HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Schweigen
Lingua Madre






 



     Rimase un poco in silenzio: seduto tranquillo davanti al piatto ormai vuoto, assaporava il quintetto che sgorgava dalla radio nella luce invernale dell’antica cucina. Volse lo sguardo alla finestra, alle case che abbracciavano il palazzo: sapeva che alle loro spalle il cielo era ancora più chiaro, là dove si apriva il mare. Era solo, ma non da sempre: da quando il figlio grande aveva trovato lavoro fuori, con lei le cose non erano andate molto bene; è strano, si aspetta il momento per stare più insieme, per concedersi certe libertà, e qui si scopre che non si va d’accordo.

Gettò un’occhiata all’orologio sul muro e iniziò con calma a sparecchiare; dopo poco un’altra occhiata, e qui si diresse verso la porta dell’abitazione, la aprì e la riaccostò lasciandola aperta, poi ricominciò a mettere a posto le ultime cose. Mozart tacque. Sentì la porta chiudersi e il suo passo avvicinarsi. Comparve. - Ciao - disse togliendosi il piumino blu e sistemandolo sulla spalliera della sedia.

- Ciao -. Le sorrise e lei fece lo stesso.
Avevano preso posizione l’uno di fronte all’altro, ai lati lunghi del tavolo. Lei prese come sempre a mostrargli se stessa, denudandosi lentamente e con naturalezza, con spontaneità. Quando comparvero i seni lui notò i capezzoli tesi:
- Senti freddo? - le chiese.
- Un poco - rispose lei e la chiusura delle “o” e lo stacco un po’ rigido sulla “c” lo riempirono di tenerezza.

Continuò a rivelarsi e finalmente il suo corpo esile e riottoso comparve in tutta la sua nudità; la coniglietta che era tirò fuori il suo sguardo da cerbiatta, incorniciato dai capelli crespi castano chiari. Si pose a braccia conserte appoggiando il sedere alla credenza; allora lui fece lo stesso: si spogliò come aveva fatto lei, con lo stile spontaneo del dono. Come sempre furono l’uno dell’altra, dapprima senza negare alcun punto alle loro attente affettuosità, poi guardandosi a lungo negli occhi stringendosi i fianchi.
Prima di prendersi intrecciarono le loro lingue, esaminandone bene reciprocamente la forma e la morbidezza: entrambi sapevano quale valore e significato avesse quel gesto. Quando lei si donò tutta attaccò le labbra al suo orecchio e gli disse decisa Meine Liebe! Du bist meine grosse Liebe!

Poi fu la volta di lui che si espresse senza un suono, e poco dopo le disse Sai che ti voglio bene e che ti amo. Restarono un po’ così, l’uno nell’altra.
- Posso andare a prepararmi? - chiese lei.
- Certo - rispose lui.
Quando la sentì uscire dal bagno vi entrò a sua volta, e quando anch’egli ne uscì lei era seduta alla scrivania dello studio: la schiena dritta, lo sguardo sobriamente sereno. Lui prese posto nella sedia vuota accanto a lei; azionarono il piccolo registratore:
- Oggi parleremo del “che” - fece lui.
- Mmm - rispose lei.
– Il “che” in italiano è un po’ infido… ad esempio dimmi una frase che sai già con il “che”… -
- Ti dico che ti voglio bene… -
- Benissimo.
Ecco questo “che” è completamente diverso da un altro, ad esempio da “la donna che amo sei tu”. Il primo è il vostro dass, il secondo è il vostro der/die/das…” -
- Ah! - La lezione procedette tranquilla e fruttuosa per un’ora abbondante.
- Ora vado - fece lei
- Sì - rispose lui.

Lei avvicinò il suo viso sotto l’orecchio di lui e gli diede un bacio affettuoso. Compìta tirò fuori il borsellino, fece schioccare il fermaglio e posò i biglietti sulla scrivania. Si allontanò da sola versò la porta.
- Mamma mia quanto lo amo! - pensò lungo le scale in entrambe le lingue, e ne sorrise.
Lui restò pochi secondi fermo: avrebbe finito qualche impegno, poi la cena da solo estasiato dalla musica; avrebbe letto fino a tardi addormentandosi, e domattina il lavoro fuori. Poi l’avrebbe avuta di nuovo. L’avrebbe di nuovo amata. Andò velocemente alla finestra. La vide muoversi tra la gente.
- Mamma mia quanto la amo! - pensò.
Anche lui in entrambe le lingue. Anche lui sorridendo.





FINE

 





 
 
 





Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
Schweigen
Photo   Peter Nguyen

Tutti i racconti di Schweigen su LiberaEva
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore



 

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1