HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Anna L.
La ragazza che amava l'uomo dagli occhi tristi






 



      A 22 anni Angelica sognava di capire il mondo, oppure era il mondo a pensare che lei aveva le chiavi, le password per capirlo?
Osservava il cosmo come una bambina, dal basso, tutto era pi grande, tutto confuso.
L'amore, amare...
Come si fa?
Come difficile capirsi e capire l'amore.
Amava un uomo che non l'amava e cercava i suoi occhi da sempre, voleva guardarli anche se erano dardi di fuoco.
Un uomo forte, deciso, dannato, freddo, con gli occhi tristi e magnetici.
Avevano gli stessi occhi, lo stesso sguardo, lo stesso modo di vedere la vita, la stessa bocca, gli stessi capelli, lo stesso sangue, ma lui non l'amava.
Lui non amava nessuno, era un uomo freddo, con l'anima di ghiaccio, era forte e non aveva paura, ma era solo, i suoi occhi parlavano della sua solitudine.
Angelica lo amava quell'uomo, con tutto il suo cuore, ma lui era assente, e i suoi occhi parlavano della solitudine.
Cos Angelica cercava in quegli occhi un messaggio d'amore,
Ma pi lo cercava e pi qualcosa spariva da lei, una luce negli occhi.
Ormai era simile a lui, era forte, fredda con gli occhi tristi e magnetici.
Poteva avere ogni uomo che avesse voluto perch anche i suoi occhi erano ingenui e profondi da fare paura, del resto li aveva ereditati da lui.
E lei niente poteva nel conquistarlo, perch era cieco, i suoi occhi di fuoco erano ciechi, annebbiati.
Lo odiava e lo amava, senza ritegno, ma non poteva conquistarlo.
Quell'uomo era invasato da un demone chiamato "lavoro" e niente vedeva, cieco con gli occhi di fuoco, tristi che parlavano della sua solitudine.
E quel demone lo allontanava da qualsiasi emozione, da ogni affetto, gli risucchiava l'anima e lo sfiniva.
Erano anni che cercava di estinguere quel demone.
Ma c'erano tantissime piccole attenzioni, che dedicava a quell'uomo.
Forse quell'uomo avrebbe imparato a capirle col tempo! Questo sperava Angelica a 22 anni mentre sognava di capire tantissime cose che le sfuggivano,cercava la password.
E mentre attendeva pensava a quando era bambina, pensava a quegli occhi i fuoco che tanto temeva e tanto amava, a volte li odiava.
Poi chiss perch, quando pensava a lui le veniva in mente la sensazione di quando era bambina e aveva paura di tuffarsi nell'acqua del mare, allora si sedeva sul bagnasciuga e aspettava che lacqua bagnasse i suoi piedini poi scappava via.
Quell'uomo era come il mare, come lo vedeva da piccola, grande, misterioso, ne aveva paura, ma le piaceva sentirlo vicino.
Aveva gli occhi tristi e lei lo amava.




FINE

 





 
 
 





Il racconto frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti puramente casuale..
All rights reserved
Anna L.
Photo    Aleksandr Churakaev

Tutti i racconti di Anna L. su LiberaEva
Il presente racconto tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore



 

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di propriet dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verr ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1