HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1


1

Noir
 Il noir non è un genere, il noir è un colore, uno stato d’animo,
una sensazione. Il noir è un romanzo, una scena, ma non è
un giallo e nemmeno un poliziesco.





Perché il noir è un’ambientazione, è il mondo che gira intorno,
è l’ambiguità morale, l’avidità come movente.






Il noir è Lui con il cappotto grigio tra la nebbia di Londra,
è Lui con il bavero alzato, con il cappello sugli occhi,
ma non per questo è una vittima o un assassino, alle volte
un poliziotto, un marito, un amante, ma non per questo
è un tradito o sta per tradire...






 



     Il noir è Lei, anima nera e inaccessibile, dark-lady cattiva e spietata, femme-fatale romantica e retrò, labbra rosse e bionda nel cuore, quando ama tradisce, fredda e distaccata, ma non per questo è una vittima o un’assassina, alle volte una moglie, un'amante in attesa. Perchè il noir è Brivido caldo, Chinatown, Orson Welles e Fritz Lang, è la distorsione dell’immagine, il flashback intuitivo, il sesso trasgressivo.


Il noir sono gli anni Quaranta, quasi Cinquanta, più notte che giorno, è un faro dritto al cuore, un'ombra sul viso, luci soffuse e forti grandangoli. E' case e strade, palazzi e asfalto, ma mai campagna e natura. Il noir è "La scala a chiocciola", "Lo specchio scuro", ombre lunghe che s'allungano nel peccato. E' il contrasto di luce e ombra, tra il bianco e il nero, tra bene e male, il sentimento e l'indifferenza.

Il noir è la notte senza mai l'alba, un lampione sotto un ponte, insegne al neon che penetrano attraverso le veneziane, fari di luci sull'asfalto bagnato dalla pioggia, marciapiedi lucenti e vicoli oscuri, bassifondi del cuore, donne di malaffare, coppie in cerca di piacere, il marito, la moglie, l'amante!
Il noir è una voce che racconta personaggi oscuri, ricurvi sui loro tormenti e portano avanti storie torbide come le loro coscienze.


Perché il noir non necessariamente ha una fine ed alle volte nemmeno un inizio, al contrario del giallo non ha un enigma, non deve spiegare, non è raccontato dai “buoni”. Non ha suspense e non ha una storia. Oppure è tante altre storie dove i protagonisti si muovono, parlano e stanno zitti sotto un cielo pennellato di nuvole grigie, pardon... noir.
(Adamo Bencivenga)







FINE

 


 


















 
 
 





A CURA DI
ADAMO BENCIVENGA





Torna alla pagina del Cinema


 

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1