HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
IL RACCONTO E' ADATTO AD UN PUBBLICO ADULTO

1

LiberaEva
Bella di giorno
"Se mio marito sapesse cosa succede a
quest’ora, quando lui al lavoro mi manda
messaggi e mi dice: “Amore, ti amo e
tesoro.” E poi affettuoso: “Cosa fai per
cena?” Se davvero sapesse che ci
faccio in questo posto, con una gonna
leggera insolitamente più corta, con un
trucco evidente e un paio di calze, nere
velate nonostante sia luglio, guarnite
da pizzi che lui non conosce. "







Photo Anastasia Sholkova

 


Guardinga cammino facendo attenzione che non incontri qualcuno che conosco di vista, oppure un parente o un amico in comune e peggio mi fermi e sospettoso mi chieda dove mai potrà andare alle nove di mattina, una donna elegante vestita da sera, mentre io conto questi alberi in fiore, che mi portano dritta in una casa in attesa, dove di certo già fanno la fila, signori distinti e commercianti di zona, in un bordello dell’anima che ora è il mio mondo.

Se mio marito davvero sapesse, quanto non possa farne più a meno, quanto il sentirsi desiderata sconfigga, ogni noia e paura e morale che accetta, la domenica in chiesa quando confesso, al prete di turno i miei danni di dentro, senza mai liberarmi del tutto, da quel peso che sottintendo e non dico, da quel segreto che intimo cullo, come un bimbo mai nato nonostante le prove. E’ stato più facile di quanto pensassi, una signora elegante dentro un negozio, ha intercettato i pensieri senza una forma, senza una noia per sentirli importanti. Mi ha avvicinata con fare discreto: “Lei è molto carina Signora! Venga a trovarmi.” Un biglietto di carta che mi ha cambiato la vita, un indirizzo scritto, l’unica meta, l’unico pensiero decente di un giorno che la notte mi ha scossa e ritemprato la mente.

Non c’erano dubbi che avesse accettati, non c’erano colpe di tradimento, ma solo una serie d’inesperienze e di dubbi, su cosa avrei detto la prima volta, e quale il momento per sollevare la gonna, e quale la gonna e quale il vestito, quello rosa con lo spacco davanti, quello nero scollato e poco più stretto. Mi chiedevo quale fosse stato il più adatto, come se l’abito fosse stato importante e se il mio seno fosse stato all’altezza e come avrei reagito alla vista, al tatto e l’odore del primo uomo diverso, dall’unico e il solo che avevo mai conosciuto. Nella notte i pensieri vagavano in fretta, a chiedermi cosa avrebbe distinto, una signora normale da una bella di giorno, e una bella di giorno da una prostituta di notte. E poi se fossi stata capace di distinguere l’amore dal sesso, un uomo da un cliente, e poi di farlo godere, di farlo tornare, di finirlo nel tempo stabilito a priori. Sapevo solo che per essere brava, una puttana non ha scrupoli affatto e non bada a spese per apparire più bella, non bada al trucco per innescare la miccia…

Più volte quella notte ho desistito nel farlo, ma una forza incontenibile mi spingeva da dentro, una nausea violenta mi risucchiava in quel posto, finché ho deciso piena di dubbi, dopo una settimana di congetture, di ripensamenti davanti allo specchio, del bagno di casa che mi faceva più bella, per tutte le volte che mi aveva ignorata. Allora decisi ed andai con la certezza di provare solo una volta, e allora entrai in quel palazzo signorile, salii le scale senza più dubbi e bussai col cuore perché non servivano mani. La signora era bella, ammaliante e charmant, parlava discreta con un filo di voce. In quell’istante mi chiesi che se il suo charme fosse stato frutto di questo, ossia del mestiere che mi aveva proposto, avrei cominciato senza pensarci, ma non ero pronta e lei mi comprese.

Mi disse cortese di ripensare, a cosa mi avrebbe spinto a vivere questo segreto che mai nessuno potrebbe capire, come del resto la mia mente rifiutava a pensare che davvero sia quello il domani, dove scorro la strada verso quella casa, dove scorro panchine dove non si siede nessuno e conto gli alberi frapponendo i miei fiati, come farei con quei maschi che aspettano il turno, ogni trenta passi un pino marino, ogni trenta minuti un nuovo cliente.

Mi siedo su una panchina e penso davvero d’essere oltre quella finestra mentre suonano alla porta ed io ricomincio daccapo, dentro il letto lo stesso appena rifatto, dentro lenzuola immacolate ed intatte, ed io la stessa stringo le mie pieghe disfatte, dentro mutande che appaiono nuove e mantengono indelebili gli avanzi e le tracce di chi poco prima mi gridava il piacere ed io soddisfatta mi rivestivo con cura. Faccio solo attenzione ad apparire perfetta che sulle mie calze non ci sia una macchia, o sulla mia gonna che tiro e che allungo fino al ginocchio e sopra un pudore rifatto, che ricomincia d’incanto a farlo sognare ad illuderlo certo d’essere il primo.

Sono altri fiati altro sesso più duro, altri occhi che ricominciano a girare, a scandire gli approcci che non vanno mai dritti e illusi cercano di prolungare l’attesa per vedermi più attraente un attimo dopo, Come se ci dovessimo scambiare parole, come se davvero mi dovesse far voglia, senza sapere che invece gli sguardi, le mani le dita sono identiche a quelle di prima che m’hanno toccata e rivoltata per bene. Mi guarda e prende tempo, come se tra poco ci accoccolassimo insieme sopra una panchina ad ascoltare un tramonto, come se fuori ci fosse un culo di luna e il prezzo che paga dovesse solo servire a scoparsi una donna dalle parti del cuore.

Ma fuori c’è solo traffico e caldo, un mezzogiorno cocente che squaglia l’asfalto e qui dentro un’ombra soffusa finta e bugiarda che ci copre e ripara e non serve per nulla a questo tipo d’amore che per farlo decente non occorrono gli occhi e l’anima in gioco è fatta di pelle. Chissà perché gli uomini tutti, davanti ad una donna si rifanno la faccia recitando la parte di non esser capiti, dimenticando che sono venuti per sesso, per questa cosa che stringo e nascondo perché la voglia non scemi prima del tempo. Io sono lì che fumo, seduta sul letto che dondolo il tacco e chiedo a caso un nome, sapendo che dopo non rimane che niente, un ricordo lontano che odora di sesso che copro e svanisco con altro profumo.

Difficile invece che mi chiedano un nome come a quelle incontrate per strada perché sanno che sarebbe inventato e quello che faccio lo faccio in segreto da perfetta e matura signora borghese che passa il giorno dietro queste tendine che ammazza la noia sbafando rossetti, gli stessi che prima di cena la sera sfiorano la fronte dei suoi nipotini. Poi d’incanto tutto svanisce, smettono di apprezzare la sfumatura perfetta che fa l’ombretto attorno ai miei occhi, come se non ci fossero più laghi e tramonti, e quel culo di luna che li ha fatti sognare. Mi fissano il seno ed i capezzoli scuri poi scendono in fretta fino alle gambe, gli occhi si fanno impazienti e più duri diventano bilance che pesano carne.

Si fanno avanti, e mi spogliano tutta, il primo troia è un respiro leggero, il secondo è bagnato di saliva bollente quando decisi mi toccano in fondo convinti che il mio sesso è come il contorno che è caldo e capiente e ne vale la pena. Bugiarda fingo di sentire piacere come se un dito potesse davvero farmi vibrare. Ma sono bimbi che giocano ad essere grandi, sono uomini che diventano bambini, e non conoscono altro modo di compiacersi e sentire se stessi, padroni una volta in una mezz’ora qualunque.

Ecco questo è il momento! L’esatto momento che mi convince ogni volta a ricominciare domani o al prossimo incontro, la stessa ragione che ribadirei con forza davanti a mio marito se per caso mi chiedesse. Ecco il momento! Con la faccia appiattita sulle ginocchia, con il seno schiacciato che strizza e fa male, e una mano possente m’accarezza i capelli, e mi spinge e m’abbassa senza che possa reagire, per poi tornare bambino che piange e s’attacca e ciuccia da figlio il mio seno per fame. Sono lì che m’impegno e ci metto il mestiere, obbediente lasciva, oscena e viziosa, per poi come pane a comando l’inforno senza lasciarne un centimetro all’aria.

A volte lo giuro non c’è bisogno di altro, sento la pressione che sale e che preme, il respiro allungato senza più soste, le mani a forza che mi spingono oltre come se ci fosse altra pelle di sesso, altra voglia per farmi sentire in difetto. Mi lascio insultare che non sono all’altezza, che un’altra signora ha fatto di meglio, proprio ieri nell’appartamento di fronte dove le rose fioriscono in marzo, dove una donna ci sbava passione con le labbra a ventosa sopra un uomo che gode, dove ora resiste per allungare il piacere. Ma io non mi fermo lo stringo ed insisto, accarezzo col palato gli ultimi istanti che mi danno la certezza d’essere unica, colei che li porta in un mare tranquillo, ma nei suoi abissi si smuove ed urla in un turbinio che non vede riposo.

E mi sento appagata femmina e schiava, e manca un niente per sentirmi l’anima zuppa come coniglia che s’ingravida e gode e segue l’istinto senza capirne la causa. Eccolo lo sento, ma non vuole mollare, ora mi rivolta per finirmi e sfinirsi, ma il tempo è scaduto e lo invito a sbrigarsi, ad entrarmi nel posto dove giustifica il prezzo, dove la signora tra poco mi bussa ed un altro cliente sta facendo la coda. Lui obbediente si rintana e si culla nella voglia che apro come conchiglia che schiudo e poi chiudo come un guscio di uovo che dà vita e vigore all’ultimo istinto.

Solo ora capisce che era tutto un sogno che salendo le scale s’immaginava davvero tramonti infiniti di giallo e di rosso mentre ora ha davanti soltanto un sesso e pieghe di carne che s’inumidiscono apposta. Ora lo sento, mi vuole e mi chiama con un nome discreto che sa di moglie e d’amante, di mille parole mai dette. Lo sento, si contrae per svuotarsi fin dentro le ossa, per sentirsi leggero quando giù nel portone attraverserà questo viale di pini marini, per convincersi davvero che ha fatto l’amore e s’è fatto davvero una signora di classe, che freme, che gode, che urla tra queste pareti damascate di rosso, e non chiede dell’altro che esser domata nella noia dell’anima o poco più in basso, nella folle richiesta di lasciarsi estirpare l’inquietudine dentro che ancora l’assale.

Oggi è la prima volta che faccio la lunga, salto il pranzo per scoprire l’effetto di cosa si provi rimanere col ventre, zeppo e ripieno dall’alba al tramonto, per scoprire il suono delle mie parole sincere, le mie parole bugiarde stasera a cena quando mio marito mi chiede dove diavolo vado, dove ho passato l’intera giornata. Mi chiederà cosa ho fatto di bello, su quale vetrina ho adagiato i miei occhi, su quale orlo a mano ho accarezzato le dita senza sapere che se andasse giù duro, se fosse interessato a quello che dico non potrei cavarmela sorvolando i dettagli, descrivendo fumosa una giornata qualunque, una di quelle senza sussulto, che passano lente e non devi sforzarti a cercare un labile sfacciato merletto da cucire ai bordi della tenda del bagno. Mentre parlo e ci metto ardore e passione nella mente mi passano divani d’oriente, pareti e velluti damascati di rosso, dove cala sinuoso un fascio di seta.

C’è solo un pensiero che sottile m’angoscia e mi lascia sospesa a sudare nel dubbio, quale gonna domani abbellirà le mie gambe, quale merletto questa volta davvero aggrazierà i miei seni rigogliosi e protesi che un uomo a caso si svenerà per saziarli, aspetterà il turno affannando il respiro? Già lo vedo lo sento che spinge e poi sale che accelera e preme illuso e convinto che il suo pene è più lungo più duro e voglioso, e possa ridurre a ragione il mio ventre distratto, addomesticarmi la carne che a riccio si schiude, e gonfia s’ammolla per chiederne ancora. Ma durerà un niente perché non può più arrivare, oltre la misura che è tutto il suo avere e lo solleciterò di fare più in fretta per il prossimo che aspetta ancora in salotto, per scorticarmi quest’anima che non ha labbra, che se solo sapessi dove mi risiede l’abbellirei almeno con una punta di trucco. Perché è lei la puttana, la grande mignotta che sogna d’andare di notte a strusciare, tra i fari le scarpe se avesse due piedi, che mi fa contare questi alberi storti, ogni trenta passi un pino marino, ogni trenta minuti un nuovo cliente. E’ lei che attira file di maschi spargendo odori che sanno di miele, inzuppando ogni angolo dove si ferma ed aspetta uno a caso che si faccia coraggio e le dia quel senso d’essere la sola, unico grande recipiente del mondo.


 
FINE









 
 
 


TORNA AI RACCONTI DI LIBERAEVA


Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
LiberaEva


Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore














1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1