HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Dunklenacht
Danimarca






 



      Aveva salutato i mulini di Frisia per l’ultima volta. Ora, gli occhi suoi contemplavano quelli di Danimarca, sperduti tra le campagne di papaveri e fiori perduti, in una regione di fuoco, dove soffiava il vento freddo. I cattivi avevano squarciato la bandiera della sua patria. Le avevano strappato gelide lacrime dagli occhi, oh, sì, quei grandi occhi, azzurri come il mare, che continuava a udire sempre, sempre, sempre. Quella voce bianca e spumeggiante non faceva che vagare su quella terra di fantasmi. La carrozza correva veloce, e portava lontano. La tiravano cavalli bianchi, ornati di paraocchi neri, e sferzati da una frusta color della pece, che di tanto in tanto spandeva nell’etere il suo suono sinistro. La brughiera era svanita nelle nebbie. A tratti, tra le fronde lievi delle betulle (era la fine di Settembre) spuntava una visione di mare e di cielo, e si poteva contemplare un isolotto lontano, dal quale s’innalzava un mulino a vento, come un gigante del mistero.

La bella si sporse dalla carrozza. I suoi lunghi capelli biondi volarono nel vento di Danimarca, volle abbassare le lunghe ciglia nere, e posarsi un dito sulle labbra, come per regalare un bacio ai suoi castelli, i magici e fatati castelli, che le avevano tenuto compagnia un tempo, e ora ritornavano nei suoi sogni. Era vestita con un lungo manto turchino, indossava dei guanti bianchi, di seta pura, e al medio della mano sinistra portava un anello, dove brillava uno smeraldo, stella perduta del Nord. Sarebbe arrivata presto, lo sentiva, oh, sì, sarebbe arrivata presto. Si posò la bella mano bianca sul seno nudo, che si alzava e si abbassava per la passione. Ricordava l’ultima volta che si erano incontrati, era stato d’inverno, dalla finestra appannata, dai vetri all’inglese, si vedeva la vecchia scuderia abbandonata e la Copenaghen lontana, con i suoi magici palazzi d’oro, sul tavolino di legno c’era una candela accesa, una teiera di porcellana, i dolcetti danesi, su una guantiera d’argento. I loro corpi erano nudi, intrecciati l’uno all’altro, le loro mani si stringevano forte, lei gridava, di piacere. Lo sgabello scricchiolava sempre… Ariel sospirò.

Sapeva che i cavalli del silenzio, i cavalli bianchi del Nord avrebbero cavalcato i suoi sogni, e galoppato forte, nel cuore della notte stellata, fino all’ultimo suo bacio. Erano i cavalli del piacere. Le venivano in mente i ricordi della battaglia… C’era stata anche lei, sì, anche lei, ed aveva visto tanti uomini che amava, cadere infelici, gli occhi suoi avevano visto il fuoco dei cannoni, il luccichio delle sciabole e delle divise decorate d’oro e d’argento, l’esplosione delle granate, le battaglie all’arma bianca. Quel giorno, un soldato le aveva slacciato il corsetto con un colpo di spada, i suoi seni grandi e bianchi erano rimasti nudi, al vento… Non era stato per ucciderla, no, ma soltanto per far l’amore con lei, non importava se con la violenza o con l’inganno. La bella aveva acconsentito, per un pezzo di pane, ed era rimasta nuda sull’erba, le labbra rosse semiaperte, per sospirare di piacere. Ricordi! La carrozza fatata, intanto, era passata tra mille ponti levatoi, grate e passaggi segreti, attraverso i castelli ed i parchi di Danimarca. Ariel si riscosse dal suo sogno di principessa.

Guardò il suo orologio d’oro, che le aveva regalato suo padre, si accorse di essere arrivata, e scese. Le andarono incontro i domestici e i grandi cani dal manto bianco a pois neri, che facevano le feste. Il parco era ingombro delle fragranze degli ultimi fiori del Nord, che una brezza marina spandeva all’intorno. Per arrivare sull’isola, avevano attraversato il lungo ponte di legno… Ariel desiderava fare il bagno. Le dissero che il cavaliere sarebbe giunto all’ora del tramonto. Rimase sola con le domestiche, che le offrirono una grande tinozza piena d’acqua cristallina, sulla quale nuotavano rose appena sbocciate. - Lasciatemi sola – disse, nel suo danese suadente. Si tolse così i bei guanti di seta bianca, lasciando scoperte le favolose mani dalle dita lunghe, fatte per toccare, e dalle unghie d’argento. Poi fu la volta dei bottoni, quei bei bottoni dorati che le ornavano il corsetto scollato, che lasciava nudi i suoi seni grandi, e si tolse infine la lunga gonna di raso. Aveva belle gambe, portava scarpe argentee, con il tacco alto, e una sorta di reggicalze di pizzo, a mezza coscia, che però non serviva a nulla, poiché non portava calze.

Si tolse ogni indumento, rimase soltanto con un bracciale d’oro, e l’anello, il magico anello al dito. E si immerse così nella tinozza, cominciando dalla punta dei piedi, e spruzzando a poco a poco il resto del corpo. L’acqua era fredda, e la bella gemeva sommessamente, per il piacere che le davano quei tocchi. E il cavaliere venne, quasi all’improvviso. Aprì con veemenza l’uscio di legno, e si precipitò su di lei. No, non era cambiato, dall’ultima volta. Le avrebbe concesso ospitalità in cambio dei favori della sua bellezza. Ariel gettò un grido, perché lui aveva cominciato a toccarla, dopo aver chiuso la porta a chiave. Faceva parte del gioco. Dopo le mani, fu la volta della lingua, rossa, lunga, che prese a succhiare dolcemente i capezzoli di lei, le scese sul ventre, e infine giunse tra le belle gambe. Lo facevano nella tinozza, nell’acqua profumata e fredda, che bruciava come il fuoco.

La bella volle mostrargli anche il bel marchio giallo e turchino che portava su di una spalla: raffigurava una fata, era stato lui ad imprimerglielo, due anni prima, servendosi di un ferro che aveva riscaldato nelle sue fucine. - Credevo fossi un fantasma – disse Ariel. – E invece no, sei ancora di carne, come allora, me ne accorgo così, mentre ti sazio con i miei baci… Ma egli non gliene diede il tempo. Le aveva rimesso le belle scarpe d’argento, e, quasi improvvisamente, la penetrò, facendole sentire in grembo tutta la sua virilità. Era frenetico, e quasi violento, le strappava delle grida dolcissime, di cui solo una donna può essere capace. Poi fu la volta dell’ano, glielo allargò con ambo le mani, per poi spingerglielo dentro con tutte le sue forze. La bella urlò di piacere e di dolore, ma lo supplicò di continuare, sempre piangendo per il fuoco che la divorava, a ogni sua spinta. Ariel, ti ricordi? Avevi perso il controllo, come gridavi, oh, come ti lamentavi! E gli spiriti volavano come aironi bianchi tra le betulle e i castelli di Danimarca, avvolti da nebbie turchine. A tratti, una folata improvvisa, che toccava la brughiera, mostrava la spiaggia, il mare, e un mulino a vento sperduto su di un isola lontana.





FINE

 





 
 
 





Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
Dunklenacht
Photo    Bernard Delhalle

Tutti i racconti di Dunklenacht su LiberaEva
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore



 

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1