HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

 
 

 


ESCLUSIVA

 

 
 




JEANNE HEBUTERNE
NOCE DI COCCO




Jeanne Hébuterne nasce a Parigi il 6 aprile del 1898.
Cresciuta in una famiglia cattolica (il padre Achille Casimìr era un ebreo convertito),
venne introdotta dal fratello André Hébuterne all'interno della comunità artistica
di Montparnasse, divenendo una modella di Tsuguharu Foujita.

Fu soprannominata Noix de coco, a causa del forte contrasto fra le lunghe trecce castane
ed il "pallore che non dava nemmeno l'idea della carne"






Quando incontra Amedeo capisce di aver trovato l'amore della sua vita,
ma un giovane artista squattrinato, ebreo, alcolista e malato di TBC
non era propriamente l'uomo che la sua famiglia avrebbero voluto
per la propria bambina e quindi fanno di tutto per ostacolare l'unione.
Jeanne, sfidando coraggiosamente i pregiudizi sociali, decide di andare
a convivere con il suo uomo in una decadente abitazione in rue de la Grand Chaumière






Modì la ritrasse più di 20 volte e le sue sembianze sono riprodotte
in centinaia di suoi disegni.





 
 

Trasponendo la sua anima nei suoi quadri lui raggiunse la
perfezione, dando divinità alla sua arte attraverso il loro amore.
Non fu mai un’ombra. Fu la luce.



 




Le cose cambiano all'inizio del 1918: Jeanne scopre di essere incinta, i due fuggono  
in Costa Azzurra, nella speranza di un miglioramento della salute del pittore, inseguiti dalla madre
di lei che alloggia in un’altra pensione.  Il 29 novembre 1918, alla Maternité di Nizza Jeanne
dà alla luce una bambina, cui sarà dato lo stesso nome della mamma.








Nel maggio del 1919 il pittore è di nuovo a Parigi, dove un mese dopo Jeanne,
nuovamente incinta, lo raggiunge con la piccola.
Ma le condizioni fisiche del pittore sono oramai allo stremo: alla forma tubercolare
si aggiungono ripetuti attacchi di delirium tremens e infine una nefrite.







"Lui era lì, mi guardava. Sorrideva, nessuna tosse lo dilaniava
più, nessun sangue malato lo consumava. Il cielo lo
avvolgeva. Mi porse la mano. Io la presi."

 







Alle 3 del mattino del 25 gennaio 1920, esattamente 24 ore dopo la morte di
Amedeo Modigliani, Jeanne Hebuterne, al nono mese di gravidanza, si lancia dal quinto
piano della casa dei suoi genitori.








I coniugi Hébuterne si rifiutano di farla seppellire vicino ad
Amedeo perché ancora convinti dell'inadeguatezza di quell'unione.








Per più di 80 anni Jeanne fu condannata per questo gesto estremo.
Le due famiglie cercarono di occultare lettere, disegni e quadri. Solo nel 2000 fu resa nota
la loro scandalosa relazione.








Ma l'amore nella vita e nella morte non si ferma,
Jeanne ed Amedeo resteranno insieme nella eterna dimensione della creazione artistica,
 in un amore trasfigurato nei capolavori che ritraggono il volto e il corpo di Jeanne.








E, a dispetto del mondo benpensante, il loro sarà un amore per sempre.
Il vero amore.








Jeanne Hebuterne e Amedeo Modigliani riposano assieme
al loro bambino mai nato nel cimitero di Pere Lachaise a Parigi.












LEGGI

INTERVISTA IMPOSSIBILE SU LIBERAEVA
WIKIPEDIA
RITRATTI
TRA GENIO E ROMANTICISMO
MON AMOUR

 

 

 

 

 

 

LIBRI






FONTI
https://it.wikipedia.org/wiki/Jeanne_H%C3%A9buterne
FOTO GOOGLE IMAGE


     

 

 

 

 

1








1

SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

1

 

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti



Sei un artista? Hai un sito web, un blog? Sei una modella, un fotografo, scrivi?
Vuoi segnalare un evento d'arte? Fatti conoscere gratis su liberaeva.
Contattaci! Scrivi a liberaeva@libero.it
 
Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

1