HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
INTERVISTE IMPOSSIBILI

1



Sylvia Plath
Questa è la stanza
in cui non sono mai entrata
Boston, 27 ottobre 1932 - Londra, 11 febbraio 1963





Poetessa e scrittrice statunitense


 

Madame la sua vita è riassunta molto efficacemente nel suo romanzo più famoso: The Bell Jar (La campana di vetro)…
Beh quel libro non rispecchia esattamente la mia vita, è un romanzo semi-autobiografico scritto tra l’altro sotto lo pseudonimo di Victoria Lucas.

Ci racconti della protagonista Esthere…
Esther Greenwood, è una brillante studentessa dello Smith College, che inizia a soffrire di psicosi durante un tirocinio presso un giornale di moda newyorkese...

Proprio in questo passaggio molti hanno visto un parallelo con la sua vita...
Trascorsi anch'io un periodo presso la rivista femminile Mademoiselle e successivamente al quale, in preda a un forte stato di depressione, tentai il suicidio.

Lei sue origini Madame?
Sono nata in un distretto di Boston da genitori immigrati: mia madre, Aurelia Schober, apparteneva ad una famiglia austriaca e durante la sua esistenza si rifiutò sempre di parlare inglese continuando a parlare il tedesco. Mio padre, Otto Emil Plath, professore di college, figlio di genitori tedeschi, si trasferì in America a sedici anni per diventare in seguito uno stimato entomologo, in particolare in materia di api.

Dicono che sin da piccola dimostrò un talento precoce…
Pubblicai la mia prima poesia all'età di otto anni. Fu una gioia immensa, da quel giorno non smisi più, continuando a pubblicare poesie e racconti su varie riviste americane.

Purtroppo la perdita di suo padre le lasciò strascichi molto seri…
Morì di embolia in seguito ad un'operazione chirurgica. Avevo solo otto anni ed al momento non mi resi conto del grande vuoto che aveva lasciato.

Soffrì per una grave forma di depressione…
Alternavo momenti di intensa vitalità a forti crisi depressive. Pensi ero entrata nello Smith College con una borsa di studio nel 1950, ma nel penultimo anno tentai il mio primo suicidio… Mi nascosi nello scantinato di casa ed ingerii un intero flacone di sonniferi. Fui trovata in fin di vita da mio fratello.

Siamo all’incirca nel 1953, fu costretta ad abbandonare gli studi?
Beh, immediatamente, fui ricoverata in un istituto psichiatrico, il McLean Hospital. Subii una serie di elettroshock… fu un'esperienza terribile ed atroce. Appena uscii dall'ospedale ripresi a studiare. Preparai la tesi su Dostoewskij e mi laureai con lode ottenendo una borsa di studio e la possibilità di continuare gli studi nell’università di Cambridge. Era il 1955.

Mi scusi la brutalità ma cosa porta una donna giovane e bella, intelligente e sensibile a desiderare la morte?
Non lo so, sentivo solo una grande pena e un grande vuoto dentro. E mi rendevo conto a volte quanto fossero inutili le mie parole e le mie poesie non riuscivano a colmare quel dolore… E la conoscenza del dolore spesso è un fardello troppo pesante da portare da sole.

A Cambridge incontrò l’amore…
Già, conobbi il poeta inglese Ted Hughes. Fu un colpo di fulmine. Il suo fascino mi travolse. Ci sposammo il 16 giugno 1956 e decidemmo di trasferirci negli Stati Uniti. Io trovai lavoro a Boston insegnando presso lo Smith College.

Poi tornaste in Inghilterra…
Abitammo per un breve periodo a Londra ed in seguito ci stabilimmo a North Tawton, in una piccola città commerciale nel Devon.

E le sue poesie?
Pubblicai la mia prima raccolta The Colossus nel 1960. Nel febbraio 1961 purtroppo persi il mio primo figlio. Fu per me un evento drammatico che mi segnò notevolmente.

E suo marito non l’aiutò?
Il matrimonio si incrinò e decidemmo di separarci. Ma questo avvenne poco dopo la nascita del nostro secondo figlio.

Per incompatibilità…
No, semplicemente una banale questione di tradimento. Ted frequentava corrisposto Assia Wevill Gutman una donna molto affascinante e moglie di un nostro amico poeta e vicino di casa.

Leggo che la separazione fu traumatica…
Affrontai Ted ma lui negò ogni cosa. Mi resi conto che quando dai a qualcuno tutto il tuo cuore e lui non lo vuole, non puoi riprenderlo indietro. Se ne è andato per sempre... Comunque me ne andai immediatamente di casa e ritornai a Londra, naturalmente con i miei due figli, Frieda e Nicholas.

Quanto delusa?
Ero solo una donna che aveva tentato di seppellire l’ansia di libertà e la vocazione di scrittrice in un matrimonio apparentemente felice. Non rifiutai mai il mio ruolo, tentai fino alla fine di conciliarlo con le mie aspirazioni, di giorno facevo la madre e la moglie, accudendo i miei figli, la notte rubavo qualche ora per scrivere, cercando di soffocare il mio istinto ribelle che riversavo solo nelle poesie. In mezzo a queste difficoltà la scoperta del tradimento fu davvero troppo.

Nelle sue opere i personaggi femminili vivono situazioni difficili, disperate…
Secondo me li caratterizza una sorta di ribellione interiore e un’insaziabile sete d’amore difficile da colmare. Nella mia poesia ho sempre cercato di esorcizzare il mio disagio persistente e le mie esperienze personali attraverso un’identità scissa che mi proiettava in un mondo tutto mio.

Cosa fece a Londra?
Affittai un appartamento in centro. Fui invasa da una immensa gioia quando seppi che in quella casa vi aveva abitato W.B. Yeats. Sentivo dentro un’energia non indifferente e iniziai a scrivere… Quell’anno l’inverno fu molo duro, non uscivo mai di casa. Ma alla fine venne fuori un capolavoro… The Bell Jar



L'11 febbraio 1963 era passato solo un mese dalla pubblicazione del romanzo quando Sylvia si tolse la vita. Poco prima dell'alba, dopo aver scacciato più volte la tentazione, preparò la colazione, depose pane, latte e burro sui comodini accanto ai letti dei suoi figli, aprì le imposte della loro stanza, poi sigillò porte, finestre ed ogni fessura con nastro isolante e asciugamani arrotolati. Scese in cucina, si chiuse dentro. Aprì lo sportello del forno e dopo aver aperto la manopola del gas, si inginocchiò, infilò la testa nel forno e si lasciò morire.
Sei giorni prima aveva scritto l’ultima poesia, “Limite”, spedita il giorno stesso all’“Observer”, poi pubblicata postuma.
È seppellita nel cimitero di Heptonstall, nel West Yorkshire.
Ted Hughes, dal quale non divorziò mai, nonostante le pratiche di separazione, si occupò dei beni letterari di Sylvia. Distrusse l'ultimo volume del diario di Sylvia, che descriveva il periodo che avevano trascorso insieme.
Nel 1982, Sylvia Plath divenne la prima poetessa che vinse il Premio Pulitzer dopo la propria morte (per The Collected Poems).


 
“Di là vedo il velato barbaglio marino
delle tue estasi, le tue visioni nel cristallo.
Di qua la lampada irreparabilmente infranta
nella mia cripta di sogno, tenebra totale
sotto la pietra della tua tomba.”

Esisterà qualche altra strada oltre a quella della mente?
Non sono un'ombra, anche se un'ombra si diparte da me. Sono una moglie.
Morire / È un'arte, come qualsiasi altra cosa. / Ci riesco particolarmente bene.

























   



  









 

 
 
 



L'INTERVISTA A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
E' STATA REALIZZATA
 GRAZIE A:
http://www.sylviaplath.altervista.org/
http://syvvi.wordpress.com/info/in-italiano/



IMAGE GOOGLE


LiberaEva

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1