HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Dunklenacht
Il segreto di Parigi






 



      *E’ un segreto che non appartiene a me. L’autore.

Avevo cominciato a corteggiarla per caso. Tutto era iniziato con un biglietto smarrito, scritto con inchiostro blu, su carta rosa. Lei lo aveva rinvenuto misteriosamente, sul suo comodino dorato. Portava il suo stesso profumo. Mentre lo leggeva, era stato come se i suoi occhi si fossero addormentati in un sogno. Aveva visto perle tuffate nello smeraldo, castelli perduti, aveva letto parole di fuoco. Nulla di quel messaggio era andato perduto. L’aveva riposto in seno, a perenne memoria di quell’istante. Oh, chissà quante altre volte l’aveva letto! Mille. E pensare che non avrei mai scommesso sul suo sì. Eppure, me lo concesse con grande semplicità, la stessa con cui sapeva tirare un bacio con le sue belle labbra rosse.

Abitavamo soli nella nostra bella casa di Parigi. Poche persone venivano a farci visita, eravamo sempre stati intimi amici. A volte, mi capitava di vedere la mia cara sorella affacciata alla finestra, quella graziosa finestra dai vetri all’inglese che guardava verso Montmartre, e, le belle chiome al vento, salutava i passanti con il fazzoletto di seta ricamato. Era un passatempo che coltivava dalla prima giovinezza. Salutava gli sconosciuti coi suoi baci e i suoi bei boccoli biondi, e facendo cenni appassionati con il suo fazzoletto preferito, nell’ora del tramonto, quando i raggi di rame dell’ultimo sole tingevano di fuoco i tetti e le cupole della capitale di Francia. A volte passavo sotto a quella finestra, di ritorno da una passeggiata al Louvre, e mi capitava di vederla. Era una visione. Pareva piangesse lacrime di diamante e di passione. No, forse, era una bambola, fatta per essere carezzata soltanto dalle mie mani bianche.

Ricordo che possedevo una vecchia spada, che alcuni dicevano essere appartenuta a Napoleone III: l’avrei usata contro chiunque l’avesse strappata alle mie premure affettuose. Lei era la mia bambola e nessuno doveva toccarla. A volte, andavamo a passeggio insieme. Camminavamo tenendoci per mano e sussurrandoci mille tenerezze. Erano come delle dichiarazioni d’amore, che soltanto il vento poteva ascoltare. Andavamo insieme al Giardino Botanico, o verso Notre-Dame e le isole sulla Senna. Guardavamo le barche che risalivano il fiume, a volte, facevamo colazione sull’erba. Durante quelle favolose peregrinazioni condivise sottobraccio, osavo carezzarle i lunghi capelli biondi, che così spesso la brezza del mattino e della sera scompigliava.

A volte, capitava anche che le toccasi le spalle bianche, le belle braccia carnose, o i seni lasciati quasi completamente nudi da un vestitino forse troppo velato per lei. La bella lasciava fare. Si riparava dal sole con l’ombrellino; a volte, mi strizzava l’occhio, o mi regalava qualcuno dei suoi sguardi appassionati, che facevano battere il cuore. Una volta eravamo presso i JARDINS DU LUXEMBOURG, e lei mi strinse forte il braccio, si chinò per mormorarmi qualcosa all’orecchio, e carezzandomi con i lunghi riccioli biondi mi sussurrò di amarmi. Poi, senza che nessuno ci vedesse, avvicinò le sue labbra alle mie, e mi baciò con ardente affetto. Ricordo che non smisi mai di corteggiarla. Ogni occasioni era buona per giocare con lei, come si potrebbe giocare con una bambola.

Nel cortile interno alla nostra grande casa, che assomigliava a una domus romana, giocavamo a rincorrerci. Lei rubava le margherite e ne regalava i petali al vento. Io facevo il guastafeste e facevo di tutto pur di rovinare i suoi bei giochi, pur di strapparle un sorriso amoroso. Aveva delle labbra bellissime e dei denti d’avorio, quando sorrideva, mi faceva impazzire. A volte, in quel giardino, che lei chiamava il giardino delle stelle, giocavamo a Pinocchio e la Fata Turchina, benché entrambi avessimo vent’anni. Altre volte, ci capitava di abbracciarci forte e di ruzzolarci allegramente sull’erba. Lei si teneva stretta a me, con tutte e due le mani, mi faceva sentire le belle braccia nude sul mio corpo, mi stringeva anche con le gambe, lasciate scoperte da una gonna a pieghe un po’ sopra il ginocchio.

Capitava anche che mi strappasse la camicia e che mi mordicchiasse le spalle nude. Io stringevo forte le sue mani, quelle belle mani dalle dita lunghe, che lei dipingeva avidamente di rosso, di celeste, di fucsia, di turchese. Le piaceva graffiarmi leggermente. Io la lasciavo fare, e ricambiavo baciandola teneramente sulla guancia. Non mi stancavo mai di farlo, dopo che ci eravamo ruzzolati felicemente sul prato. Poi le porgevo la mano e la invitavo ad alzarsi. - Sei la mia bambola, lo sai? – le sussurravo con affetto. - Oh, lo so… Non coccolarmi troppo, però, perché i miei riccioli si spettinano. - Lo sai che morirei, senza di te. - La scorsa notte ho sognato. Eravamo abbracciati come adesso, e facevamo ciò che si conviene a due giovani sposi. Era sotto il grande ippocastano, LE MARRONIER D’INDE, su di un dondolo dorato, accanto al quale stava una grande statua della dea Calliope. - Non di rado i sogni si avverano. - E il mio si avvererà presto, lo sento – disse, prendendomi la mano e portandosela sul cuore. Era talmente bella, in quell’istante, appena truccata, il volto di perla, che rifletteva tutto lo splendore dei suoi primi vent’anni. Era meravigliosa di tutto ciò che mormorava in lei. Amava lasciarsi carezzare, come già vi ho accennato.

Si chiamava Vanessa, ed era un nome da farfalla. Mi piaceva sussurrarlo mentre ero con lei nella sua stanza fatata. La pettinavo piano, le arricciavo anche con le mani i bei capelli biondi, e mentre lo facevo, lei chiudeva gli occhi. Le ciglia abbassate, le belle pupille nascoste dietro le palpebre d’argento, sognava. - Fammelo ancora – diceva. Le carezzavo le belle guance con la scusa della cipria. Ma soprattutto amavo vedere quei bei capelli che ricadevano morbidamente sulle spalle, ora nude, ora ricoperte da un leggero velo nero. Le passavo il rossetto sulle labbra. E lei lo provava sul mio volto, sulla mia bocca, baciandola teneramente. - Ne vuoi ancora? – mi diceva. E io rispondevo sempre di sì. Sempre nella sua cameretta, in cui mi faceva entrare tanto volentieri nell’ora del trucco, mi porgeva le belle mani da curare. Voleva che le mettessi lo smalto, o che le massaggiassi tra le mie. Diceva che ero un tesoro.

Ma mi piaceva soprattutto pettinarla, allora, lei chinava la bella testa bionda all’indietro, sospirando, le labbra semiaperte, e mi stringeva forte la mano libera. Il pettine scorreva morbidamente tra quei fili d’oro puro, che dovevano essere miei, e già lo erano. In quegli attimi, la bella sorellina sussurrava il mio nome, era innamorata di me. Altre volte mi provocava. La bella Vanessa mi chiamava nella sua lussuosa stanza col letto a baldacchino, solo per provarsi le calze davanti a me, ed avere così un’occasione per mostrarmi le belle gambe, o il rossetto nuovo.

Quando c’era il temporale veniva a rifugiarsi nel mio letto e voleva che la stringessi forte, che la consolassi, perché malgrado i suoi vent’anni aveva ancora paura dell’Uomo Nero. Ricordo di averla vista con i seni nudi, mentre i suoi lunghi capelli volavano al vento, e le sue labbra rosse sussurravano sospiri. Accadde sulla terrazza bianca, all’ultimo piano, che guardava verso la Tour Eiffel. La luna e le stelle sostituivano nell’etere turchino il sole del giorno, era Luglio. Lei, bambola perduta dell’Oriente, portava indosso soltanto una grande gonna di seta gialla, simile a una crinolina del Settecento, che la brezza d’estate gonfiava e faceva volare forte.

Vidi i suoi capezzoli rosa, vidi il suo petto argenteo e turgido, il suo ombelico decorato con un anello di platino, teneva le mani sul collo, era come se l’ultimo raggio di sole del giorno la baciasse, la baciasse, la baciasse… Nubi turchine velavano il cielo dietro la grande torre dell’ingegner Eiffel, che s’innalzava come un gigante fatato alle spalle di una dea. Non osai rompere il silenzio. Ma la toccai, sì, la toccai, come avevo già fatto altre volte, e lei fu mia, mi disse ti amo, e nulla più. Sfiorai anche le sue gambe, e i seni prorompenti, appena imperlati di un sudore profumato. Poi, il sogno si avverò. Accadde mille e mille volte che lei degnasse la mia lunga virilità delle sue labbra. Le sentii infuocate, che scorrevano sull’asta, senza sosta. Ci sapeva fare. Entrai nella sua camera e lei mi svelò il suo segreto.

Era una farfalla, una Vanessa, dalle ali viola, disegnata a nord del suo monte di Venere, al fianco di una Tour Eiffel. Gliela baciai, così come baciavo la sua femminilità di solito nascosta dietro il pizzo nero, ma per me, oramai, nuda e svelata. Lei fremeva sotto la mia lingua di fuoco, era di miele. La bella poteva trascorrere delle ore seduta a cavalcioni su di me, nuda, o quasi, entrambi eravamo accomodati sulla amata sedia in stile Primo Novecento, o Impero, che la passione e il piacere facevano scricchiolare. Voleva che la prendessi in braccio, che la prendessi in braccio. E leggevo nei suoi begli occhi lo splendore di una Parigi sepolta, ma mai dimenticata, fatta dei tigli che si specchiavano sulla Senna, delle torri di Notre-Dame, dei monumenti del Louvre, del ricordo di Re Sole, che brillava nei giardini di Versailles. Voleva che le toccassi le gambe, le belle gambe, e che le mettessi e le togliessi le calze a rete che tanto amava.

Di tanto in tanto, le usava per regalarmi il piacere, sì, l’orgasmo. Amavamo anche ballare il tango. Era un modo per abbracciarci, per essere vicini l’uno all’altra, nessuno poteva sentirci, ne vederci. Sentivo il corpo suo stretto al mio, era nuda, nuda, sotto i veli, e non si staccava mai da me. L’avevamo ballato anche sul nostro terrazzo, quello che guardava verso la torre. Non desiderava avere figli. E ricordo che una volta, sul letto, la mia amata sorella mi regalò tutta se stessa. Entravo e uscivo da lei affannosamente, e alla fine la bella svenne di piacere tra le mie braccia.








FINE

 





 
 
 





Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
Dunklenacht
Photo    Bernard Delhalle

Tutti i racconti di Dunklenacht su LiberaEva
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore



 

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1