HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Schweigen
A flick of the tail






 



      Un pomeriggio le capitai in casa senza preavviso né intenzioni bellicose. Dovetti suonare due volte perché era a letto a dormire e mi aprì con gli occhietti stretti, contenta di vedermi ma rimproverandomi, perché “quando si va in visita alle signore bisogna sempre avvertire prima”. Mi chiese infatti di potersi ritirare in bagno ben più dei classici tre minuti.

Aveva una bella casa, non ricca né grande ma antica, di quelle con la stanza centrale da cui si dirama su tutti i lati il resto. Mi piacque molto parlare con lei sui divanetti; delle nostre famiglie e anche un po’ se la natura ci usa per fare quello che vuole e basta o se qualche assolo imprevisto originale e buono riusciamo a piazzarlo. Muoveva la testolina acconciata in medio-corto con le ritorte sulle tempie, quel poco che bastava ad accompagnare il sorriso e sottolineare i suoi pensieri.

Chi l’avrebbe mai detto che dentro quell’involucro ci stavano vent’anni di capricci perché l’uomo della sua vita non era capace a dialogare (-a dialogare con te!- pensavo io), e chi non dialoga non fa l’amore, e si sta assieme perché c’è il bene del cuore ma stare insieme anima e corpo è un’altra cosa? ( - e fagliela vedere tu, quest’altra cosa! – pensavo io – visto che gli vuoi bene! -).

Ah, se gli amici che la vedevano così deduttiva, così tollerante e intelligente, mentre ammiravano le sue cosce tornite, i suoi seni irrefrenabili su quel corpicino da bambina serena, avessero saputo! Oh, se il figlio, quando le capitava in casa con un paio di amici all’improvviso e lei che era appena tornata dal giornale impastava pizze e crostate seminando serenità, avesse solo immaginato! Ma quella sera erano tutti lontani, e io (chissà perché: mica mi conosceva meglio degli altri…) ascoltavo le sue pacate, un po’ melanconiche, chiare confessioni.

Quando arrivò sera mi chiese di cenare assieme e ovviamente accettai. “Ci arrangiamo” e “il vino è in fresco” furono le due parti dell’invito veramente amiche e azzeccate, anche perché fu proprio così, e già questo ci rese ancora più compagni, ancora più naturali nel fidarci che nessuno dei due voleva altro.

Fu una cena stupenda. Le versavo il vino spesso ma solo per gentilezza. Alla fine ci alzammo. Le cinsi le spalle e l’accompagnai verso i divanetti: lo feci così, naturale, soprapensiero, per guidarla un poco. Fu a questo punto che lei disse: ma-che-facciamo?!? e io dissi: stiamo insieme. So che può riuscire scontato, ma vi è un solo aggettivo davvero adatto a quella notte: indimenticabile.

Non tralasciammo nulla dei preliminari. Naturalmente i suoi seni ebbero molta parte in questo: enormi e simpatici e finalmente nudi. Penzolavano vasti come bimbi in altalena sotto di lei china a baciare, oppure si spandevano, tuorli d’uovo nella loro chiara e questi insieme nel tegame dopo che si spezza il guscio, quando lei si coricava ad accogliere con un sorriso le mie tenerezze.

Aveva la vulva scura fuor del normale: non tanto nel pelo quanto nella cornice e ancor più al suo interno; era il tono del caffè ora miscelato, ora forte e schietto. Era molto restìa all’attenzione del maschio sulla vulva, e capii che per lei il primato del petting significava stima per il dialogo rispetto allo sfogo e al possesso. Era sinceramente, o voleva ad ogni costo esserlo, Donna di Testa. Ma io godevo di sapere che la chiave di volta ora trionfante sui suoi maestri e i suoi avversari era la mia amicizia, la mia tenerezza, la cura del suo stare bene.

Spogliandola progressivamente, l’avevo pregata di tenere i sandalini, due infradito in cuoio verniciato a oro chiaro dono del suo caparbio innamorato , che lei portava per affetto e bontà verso di lui; accettò. Prima parlando li aveva definiti “ridicoli” ma io seppi capire la loro funzione: la sera d’estate avanzava, e le sue belle forme si facevano sempre più avvolte da quella; le dovevo intuire con lo sguardo e col tatto; colpito a tratti dalla tenue luce, l’oro rimandava veloci guizzi che segnalavano il suo movimento e la sua posizione, come il faro a chi deve trovare la via nella notte.

Li tolse solo all’ultimo, perché la infastidivano e per essere completamente nuda prima di prenderci. Dico così perché fu lei a farmi suo, montandomi sopra con calma e semplice decisione.

- Eri venuto per questo? - chiese - sono venuto per stare un po’ con te - risposi durante il suo dono definitivo. Però devo ricordare un particolare. In un paio di volte e assolutamente per caso, durante i cambi di posizione, che furono vari e frequenti, le scontrai di lato il seno con il membro dritto e robusto. Lei ebbe una reazione immediata e senza dubbio spontanea: emise un suono velocissimo, di stupore e gioia assieme, come un orgasmo rimpicciolito nel tempo e molto arricchito d’intensità. Questo fu un grande regalo. Fu anche un grande mistero. Ma forse, quando ripenso a lei, ora è tutto chiaro come il sole.




FINE

 





 
 
 





Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
Schweigen
Photo   Peter Nguyen

Tutti i racconti di Schweigen su LiberaEva
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore



 

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1