HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Schweigen
La tua casa






 



     Quando si aprono i mattini, magari freddi ma pieni di sole, e di rugiada perfino in città, nel giorno della Festa e del riposo, allora tutto si può fare prato e fiaba e sentiero che conduce a una piccola, preziosa lunga inestimabile gioia: la condividono una donna e un uomo. Nella tua casa tutto è vellutato, tutto è la luce buona del mattino: tutto appare gentile, delicato; e tu sorridi certa del tuo cammino. Prima che il tempo affretti la sua corsa ti è stato chiesto un fiore; dal tuo giardino hai scelto il migliore: lo doni con simpatia.

Conosci infatti la tua casa: conosci la sua luce, conosci il tuo respiro e sai dove conduce. E se l’attesa si fa serena, non è il caso tu pensi sia lunga: forse la è, ma certo più per altri; perché la tua stanza è la porta antica delle mura segrete, dove ti muovi sicura equilibrista: esperta, senza rete…

Allora, finalmente, quando il suono (che un po’ è suono e un po’ è richiamo e festa) arriva, corri con passo lento ad aspettare: e ad aprire, sorridendo a salutare. La fretta ti denuda dispettosa, gioiosa dello spettacolo. Tu le rispondi caparbia e scherzosa: chi di noi è il giocattolo? La risposta non si fa certo attendere; eppure resta quella che era: da prendere con un sorriso, come un gioco, una sfida: senza paure. Ti pare bello; ora non vuoi mostrarti presuntuosa… ma il tuo dono ancora grazioso è sincero: tenero come petalo di rosa.

Così ti vedi leggiadra, serena; come da sempre sei; ma prima te n’eri accorta appena. Perché quando ogni cosa si fa buona, anche la strada appare meno dura: la tua persona si fa sicura e ti riscopri, ti ricrei: la luce e l’ombra sono la clessidra del tuo corpo, la linfa del tuo cuore, quel cuore come il corpo che nel battito si rende più robusto, perché ti mostri la sua forza ed il gusto. Il riposo ti appare infine un merito: davvero tu lo apprezzi in modo giusto: con un grido un respiro, un sorriso! E’ stato bello camminare insieme per un sentiero antico e sempre nuovo: te lo ha indicato il cuore, vero amico; ed ora, il ricordo sincero è sempre amore, la strada fatta assieme ti aspetta amica: anche quando sei sola. Il rifugio è di gioia: dopo il piacere, come dopo il dolore…





FINE

 





 
 
 





Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
Schweigen
Photo   Peter Nguyen

Tutti i racconti di Schweigen su LiberaEva
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore



 

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1