HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Achìria
L'attesa






 



      Lara era lì già da un paio di minuti. Non era la sera giusta per aspettare, quella. Proprio no. Si sentiva inquieta, un po’ nervosa. La porta chiusa e la luce accesa nello studio, in fondo al corridoio, sentenziavano un’attesa indefinita. Si augurò, non troppo lunga. Anche seduta sul divano, non riusciva a stare ferma. Slacciò la giacca e sistemò la maglia lungo i fianchi, tirò su le maniche, appena appena, come sua abitudine e rigirò l’anello. Si guardò riflessa nel quadro alle sue spalle e lasciò che la sua immagine svanisse, senza controllare nulla.

Forse non si era neanche pettinata, quella sera. Pensò di accendere il telefono e vedere le chiamate. Guardò il cellulare, lo tenne alcuni istanti tra le mani, ma poi lo lasciò spento. Potevano cercarla. Potevano chiamare. Poteva essere importante. Pazienza, avrebbero aspettato. Si chinò e prese un libro, tra i tanti, posati sul ripiano. Un titolo, un autore, una copertina grigia e blu, un prezzo cancellato male, una storia come altre… Non le interessava. Non in quel momento.

Quella sera non si sarebbe abbandonata ai sogni, alle emozioni, ai desideri. Sarebbe stata razionale. Era lì per parlare, per chiarire, per definire ogni cosa. Doveva capire cosa c’era tra loro. Cos’era accaduto. Guardò l’orologio sul muro, lo stesso della casa di sua madre e si fermò a contare, ad uno ad uno i minuti che passavano… Sembravano lunghissimi. Appoggiò la borsa sulla poltrona azzurra, quella più lontana. Un pretesto per alzarsi, per sentire il rumore dei tacchi fuori dal tappeto, il fruscio dei vestiti tra i suoi passi. Per sentirsi vera, in quell’attesa così informe. Si soffermò a sfiorare la poltrona in pelle, al centro della stanza, quella dietro alla scrivania… e fu tentata di guardare tra le carte.

Non l’aveva fatto mai, prima di quel momento. Non aveva mai osato. I suoi occhi scivolarono sui fogli aperti e sparsi. Abbandonati anche loro, nell’attesa. Gustò l’intimità di quelle righe sconosciute, scritte a mano, rincorse o incerte, decise e calme. Forti e sensuali, indubbiamente, come i pensieri di chi le aveva scritte. Sfiorò i fogli, li carezzò. Sentì la carta fredda e liscia sotto le sue dita. Intravide una parola, tra le righe, un nome breve e conosciuto. Il suo. Un brivido le chiuse gli occhi. Non lesse oltre.

Si abbandonò alla penombra, scesa a poco a poco nella stanza, all’odore della cenere spenta, al profumo del Montecristo sul posacenere in vetro. Lo immaginò su quella sedia, intento a scrivere e a pensare… a fumare, a scorrere le righe. I capelli scuri, gli occhi chiari. Le mani forti, le dita lievi. Le sue boccate profonde e lente, le sue pause colme e intense. Vide le labbra schiuse avvicinarsi al sigaro ed avvolgerlo, decise e voluttuose, sicure del piacere che avrebbero gustato, dell’aroma forte e audace, del gusto caldo e morbido, del sapore deciso e intenso, che avrebbero incontrato. Si rilassò. Si sentì più calma. Si sentì sua. Come quel sigaro. Lottò per un momento contro quel pensiero, senza speranza o convinzione. Solo per non ammettere quello che provava. Per non sentire il suo respiro farsi più profondo, lento, pieno. Il suo seno fremere. Il cuore battere. Le mani tremarle. Sentì le braccia farsi vere, raggiungerla, sfiorarla.

Non l’aveva sentito entrare. Aprì gli occhi e incontrò il suo sguardo… Non disse nulla. Lo guardò in silenzio. Si avvicinò e si strinse a lui, appoggiandosi al suo petto. Le sue braccia l’avvolsero e la strinsero. Sentì il calore del suo corpo, ne sentì la forza, la dolcezza. Incominciò a baciarla, piano piano, sulle guance, sul collo, ai lati della bocca. Iniziò a carezzarla, a stringerla, a sfiorarle la nuca, il collo, il seno. Sentiva su di sè il profumo tiepido della sua pelle, della sua barba, delle sue labbra. Sentiva il suo fiato, i suoi baci, il suo respiro. Lo sentiva come fosse dentro di lei. Le sussurrò che era dolcissima, che era bellissima, che gli era mancata, che la stava aspettando… Le baciava ogni angolo del viso, del seno, del collo… Non smetteva un istante di guardarla, di toccarla, sfiorarla… con gli occhi, le mani, le labbra.

Lara si strinse a lui, chiuse gli occhi e si lasciò cullare. Si lasciò addolcire e avvolgere da quel calore intenso che le nasceva dentro… Che le invadeva il ventre, il cuore, l’anima. Che le allagava le gambe, il sesso, la pelle... Che le allentava il respiro. Le bruciava le guance. Le arrossava le labbra. Aveva voglia di lui. Di fare l’amore. Di sentirlo, eccitato e impaziente. Di toccarlo e sentire il suo pene indurirsi e cercarla. Lo baciò sulla bocca, a lungo. Adorava la sua bocca e le sue labbra. Lo cercò, sfiorandolo dai pantaloni. Poi scese ed entrò con le mani a sentirne il calore, la forza. Sapeva che gli piacevano le sue dita fresche sul pene, il tocco delicato e insistente che gli schiudeva la pelle e ne scopriva la punta. Sapeva che gli piaceva quando reclinava la testa e scendeva con le labbra a baciarlo, ad amarlo, a goderlo. Adorava il suo sapore, la sua forma, la sua pelle morbida e calda. La sua voglia che cedeva, che cresceva, che gonfiava, che si arrendeva al suo tocco, alla sua bocca, a lei. Non avrebbe mai smesso. L’avrebbe fatto per ore.

Sussultò nel sentire le mani di lui scostarle i capelli. Voleva guardarla meglio, senza perdere un gesto. Si tenne ai suoi fianchi e si offrì alla sua vista con gli occhi socchiusi ed eccitati, le labbra intente a baciarlo e succhiarlo, la bocca dedicata ad aprirsi e accoglierlo, la lingua impegnata a gustarlo e bagnarlo. Lo sentì indurire sempre di più, fremere e gemere, spingersi ancora più a fondo, dentro di lei. Continuò, senza staccarsi, fino a succhiargli la voglia, fino a farlo godere tra le sue labbra, nella sua bocca. Fino a sentirlo pulsare e contrarsi … Fino a sentire il suo seme caldo giù per la gola. Lui prese fiato e sorrise, la strinse a sè per un lungo istante e le baciò i capelli. La fece sedere sulla poltrona di pelle, la mise sulle ginocchia e l’abbracciò dolcemente. Sollevò appena la sua gonna morbida e infilò lentamente la mano al di sotto. Lei si strinse al suo collo e si abbandonò al suo tocco. Le dita scivolarono svelte sotto l’elastico umido e teso e si fecero strada tra le sue gambe.

Lara si sentì sciogliere ancora di più, sentì forte la voglia di lui, di farsi toccare, di farsi penetrare sotto la gonna. Insinuò le dita piano dentro di lei, baciandola e sfiorandola, delicato e deciso, e la sentì aprirsi sempre di più, bagnata, calda, invitante. La toccava e le parlava piano, dolcemente, sottovoce, entrava dentro di lei con le dita e con le parole, quelle che escono dal fondo del cuore, dall’anima, quelle che ogni donna vorrebbe sentire, che sembrano dette solo per lei, per un amore giocoso e irreale, assurdo e sognante, di principe e sposa, di uomo e di donna, di padre e di figlia.

Chiuse gli occhi implorandolo, pronta, di continuare a toccarla, ad amarla, di farla godere. Lo sentì infilarsi più a fondo, entrare e uscire da lei, più forte, veloce ed intenso, intingere le dita nella sua voglia, nel suo piacere denso che cresceva prepotente e lento. Accompagnò la sua mano, le sue dita impazienti, gli baciò assetata le labbra e si smarrì nei suoi occhi… fu per un istante tesa, poi si sentì allagare tra le gambe dal piacere più forte che l’avesse mai aperta e poi sciolta. Trattenne la mano di lui con la sua fino a quando il respiro si fece più calmo e l’emozione più lieve. Aveva le lacrime agli occhi. Non aveva mai fatto l’amore così. Guardando qualcuno negli occhi. Lo abbracciò, senza riuscire a parlare, senza trovare parole. Lasciò che il cuore rallentasse la corsa, battesse più piano. Appoggiò il viso alla sua spalla e si lasciò accarezzare. L’orologio sul muro le ricordava il ritardo, l’attesa, il tempo passato. Chiuse gli occhi e fermò quegli istanti, così intensi e preziosi, che non avrebbe scordato. (Achìria)


FINE

 





 
 
 





Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
Achiria
Photo    Julia Kuzmenko

Tutti i racconti di Achiria su LiberaEva
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore



 

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1