HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Adamo Bencivenga
Regina del tempo






 


Regina del tempo, dei minuti contati, delle ore passate ad ascoltare un tramonto, di tutti i numeri in fila in ordine sparso, di tutti i numeri primi senza un rapporto. Lasciami ora, lascia che sempre, la luce che entra ti foggi il vestito, ed i lampi di notte ti colorino il viso, di tutte le piogge che cadono in mare, di tutti i tuoni tra i monti che fanno eco e rimbombo.

Regina della luna che ti inarca le curve, ti smussa le pene e ti spiana i dolori, come tornanti che a gomiti vanno, e ti lasciano il gusto di meta e fatica, fin sopra le vette che piene e fiorenti, ti danno l’essenza, ti danno la forma. Lascia che il buio ti faccia d’alone, la penombra corone come cerchi di fumo, le righe di luce un delta sfumato, che ti segnano il punto, la base e l’altezza, il posto fin dove m’era concesso arrivare.

Regina di notte, dei gatti in amore, che strillano ai tetti, ai treni in stazione, al vento che porta cartacce lontane, di tutte le volte che portavi un cappello, una valigia pesante ed un uomo di fianco, di tutte le volte che ti ho vista partire, nei mesi che ancora si sfilacciano lenti, nelle attese dei giorni che non hanno una fine. Lasciami ora, lascia che sempre, questo suono di seta leggero ti copra, come fosse un fruscio di piume e di penne, un controcanto d’uccelli, una merla in amore, che il grano la nutre e il nido l’accoglie.

Regina dei giorni quando ti ho vista tornare, di tutte le volte che mi hai sorriso sincera, portavi un altro cappello, un’altra valigia, ma sempre convinta d’amarmi per sempre, che nulla e nessuno ci avrebbe diviso. Lasciami ora, lascia che sempre, quest’essenza d’amore non ammetta altri odori, quest’effluvio di fiori che natura non sente, siano gocce sui tronchi, sulle cortecce d’inverno, di resina e miele che cola dal faggio ed a rami si spacca e densa s’aggruma.

Regina degli alberi e degli aceri in fiore, delle conifere a marzo quando si scioglie la neve, lasciami ora andare tra i tuoi rami, nel tuo fiore che schiuso sboccia e m’accoglie, una gemma di maggio che alla bella stagione, ti invita e ti brama e ti rende regina. Perché tu sia regina di ogni femmina in fila, che nuda si offre e vestita t’invita, in un gioco perpetuo che seduce e traspare, in controluce a quei raggi che ti scaldano il cuore. Lasciali entrare nelle cale ventose, nei tuoi sogni di sabbia, di castelli di rena, che il mare l’impasta e il vento l’asciuga, che l’acqua modella e il sale l’addensa.

Regina del tutto dell’intero indiviso, regina del niente che sia vuoto o sia pieno, d’ogni forma in natura che non ammette la parte, come l’anima tutta che presa d’amore, si dà unica al mondo, alla propria gemella. Lascia che io sia quell’anima adesso, che per dune e deserti hai cercato negli anni, che per poste e stazioni hai creduto che fossi, ed ora mi trovi in questa landa di terra, che è linea di data, di ieri e domani, d’alba e tramonto che girano intorno, senza che il giorno li divida o li unisca.

Regina dei numeri che associ ai colori, come il tre fosse nero ed il cinque più rosso, dipingi la faccia di viola e di giallo per essere in fila, per essere somma, di tutti i sensi che ti fanno divina, di quelli più intensi che ti fanno pagana, e spalanchi le gambe come sponde di fiume, e spalanchi i tuoi occhi per essere foce, per essere libro di pagine vuote, perché il tempo le riempia di giorni e di anni, ed ogni frase contenga per sempre il tuo nome.

 







FINE




 
 
 



Il racconto è frutto di fantasia. Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
TUTTI I RACCONTI DI ADAMO BENCIVENGA
Photo     LENA HOSCHEK SAFETHADMUSIC

© Adamo Bencivenga - Tutti i diritti riservati
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore


 

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1