HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Schweigen
La via del ritorno






 



     Scivolo fuori dalla cabina della doccia: la pelle ottiene una piacevole sensazione di fresco; mi accoglie l’abbraccio morbido dell’accappatoio. In queste ore del primo mattino mamma riesce a dormire un poco. Le mie piccole gioie, la mia libertà sono diventate questo: stringere fra le mani la tazzina del caffè, guardare l’orto dalla finestra, il volo delle rondini, il loro grido…

Quest’estate si mantiene mite. Quell’anno invece il caldo fu violento; prepotente: totale. Fin da subito. Ci eravamo conosciuti poco; certo gli sguardi erano stati eloquenti. Reciproci. L’ultimo giorno del progetto mi indicasti una stanza vuota; riuscii solo a sussurrare: - Dici? non hai paura che…? - poi entrai. Ci baciammo a lungo. L’uno dentro l’altra. Poi rimanemmo in silenzio a guardarci negli occhi: non saprei dire quanto. Molto. Non ti facesti più vivo, sparisti. Non persi tempo a chiedermi il perché. Certo avevo ben altro a cui pensare. Precisamente quel bacio: lo portavo con me dappertutto. Io e quel bacio eravamo la mia persona, quell’estate.

Rispondevo all’amica al telefono, un po’ incredula e autoironica; io e lei a casa mia sorridevamo, scuotevamo la testa scorrendo con lo sguardo i dépliant. Le battute: “Due mature in crociera: uno stupendo diario di bordo!”. Uscivamo dall’agenzia con i biglietti in mano, e giù risate. E poi le onde e la luce del sole, il canto della vita. La sera le battute sui corteggiatori, il sonno leggero ma ristoratore. Sole sul ponte a guardare in silenzio l’arrivo del mattino. E poi le spiagge, la sabbia le rocce; città di pietra. Cuspidi che sfidavano il cielo. L’auto dell’amica che si fermava nel cortile, lei che mi diceva “non prendertela!”; la valigia pesante attraversava lo spiazzo infuocato; il palazzo sembrava deserto.

L’appartamento lo era davvero. Il sudore mi colava sul collo, attraversava il solco delle spalle e s’infilava in quello delle natiche; gocciolava dai seni e impregnava il pube. Trovavo un po’ di refrigerio nella doccia, poi giravo nuda per casa, godendo di questa naturale libertà. E sempre nuda restavo in piedi, il dito sotto il mento, a guardare la valigia aperta, senza decidere da dove incominciare. Suonavano da basso: - Passavo di qui, se hai piacere posso salire - premevo il tasto dell’apri - cancello; giravo la maniglia della porta. Mi coprivo con un asciugamano: lo sostenevano i seni, arrivava giusto un poco sotto i fianchi. Aspettavo in piedi, poche stanze più in là. Sentivo poi la porta richiudersi, con delicatezza. “Sei appena tornata? ti disturbo?” “Non mi disturbi affatto”. L’asciugamano scivolava a terra.





FINE

 





 
 
 





Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
Schweigen
Photo   Peter Nguyen

Tutti i racconti di Schweigen su LiberaEva
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore



 

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1