HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
IL RACCONTO E' ADATTO AD UN PUBBLICO ADULTO

1

Schiava d'Amore
Lara







Foto Thomas Agatz

 


Nervosa, rivelava ancor di più, come una indiscrezione, il fuoco interno di cui bruciava. Lara, così svelta, inavvicinabile, era già nella Tua trappola. Osservavo il movimento che per l’impazienza le prendeva alla lingua, passava e ripassava sulle labbra in preda a un turbamento evidente. L’ansia la brandiva, era inquieta. Tesa. Era affascinata dai Tuoi occhi, vibrava del piacere di sedurre e di essere sedotta.


Già mi credevo di sentire quel suo odore bagnato e torbido, stordente e basso, che le sue cosce sprigionavano. La possibilità di essere sorpresa, con il compagno vicino, accresceva la sua vibrazione in modo quasi febbrile e quasi… la sentivo già gemere, straziata davanti a Te, con le gambe aperte. Il fatto di avere Te a inseguirla con lo sguardo ad ogni movimento, ne ero certa, le faceva apparire tutto nuovo e complesso.


Era difficile per lei mantenere l’equilibrio della voce e dell’andatura, ogni volta che era costretta a scusarsi e a allontanarsi. Poi doveva tornare, passandoti davanti, trovandosi travolta dall’onda lievitata dal suo stesso odore, di cui pareva permeata tanto già se ne coglievano gli effluvi. Era difficile per lei non ridacchiare e non ondeggiare i capelli, quando, si dava il caso, le parlavi. Il Tuo era uno sguardo freddo, fermo nel suo e Lara, sembrava scalpitare, una bestia le ruggiva dentro. Ne riconoscevo già la soggezione dal modo in cui la braccavi e l’adoravo, Lara – l’adoro – ogni volta la rendevi trépida, stanata dalla sua stessa smania.


L’adoravo e al contempo mi rendeva pazza, attanagliandomi dal desiderio e dalla gelosia…, da cui non mi sarei mai sottratta, così come non ci si può sottrarre all’estasi che trascina. Lara, che mi era sempre parsa di natura mite, di fronte a quell’aggressività flessuosa e insistente, intensa e riservata, abbassava le difese. Disorientata. Sembrava cambiare. Se mi avvicinavo per ascoltarla, un sentore di garofano copriva appena il sopravvenire del suo sudore tiepido, mentre l’alito, zuccherato dalla bibita cui si accaniva, mi giungeva più caldo. Vanigliato come i suoi capelli, meno pepato del succo che capivo, già inebriava la sua valle.


Sotto la gonna, Lara, già senza mutande, manifestava un odore di pulito e d’alghe di mare che risaliva al petto, un profumo càndìto che l’attraversava dal reggiseno sbottonato e le prendeva al collo, dove tacevo e mi prolungavo più volte al gusto, per riportarlo poi a Te come mi avevi chiesto. (A Michael e Lara)






.

FINE

 

















 
 
 





Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
Schiava d'amore

Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore













1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1