HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Schweigen
Come il fiume






 



      Il fiume è molto freddo d’Inverno: in certi punti a volte è di ghiaccio, e le sue curve brillano nelle poche ore di sole; il passero solitario vi si posa col suo corpo grazioso e robusto,e gira intorno il capo curioso, stupito di solitudine; poi si nasconde nei rami degli alberi, quasi ormai tutti denudati di foglie, che si tendono come ora le mie braccia magre lungo i miei fianchi. E accanto al fuoco io guardo le acque, dalla mia casa, mentre il fiato si posa sui vetri e vi si ferma un poco.

Ricordo quell’Estate, stesa a terra nel bosco accanto al fiume, non violento ma ricco e deciso nel corso dell’acqua, sotto gli alberi folti vestiti di verde: lo sguardo che vagava tra le foglie e le aperture di cielo, cercando di sposare il proprio sogno al dolore, il proprio respiro alla gioia, e come a un punto non riuscii a non gridare e una rondine subito rispose; poi soltanto di nuovo il respiro che trovava il suo ritmo: come il fiume.

Il premio del risposo: forse pochi minuti che sembravano ore passate immobili e in silenzio. L’allegria del cammino a piedi nudi ricalcando il sentiero che poco prima attraversai diversa: lo salutavo con un corpo nuovo. Ora guardo la terra e poi il fiume dalla finestra in questa Primavera: lo sguardo prosegue colmando lo spazio tra me e le sue acque, sopra l’erba trapunta dai fiori spontanei: uno due tre colori, come le ciglia il cuore e il respiro, come le vie del dono di una donna, come sboccia la linfa di un uomo.

Serena piego la testa alla spalla, e percepisco appena il rumore, appena il passo, appena e non sono sicura la voce, poi più nitido e vero l’odore; poi le carezze sul seno e sui fianchi, come le anse in cui l’acqua ora scorre tranquilla toccata dal bianco di una luce finalmente buona. Ora il corso è davvero una sola canzone, dalla sorgente a questa pianura che lo accoglie e lo stringe gentile. Il mio corpo si è fatto ruscello e greto e estuario di gioia. Tu che penetri in me come il raggio di sole nell’acqua. Immagino la foce ed il suo mare. Come il fiume.







FINE

 





 
 
 





Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
Schweigen
Photo   Peter Nguyen

Tutti i racconti di Schweigen su LiberaEva
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore



 

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1