HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Schweigen
Il caffè della colf






 



     Sei sempre puntuale. Chissà perché mi è andata fin dall’inizio di pensare di dirti così. Noi che potremmo darci solo del lei, e nient’altro che questo. Per tante e svariate ragioni. E primo perché siamo estranei. Estranei del tutto. Ci vedremo - per caso - (per caso? sì penso per caso) trenta secondi al giorno. E poi per come sei messo su: con quella valigetta in pelle mezza scura mezza chiara che tieni sempre stretta sotto l’ascella sinistra (ma perché ce la terrai stretta, se ha tanto di manico fatto apposta, e robusto?… mi chiedo); e con quel giacca&cravatta sì… però un po’ strano, un po’ dandy: un po’ ridicolo diciamolo!

E io invece qui, in tuta e pianelle: tuta che non si sa se viola o rosa. E il maglioncino a righe di cielo e mare, cielo e mare, a seconda di come ci piace guardare. Sì: lo so che ho un bel seno - ho delle belle tette: sode e di giusta misura. Ma sotto il maglioncino cielo e mare mica si vedono. Invece dal retro delle pianelle sì che spuntano i talloni nudi: dalle pianelle rosse, con quella scritta ridicola sulle punte: hallo! a destra – kiss!!! a sinistra… mah!

Maledettamente puntuale: e sì che ci penso, rimando cambio il momento. Ma quando mi chino sulla lista d’ottone che forma il confine alla soglia di marmo, il confine della casa della signora, e tengo ritte le gambe col piede di destra un po’ indietro e quello (sì quello lì) all’aria e mi sforzo per gli ultimi strusci perché so che poi basta: ecco che spunti dalla scala senza un rumore. Un colpetto di tosse. Allora mi volto, soltanto la testa, e tu dici per primo e sorridi ma lo so che tu ridi: buongiorno signora; e ogni volta mi vendico: sguardo da lepre da serpe da lupa in calore che non te la dà: ah, salve… ti dico e mi giro.

Eppure tu hai vinto. Hai vinto perché io mi sento con te come sono: bruttina sudata i capelli che spiovono in mezzo al lavoro in barba al fermaglio; lo sguardo accaldato e un po’ strabico… per niente di Venere. Eppure così consapevole di essere donna. Di essere topa: la donna più topa del mondo.

Una volta ho provato persino a tenere la testa al suo posto, a fingere di non sentire quel colpo di tosse, quell’ultimo passo. Mi è anche riuscito. Allora ti sei avvicinato: hai chinato la testa fino quasi a sfiorarmi la coda. Dei capelli. E ancora hai sorriso. Quel tuo viso tondo, né bello né brutto: innegabilmente sincero, pagliaccio gentile: cos’è? Neanche saluta? - ridevi - Ah, salve! (ma vai a … ….!). Così. E allora: perché non arrivi? Ho già fatto la mossa: strusciato l’ottone. Non è mica un giorno di festa! Perché non arrivi: sono i nostri trenta secondi: quello che siamo quello che vogliamo; che è vero e per questo non sa mai nessuno. Nemmeno noi due. Perché non arrivi?!?

Rientro, chiudo la porta. Forse - davvero non lo ricordo - un po’ piango. Mi cambio: di nero di lana, blue-jeans da ragazza e le spillo tagliate. Giubbotto malvagio. Mi tolgo il fermaglio e riaggiusto i capelli. Va via? Ah buongiorno! Ma guarda che roba, adesso ci penso che non l’ho mai vista a quest’ora! Eh.. Io stavo rientrando.. Ah .. Gradisce un caffè? No, grazie io vado.. Ma come?: un caffè per tre anni che non lo prendiamo.. Beh, io devo andare (tu apri la porta io entro, mi siedo al tuo gesto su un ampio divano,e guardo per terra; e tu in un momento sei via. Allora sollevo lo sguardo: la pianta i colori i paesaggi i fogli sul tavolo scuro; la luce solare d’immensa finestra.

Di fuori non c’è che un rumore: cascata di note da mille e una notte, preludio per gli ultimi esami: la bella puledra del conservatorio. Ritorni, mi porgi il caffè mi chiedi lo zucchero quanto? lo bevi in silenzio. Rimani così ad ammirarmi. Io provo a schernirmi un momento, un po’ d’ironia. Sorridi e capisco: potresti restare così delle ore. Tu sei estasiato di avermi vicino! Per questo mi alzo e ti strappo i vestiti di dosso. Ti spoglio e ti metto disteso. Mi spoglio a mia volta e poi ti posseggo: con forza con gioia lo sguardo deciso il candido marmo del viso che è immobile come destino.

Mi osservi: lo so che mi ammiri che approvi che lodi che godi di quello che sono. Puledra che attacca il finale: gli acuti che intrecciano i bassi, e poi un colpo secco. Gli sguardi che si entrano dentro: nel corpo e nel cuore. La musica tace: il respiro di un uomo e una donna racconta di noi…





FINE

 





 
 
 





Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
Schweigen
Photo   Peter Nguyen

Tutti i racconti di Schweigen su LiberaEva
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore



 

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1