HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
CINEMA PASSIONE

1

«Stai attento a quello che desideri, perché potresti ottenerlo».
INTERVISTA IMPOSSIBILE A

Alex Forrest
Attrazione fatale
A un certo punto, a partire da uno sguardo, da un gesto o da un
sorriso, un estraneo diventa il centro della nostra vita.






1987

 

 

Buongiorno Madame come inizia la sua storia.
Io sono una single, vivo la mia vita liberamente e svolgo la professione di avvocato in carriera. Durante una presentazione di un libro incontro Dan Gallagher poi, per puro caso, ci ritroviamo a lavorare insieme.

Chi è Dan Gallagher?
E’ un quarantenne newyorkese felicemente sposato che lavora come avvocato presso un prestigioso studio legale.

Attraente?
Direi un bellissimo uomo tanto che ne sono immediatamente attratta. Lui ha una vita tranquilla e una bella famiglia composta dalla moglie Beth e dalla figlia Ellen di 6 anni.

Immagino che anche Dan sia attratto da lei…
Lui mi vede come una donna seducente e inavvicinabile.

Quindi lui accetta le sue avances…
Oh sì, parliamo di cose intime, ridiamo, andiamo a cena e, quando sua moglie e la bambina sono in campagna in visita dai genitori di lei, decidiamo di trascorrere due giorni insieme.

Come sono quei due giorni?
Fantastici, tra noi c’è una sintonia pazzesca, lui è un uomo stupendo, facciamo l’amore più volte in taxi, in ascensore e in discoteca, ed io mi sento fortemente attratta da lui, anche mentalmente, insomma credo davvero di aver raggiunto il paradiso!

Ma le cose belle hanno sempre un risvolto negativo…
Oh ahimè purtroppo sì. Al termine di quel weekend Dan decide di tornare alla sua vita. Per me è un fulmine a ciel sereno!

Immagino lo sconforto da parte sua…
Anche se sono passati solo due giorni mi scopro profondamente innamorata di lui e ora che ho incontrato l’uomo giusto per me non voglio assolutamente perderlo.

Cosa fa?
Lo chiamo più volte, ma lui rifiuta le mie telefonate e in un vortice di perversa ossessione, con un gesto inconsulto, mi taglio le vene dei polsi…

A dir poco mi sembra un comportamento autodistruttivo e per Dan l’inizio di un incubo.
Lui è un tipo buono e so che con quel gesto posso ottenere molto da lui, infatti Dan mi aiuta fasciandomi i polsi, mi dà delle speranze, ma allo stesso tempo è sconvolto e preoccupatissimo per la sua vita privata.

Quindi Dan scompare…
Ma io non mi rassegno, non sono la donna di una notte, o peggio l’amante occasionale! Lo chiamo continuamente sia a casa che in ufficio. Ma lui è evasivo, crede che a lungo andare io possa desistere, ma non è così, anche se ora ne sono certa di essere stata per lui solo la donna per un weekend.

La sua ostinazione sta mettendo in subbuglio la sua riservatezza familiare…
E’ l’unico appiglio che ho. Lui crede che io sia malata e si convince per autogiustificarsi di provare solo una grande pena per me. Alla fine dopo varie telefonate lui è sfinito dalla mia insistenza, ed accetta di incontrarmi.

Dove avviene l’incontro?
A casa mia, io voglio fare l’amore con lui, non demordo, lo seduco, lo attraggo, gli dico di amarlo ogni limite consentito, ma lui rimane freddo ed alla fine sono costretta a confessare di essere incinta di lui…

Immagino la reazione di Dan…
Dan è sorpreso, in un attimo si vede rovinare il mondo addosso. Ovviamente, pensando alla sua famiglia e alla tranquillità della sua casa, mi propone di abortire, ma rifiuto tassativamente.

Da questo momento, lei si trasforma in una vera e propria persecutrice…
Lui intanto ha cambiato numero di telefono ed ha messo in vendita la casa per fuggire da me e far perdere le sue tracce, ma io riesco ad ottenere il nuovo numero.

Mi scusi ma non sarebbe del tutto normale a questo punto che lui rivelasse tutto alla moglie?
Evidentemente pensa che la sua tranquillità non abbia prezzo e cerca di arginare gli eventi come può.

Lei cosa fa?
Vado a casa sua e in incognito mi presento a sua moglie, fingendomi interessata all'acquisto della casa messa in vendita.

Lui lo viene a sapere, immagino…
Sì, ed è per questo che accelera il trascolo e si trasferisce con la famiglia in campagna.

Lei non si scoraggia…
Oh no, non riesco a sopportare di essere respinta. Lo seguo e riesco a sapere l’indirizzo della nuova casa. Nei giorni seguenti verso dell'acido sulla sua macchina e gli faccio recapitare un nastro magnetico con un messaggio in cui gli chiedo di assumersi le sue responsabilità di padre.

Le cose stanno precipitando…
Infatti Dan decide di andare alla polizia per un ordine restrittivo contro di me, inventandosi un’enorme bugia vale a dire che una sua cliente lo minaccia, ma la polizia giustamente non acconsente per mancanza di un movente, visto che lui non rivela di essere stato il mio amante e di essere padre di mio figlio.

Poi cosa succede?
Un giorno, mentre lui è fuori con la sua famiglia, riesco ad entrare in casa ed uccido il coniglio che Dan aveva regalato alla figlia e lo metto in una pentola lasciando accesi i fornelli.

Dan è alle corde…
Alla luce di quest'ultimo fatto decide di raccontare tutto a sua moglie Beth, la quale va su tutte le furie e caccia di casa Dan.

Quindi è soddisfatta... La sua vendetta ha avuto gli esiti sperati…
Oh no, a me non interessa nulla se i due vivano insieme o siano separati io voglio Dan tutto per me! Quindi decido di rapire la piccola Ellen.

Ma si rende conto vero della gravità della cosa?
E’ solo un atto dimostrativo, tanto che andiamo insieme al parco giochi e dopo poco la riporto a casa. Dan invece in preda all’ira viene a casa mia, sfonda la porta, mi aggredisce e tenta di strangolarmi. Nella colluttazione lo ferisco con un coltello.

Beh non credo che a questo punto ci sia un epilogo da tutti vissero felici e contenti…
Oh no, dopo il rapimento della bambina, Beth perdona Dan e lo riaccoglie in casa, quanto a me, mi convinco che l’ostacolo principale lungo la strada della mia felicità è la moglie per cui entro in casa e con un coltello tento di ucciderla, ma Dan accorre in suo soccorso. A quel punto scoppia una rissa che Beth risolve con un colpo di pistola, uccidendomi.
 









Attrazione fatale ha ricevuto 6 nomination agli Oscar del 1988.
Titolo originale Fatal Attraction
Paese di produzione USA
Anno 1987
Durata 115 min
Genere drammatico, thriller, erotico
Regia Adrian Lyne
Soggetto James Dearden
Sceneggiatura James Dearden
Fotografia Howard Atherton
Montaggio Michael Kahn
Musiche Maurice Jarre
Scenografia Mel Bourne, Jack Blackman e George DeTitta Sr.
Interpreti e personaggi
Michael Douglas: Dan Gallagher
Glenn Close: Alex Forrest
Anne Archer: Beth Gallagher
Ellen Hamilton Latzen: Ellen Gallagher














 

 
 
 



L'INTERVISTA A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
E' STATA REALIZZATA
 GRAZIE A:

https://it.wikipedia.org/wiki/Attrazione_fatale
http://www.sentieriselvaggi.it/film-in-tv-attrazione-fatale-di-adrian-lyne/
http://ioscrivoperpassione.blogspot.it/2014/04/recensione-attrazione-fatale-di-hb.html






IMAGE GOOGLE


 

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1