HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Serendipity
Le sue mani






 



      Quelle mani mi sono entrate dentro molto prima che si poggiassero su di me. Quelle mani hanno animato e riscaldato le notti di un’intera stagione muovendosi indisturbate fuori e dentro l’anima delle suggestioni oniriche. Dentro e fuori, accrescendo e infuocando quel desiderio che si alimenta della sua stessa insoddisfazione.

Quelle mani su di me. Fuori e dentro, e poi di nuovo dentro, in profondità, quelle profondità che io stessa scoprivo con lui, inseguendo quelle mani sicure, libere e tiranne del mio intimo universo.

Quelle mani che non esplorano, ma che vanno sicure a prendersi ciò che cercano e sanno bene dove trovare. Quelle mani che ripercorrono tutta la strada in salita, come fosse la prima volta, assaporando e indugiando, oh.. quale magnifica scoperta, su ogni nuova ruvidità, solo un attimo, prima che li raggiunga il primo timido fiottolo di piacere.

Quelle mani che ne gustano la consistenza e se ne lasciano massaggiare gratificate affinché liquide possano proseguire indisturbate ed essere contemporaneamente in ogni luogo fuori e dentro.

Quelle mani sono ormai liquido piacere che inonda senza confini e si impossessa di tutto ciò che incontra. Quelle mani per cui divento una grotta sconfinata nella quale fa eco il mio piacere, piegandosi al suo.

Quelle mani che riempiono e affondano senza più toccare, che irrompono feroci anche quando sfiorano. Quelle mani crudeli che si fermano a guardare la loro conquista, gonfie di quel potere che capricciose e viziate giocano a non esercitare perché è in quelle mani, ormai, che risiede la mia volontà, che ansima il mio respiro, che danza fremente il mio corpo.

Quelle mani che violentemente si fermano e aspettano che anche l’ultimo battito si faccia liquido e confluisca in un solo punto. Quel solo punto che tengono stretto senza far nulla per il solo fatto di essere lì, di essere dentro, fuori, intorno, unica e incontrastabile presenza.

Quelle mani che aprono la strada, confondono gli umori, mi immobilizzano e si servono di me. Quelli mani che bagnano ancora, anche quando asciugano con cura vischiosità non mie.

Quelle mani che sento ancora addosso, mentre chiudono il portone e se lo portano via.




FINE

 





 
 
 





Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
Serendipity
Photo    JUSTINE N

Tutti i racconti di Serendipity su LiberaEva
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore



 

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1