HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
INTERVISTA IMPOSSIBILE

1

Aileen Pringle
Protagonista di uno scandalo
Attrice del muto rimase coinvolta
nello scandalo dello yacht Oneida.
Una tragedia dai risvolti oscuri...







(San Francisco, 23 luglio 1895 – New York, 16 dicembre 1989)

 

 

Madame lei proviene da una famiglia benestante…
Oh sì i miei erano molto facoltosi. Sono figlia del presidente della Pioneer Fruit Company. Studiai a San Francisco, Londra e Parigi.

Il suo vero nome?
Aileen Bisbee, ma iniziai a lavorare con il nome di Aileen Savage.

Le biografie dicono che iniziò a recitare tardi…
Vero, iniziai a recitare dopo il mio matrimonio con Charles McKenzie Pringle.

Chi era Sir Charles McKenzie Pringle?
Era il Governatore della Giamaica britannica. Abitammo in Giamaica e a New York.

Dapprima recitò a teatro…
A Londra a fianco di George Arliss recitai per due anni in The Green Goddess, uno dei cavalli di battaglia dell'attore che portò ben due volte sullo schermo il personaggio del rajah, gentiluomo raffinato e folle. Poi l’anno dopo recitai in Stolen Moments, il protagonista maschile era un ancora sconosciuto Rodolfo Valentino.

Il primo film a venticinque anni?
Al cinema mi offrivano parti modeste finché nel 1924 ebbi la mia occasione. Venni scelta dalla mia amica Elinor Glyn, famosa scrittrice dell'epoca, che mi volle come protagonista in un film tratto da uno dei suoi romanzi: Three Weeks. Lo girai a fianco del fascinoso Conrad Nagel, era una storia molto intrigante, una sorta di "L'amante di Lady Chatterley" che piacque molto al pubblico. Finalmente ottenni quel successo popolare che sognavo da anni.

Nel novembre 1924 rimase coinvolta nello scandalo dello yacht Oneida…
Quello scandalo travolse mezza Hollywood… Ebbene sì c’ero anch’io sullo yacht del potentissimo editore miliardario William Randolph Hearst. Ci imbarcammo da San Pedro, in California, per festeggiare il compleanno del produttore Thomas Ince.

Una tragedia dai risvolti oscuri...
Thomas H. Ince venne colpito da una colpo di pistola e fu portato in gran fretta a terra dallo yacht, morì dopo qualche giorno. Era rimasto ferito a bordo della barca probabilmente colpito per sbaglio ma non si è mai saputo chi fu a sparare. Io ricordo solo un enorme trambusto con protagonisti Hearst, Chaplin e Marion Davies, l’amante di Hearst. Tra gli ospiti sullo yacht, oltre a me c’erano la giornalista Louella Parsons, Elinor Glyn e alcune attrici famose tra le quali Seena Owen, Jacqueline Logan e Julanne Johnston.

Il problema è che fu data una versione non veritiera alla polizia…
Ince morì nella sua residenza di "Dias Dorados". Il suo medico accertò la morte e forse imboccato da qualcuno scrisse sul certificato che il decesso era avvenuto per attacco cardiaco. Purtroppo il giorno dopo il Los Angeles Times riportò a caratteri cubitali l’uccisione di Ince sullo yacht di Hearst, versione che, magicamente, sparì nell'edizione della sera. Inoltre tenga conto che il corpo di Ince venne cremato il giorno stesso e Nell, la vedova, partì improvvisamente per un viaggio in Europa.

I pettegolezzi sulla morte di Ince continuarono per anni, senza che si sia mai riusciti ad arrivare a una versione dei fatti accettata da tutti.
Beh io le ho raccontato quello che ho visto quella sera, poi leggendo i giornali e confrontandomi con altri presente mi sono fatta una opinione diversa.

Ossia?
Mi sono ricordata alcuni dettagli e oggi credo che sia stato lo stesso Hearst a sparare colpendo per errore alla testa il povero Ince. In effetti Hearst sospettava che Marion Davies e Chaplin fossero amanti e, per controllarli, li aveva voluti ambedue insieme a bordo. Sorpresi in un atteggiamento compromettente, Hearst li avrebbe minacciati con la sua pistola. Alle grida di Marion Davies, sarebbe accorso Ince che si sarebbe preso per sbaglio la pallottola destinata a Chaplin.

La versione più accreditata però sostiene che Ince, sofferente di ulcera, mentre si aggirava per la barca, si fosse trovato vicino a Marion Davies quando era arrivato Hearst che, scambiandolo per Chaplin, gli aveva sparato.
Beh io non conosco i dettagli, ma non vedo molta differenza da quello che le ho raccontato. La motivazione è sicuramente da ricercare nella gelosia di Hearst e, come vede, siamo tutti concordi nel dire che il colpo partì per sbaglio.

Lei intanto era diventata una delle più note dive di Hollywood…
Lo scandalo mi sfiorò minimamente, del resto pur essendo in quella barca non ero stata una testimone oculare. La mia carriera proseguì a gonfie vele. In quel periodo recitai da protagonista in diversi film accanto ai maggiori divi del cinema muto: John Gilbert, William Haines, Ronald Colman, Adolphe Menjou, Nils Asther.

Anche per lei l’avvento del sonoro fu problematico…
Interpretai piccoli ruoli talvolta non ero neppure accreditata.

Ad Hollywood veniva definita sprezzante ed altezzosa, ma anche il tesoro degli intellettuali…
I miei amici erano figure letterarie ed artisti di grande cultura come lo scrittore e fotografo Carl Van Vechten, gli scrittori Joseph Hergesheimer e Rupert Hughes, oppure come il giornalista HL Mencken a cui fui legata da una profonda e duratura amicizia.

Dicono anche sentimentale…
La nostra affettuosa relazione terminò quando Henry Louis sposò Sara Haardt una professoressa in inglese di diciotto anni più giovane di lui. Ero rimasta davvero sorpresa e delusa dal quel matrimonio in quanto Henry Louis aveva sempre definito il matrimonio come "la fine della speranza" teorizzando l’incompatibilità tra i due sessi.

Nel 1944 si sposò nuovamente…
Mi legai al romanziere James M. Cain, autore di "Il postino suona sempre due volte", ma il matrimonio durò soltanto due anni e alla fine divorziammo.


Aileen Pringle si ritirò dalle scene, dopo aver girato dal 1920 al 1944 un'ottantina di film. Visse a New York, da benestante. Morì nel 1989, all'età di 94 anni. Per il suo contributo all'industria del cinema, Aileen Pringle ha una stella sull'Hollywood Walk of Fame al 6723 Hollywood Blvd. di Los Angeles.

 























 

 
 
 



L'INTERVISTA A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
E' STATA REALIZZATA
 GRAZIE A:

https://it.wikipedia.org/wiki/Aileen_Pringle
https://en.wikipedia.org/wiki/Aileen_Pringle
http://www.imdb.com/name/nm0697800

IMAGE GOOGLE





INTERVISTE IMPOSSIBILI
ELENCO ALFABETICO      ELENCO CRONOLOGICO        ELENCO PER CATEGORIE




 

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1