HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Serendipity
Ho un difetto






 



      Ho un difetto. In realtà ne ho più di uno, ma gli altri peccati sono di poco conto. Se li considerassi, l’elenco risulterebbe lungo, ma in un certo senso banale. Ad iniziare dal fatto che sono molto silenziosa e, in genere, non sopporto i rumori e chi li produce. Oppure anche dal fatto che inizio le cose sempre dall’inizio: ci sono tante opportunità nel caos, nel disordine, nell’ordine “diverso” e una logica perfettamente lineare ed esaustivamente lineare è sicuramente un difetto. Non tollero le ripetizioni: se una cosa è stata detta è già stata detta, no? Che bisogno c’è di ripeterla? Inoltre, una volta aperto un discorso (rigorosamente dall’inizio) non lo considero concluso a meno che non sia effettivamente ultimato. Ciò implica che mi capita di riprendere un discorso a distanza di anni, esattamente dal punto in cui l’avevo lasciato.

Per me un “discorso” è qualcosa di intimo, di vero, di confidenziale. D’altra parte proprio perché sono silenziosa, per me le parole sono importanti. Quando parlo sono sincera, ma la mia sincerità è un difetto nella misura in cui non ha condizioni: sono infatti brusca e diretta. Non mi arrabbio mai: una cosa particolarmente irritante, in effetti… Al di là di queste umane e tutto sommato limitate imperfezioni ho un vero, grande difetto: ispiro irrimediabilmente sesso in chi mi guarda, sia esso un uomo o una donna.

Con gli uomini in un certo senso me lo aspetto, anche se me ne stupisco ancora quando, distratta nei miei pensieri e imbruttita dalla stanchezza, me ne vado in giro dimessa e distante e mi sento riportare alla realtà da sguardi (o da commenti) insistenti. Con le donne, mi sembra ancora strano, anche se con il passare degli anni ci sto facendo l’abitudine. Le donne sono più discrete, ma non per questo meno determinate. C’è chi mi fissa, senza esitazione, e chi invece distrae lo sguardo non appena crede di essere vista.

In parte credo che questo difetto sia dovuto all’aspetto fisico: ho molti di quegli attributi che funzionano, nel linguaggio animale, come richiami sessuali: una struttura longilinea, ma forte, un incarnato solare, il collo magro e lungo, le dita affusolate. Non ho un seno prosperoso, ma il seno da solo non basta a ispirare sensualità e, anzi, in alcuni casi la inibisce. Ho un culo decisamente appariscente che funziona come il miele per le api, ma di questo ne parlerò un’altra volta.

Il problema vero è che ho delle labbra carnose, sporgenti, piene, di un colore intenso. Se i fianchi prosperosi sono in natura sintomo di fecondità e salute, le labbra sono lo specchio della sessualità e del sesso femminile: non a caso si chiamano labbra anche le pieghe vaginali….le labbra vaginali si dischiudono e avvolgono, prima del resto, il pene durante la penetrazione… le labbra vaginali restituiscono il bacio alle labbra che le lambiscono… le labbra vaginali catturano le dita che le stimolano…

Le labbra carnose sono attraenti perché sono morbide da baciare o perché regalano un tocco pieno a qualunque cosa decidano di baciare. Più di tutto, le labbra carnose sono sensuali perché reagiscono esattamente come le labbra vaginali, gonfiandosi e arrossandosi di piacere, sia che vengano stimolate direttamente, sia che vengano stimolate indirettamente attraverso le “altre” labbra.

Avete mai guardato le labbra della vostra donna, della vostra amante, nel momento del piacere, prima di salutarle con un ultimo bacio? Spero per voi che non le troviate mai scarne, scolorite, fredde…

Io ho un difetto al quale non riesco a rimediare: ho delle labbra rosse e carnose che parlano di sesso, in maniera silenziosa, ma decisamente diretta. Parlano di sesso dall’inizio alla fine, riprendendo il discorso anche nella memoria, o a distanza di anni. Parlano di sesso e lo fanno in maniera sfacciata, plateale, senza lucido, senza rossetto, parlano di sesso al naturale e parlano di sesso nel linguaggio universale.

Ho un difetto: ho delle labbra carnose che mi piace usare…








FINE

 





 
 
 





Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
Serendipity
Photo    JUSTINE N

Tutti i racconti di Serendipity su LiberaEva
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore



 

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1