora!”
“Dico che mio marito potrebbe dare semplicemente il suo assenso.”
“Dite colui che firmerà il contratto?”
“Esattamente.”
“Immagino quindi che siate voi a suggerirgli cosa scrivere…”
“Lui ha gusti molto grossolani, non apprezzerebbe una rosa fresca al sapor di fragola rossa, ma allo stesso tempo mi ama profondamente, per cui non avrebbe alcun problema e farebbe ogni cosa pur di vedermi serena e felice… ma non avete risposto alla mia domanda.”

A quel punto Mary guardò la donna sotto un altro aspetto, era incantevole e sicuramente bisognosa di considerazione. Avrebbe voluto farle ancora una domanda ovvero chi tra lei e il signor Conte avesse davvero bisogno di una Favorita. Ma non la fece perché sapeva benissimo che quel finto esame avrebbe avuto un seguito, anche quella sera stessa.
Pensò alla sua condizione, aveva varcato da poco la soglia di quel castello e per nessun motivo avrebbe voluto affrontare quel giorno stesso il lungo viaggio di ritorno. Di certo quella condizione non era ciò che aveva immaginato come primo incarico da Favorita. Tuttavia, si alzò in piedi, fece un lungo inchino e disse:
“Sono qui per servirvi, mia signora.”
La donna sembrò sollevata e le sorrise maliziosamente.
“Bene.” Disse voltando le spalle alla sua nuova Favorita e scomparendo lungo la penombra della grande Sala delle Armi e degli Arazzi.






FINE





















 
 
 





Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
TUTTI I RACCONTI DI ADAMO BENCIVENGA
Photo Aleksey Galushkin

© Adamo Bencivenga - Tutti i diritti riservati
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore












1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1