HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
INTERVISTA IMPOSSIBILE

1

Beatrice Lillie
Ci sono le fate sul fondo
della mia arte

Attrice e comica inglese è stata definita la donna
più divertente del mondo








(Toronto, 29 maggio 1894 – Henley-on-Thames, 20 gennaio 1989)


 

 

Madame le sue origini?
Il mio nome completo è Beatrice Gladys Lillie. Sono inglese di famiglia, ma nata a Toronto in Canada. Mio padre John Lillie era un ufficiale dell’esercito britannico in India poi trasferito in Canada. Mia madre Lucie-Ann Shaw era una cantante di concerto.

La sua infanzia?
Iniziai a calcare il palcoscenico si da bambina nei teatri itineranti dell’Ontario, ma il mio debutto ufficiale fu nel 1914 all’età di quindici anni in un trio insieme a mia madre e mia sorella maggiore, Muriel.

Da quelle performance venne fuori la sua arte comica…
Divenni nota per le mie parodie vecchio stile e finalmente debuttai a New York nel 1924 e due anni dopo recitai nel mio primo film, continuando a svolgere il mio lavoro sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito.

Durante la prima parte della sua carriera si vociferava su sue relazioni con le attrici Tallulah Bankhead, Eva Le Gallienne e Judith Anderson….
Cosa non si fa per arrivare alla notorietà assoluta ed essere riconosciuta per strada dai propri fan!

Il matrimonio a 26 anni…
Mi sposai in Inghilterra il 20 gennaio del 1920, nella chiesa di St. Paul, nello Staffordshire, con Sir Robert Peel, quinto baronetto ed io divenni Lady Peel, anche se non presi mai sul serio quell’onorificenza. Quel giorno i miei futuri suoceri non parteciparono al nostro matrimonio disapprovando la scelta del proprio figlio per una “teatrante popolare”.

Lei tornò immediatamente a calcare il palcoscenico…
La vita matrimoniale era una noia pazzesca. Rimasi lontano dal palco solo per la nascita di mio figlio Bobbie. Poi ripresi le repliche della rivista Now and Then

Qualcuno dice che la sua insistenza a non rinunciare al teatro era dovuta anche da necessità economiche.
In parte era vero, avevo sposato mio marito praticamente senza un soldo e per giunta non era mai stato in grado di lavorare. La poca rendita andava inesorabilmente nel gioco d’azzardo. Per cui viaggiavo avanti e indietro attraverso l'Atlantico guadagnando da vivere anche per mio figlio e mio marito

Il matrimonio durò 14 anni
Veramente non divorziai mai da mio marito. Comunque sì, ci separammo nel 1934. Purtroppo mio marito morì di peritonite lo stesso anno nella casa della sua amante. Il nostro unico figlio, Sir Robert Peel, sesto baronetto, rimase ucciso nel 1942 durante una missione della Royal Navy, in un raid aereo giapponese sul porto di Colombo, Ceylon.

Durante la Seconda guerra mondiale fu chiamata come intrattenitrice delle truppe.
Ho trascorso gran parte del periodo della guerra divertendo le truppe nella regione del Mediterraneo, l'Africa, il Medio Oriente e, più tardi, in Germania.

Ci fu anche un episodio molto toccante…
So a quale episodio si riferisce. Prima di salire sul palco, venni informata della morte di mio figlio in battaglia. Gli organizzatori avrebbero voluto rimandare lo spettacolo o addirittura cancellarlo ma io mi rifiutai di posticipare la mia performance dichiarando sul palco che avrei pianto il giorno dopo.

Nel 1948, durante un tour all'interno degli Stati Uniti incontrò il cantante attore John Philip Huck…
Tra noi c’era una notevole differenza di età, lui aveva tre decenni meno di me, comunque scoppiò la scintilla e da amico divenne il compagno della mia vita.

Come fu il rapporto con lui?
I miei parenti e amici stretti dicevano fosse una persona senza talento e che aveva sfruttato il mio nome per la sua carriera, ma il realtà mi è stato accanto anche dopo la mia carriera e specialmente negli anni della mia malattia.

Dicono anche che fosse ossessionato dalla gelosia…
Mi amava…

Beatrice Lillie si ritirò dalla scena a causa dell'Alzheimer della quale era affetta. Morì a 94 anni, ad Henley-on-Thames, il 20 gennaio 1989, la stessa data del suo anniversario di matrimonio. Huck invece morì d'infarto 31 ore dopo e fu sepolto vicino alla sua compagna nella cappella della famiglia Peel nei pressi di Peel Fold, Blackburn. Forse forse Beatrice aveva ragione e suoi parenti torto marcio.
Ha vinto un Tony Award nel 1953 per la rivista An Evening With Beatrice Lillie. Per il suo contributo, Beatrice Lillie ha una stella nella Hollywood Walk of Fame al numero 6404 di Hollywood Boulevard.
Dopo aver visto “Una serata con Beatrice Lillie” il critico Ronald Barker scrisse, "Altre generazioni possono avere il loro Mistinguett e la loro Marie Lloyd. Noi abbiamo la nostra Beatrice Lillie e raramente abbiamo visto tanto talento racchiuso in una sola persona."


















 

 
 
 



L'INTERVISTA A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
E' STATA REALIZZATA
 GRAZIE A:

https://it.wikipedia.org/wiki/Beatrice_Lillie
https://en.wikipedia.org/wiki/Beatrice_Lillie



IMAGE GOOGLE
Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it




INTERVISTE IMPOSSIBILI
ELENCO ALFABETICO      ELENCO CRONOLOGICO        ELENCO PER CATEGORIE




1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1