HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Adamo Bencivenga
Nell'anima senza amore




 

 

La solitudine non si sente quando si è soli, ma lenta t’uccide e ti saccheggia nel cuore, quando distesa di notte ti svegli, quando di sera t’addormenti sfinita, in quel letto troppo grande per riscaldarlo da sola e pensi ai tuoi anni di quand’eri bambina, e pensi a quei giorni e come è successo, e all’altra per sempre che ha preso il tuo posto. Ti distruggi l’anima e ti massacri le unghie per tutte le volte che non hai dato abbastanza, compresa quella volta che non lo sei stata a sentire, perché avevi altro da fare, altro da dire, che ora diventa un nonnulla e un’inezia, una stupida scusa senza ragione.

Lui diventa evanescente nel sogno, come l’acqua del mare che resta nel pugno, distante come un treno che per un niente s’è perso, ma di notte lo senti ti viene vicino, lo senti davvero, ne senti il silenzio, che s’infila incorporeo dentro il tuo letto e tu giuri d’avvertire un forte calore, che ti avvolge leggero, insolente e deciso, e scivola maschio nelle pareti già pronte, come un aliante tra i versanti rocciosi, come un gabbiano attraverso la nebbia, che senti e ti brucia come la pipì sulla neve lasciandosi dietro una voragine fonda, un vuoto di aria che ti risucchia al decollo, e poi salite a pendio e discese a dirupo, intense e sfibrate come avviene nei sogni.

Il tempo s’allunga come colla viscoso, come lo sputo quando sei raffreddata, i giorni si dilatano dentro le sere, che iniziano sempre maledettamente più tardi, e fai fatica a riempirle perché il sonno non viene, e lui diventa un adagio, una musica lieve, una nota bemolle che t’accompagna le sere, e ti sorprendi a pregare il solo Dio che conosci, che senti vicino e ti capisce e consola, senza spiegare le sensazioni che provi, i desideri notturni che s’annidano fitti.

Come un turista rivedi quei luoghi, nella ricerca ossessiva di un fragile indizio, che unisca a ragione i tuoi pensieri slegati, che dia un senso ed un filo alla tua vita d’adesso, ai giorni e le notti che si rincorrono soli, senza che abbiano uno straccio di senso per essere ieri, oggi o domani, per essere altro di cui avresti bisogno. E lui è sempre lì che ti giudica e guarda, dentro la schiuma del cappuccino al mattino, dentro il sacchetto delle immondizie la sera, e nelle parole di quella zingara bimba, che ti legge la mano ed ammicca convinta, ti giura che torna che è questione di ore, perché altro non vuoi e lei certo non dice.

Ma vai avanti sconnessa, scollegata a tratti, per un attimo bella, per un attimo vecchia, finché ti sorprendi in un giorno normale, a truccarti la faccia con cura allo specchio, a scegliere un abito che da tempo non metti, ad accettare un invito dalla tua amica del cuore, ed uscire e ballare e pensare che in fondo, quell’uomo di fronte non è certo poi male, se avesse la barba o fosse più alto. E lui che ti invita per un primo ballo innocente, e ti parla di tutto e non dice poi niente, ma al secondo lo senti e voli leggera, senti le mani e lo lasci che stringa, quella carne di troppo sui tuoi fianchi abbondanti. Non sarà neanche bello, avrà pochi capelli, ha un odore diverso che non ti piace per niente, porterà la cravatta troppo accollata, la camicia a fiori e una giacca di tela, e non avrà né pazienza, né tatto e né garbo, e non avrà le tue stesse battute di sempre, ma riderai, riderai sicura, scoprendoti una volta con meno pretese, una volta soltanto per vedere se in fondo, la notte che viene ha un sapore diverso.

E ci vai a letto, certo che andrai! Tentando di accorciare quelle sterminate distanze e colmando quei vuoti che ormai ne sei certa, niente e nessuno potrà mai riempire. E il tuo Dio femmina ti sosterrà come sempre, sopra il disagio del nuovo che senti, affinché l’imbarazzo non appaia evidente, sopra i tuoi seni che calano molli, sopra il tuo sesso arido e secco. Ma sicura che ce la metterai tutta, che l’accoglierai come serve e si deve, per dare il tuo meglio, per dare te stessa, senza nulla davvero chiedere in cambio, al punto di pensare quello che pensa, al punto di dire quello che dice, per seguirlo nel volo e dargli piacere, e reprimere l’armonia che servirebbe al tuo corpo, le cadenze che lui non può certo sapere, il momento preciso per entrare più maschio, e quello più intenso da vivere in due, per esplodere tutta e sentire l’amore.

Ma dapprima non sarà così, perché il suo sesso come il tuo non risponde, un fallimento di uomo, di voglia e natura, perché come te ha sbagliato il momento, per il tuo stesso motivo di dare solo piacere e preoccuparsi dell’altro e trascurare se stesso. Ma tu gli dirai che va tutto bene, fingendo orgasmi e smanie abbondanti, fingendo di volerne ancora e per sempre, perché nonostante tutto questa notte che scorre, è la prima dopo giorni di tumulti di cuore, di piogge e tempeste e solitudini cupe.

Così andrà perché così deve andare, come quando rimpiangerai le tue notti d’amore, come quando le maledirai senza più appello, e ti sentirai bambina, e ti sentirai più adulta, e ti sentirai tutto e niente perché in quel momento, vorresti essere solo l’esatto contrario. Così andrà finché lo sentirai più sicuro e maschio, e allora sì che lo accontenterai come mai prima è successo, dove il maschio fa male più della ragione, che sopita ti dorme accanto nel letto. E ancora ti concederai senza guardarlo negli occhi, tra grida ed urla di piacere e di rabbia, tra salite a pendio e discese a dirupo, intense e sfibrate come avveniva nei sogni.

Così andrà perché così deve andare, finché l’alba più fredda non ti rischiara da sola, finché sarà tardi, tardi davvero, ma tardi di cosa non t’è dato sapere. Allora sì che ti volterai delusa, con il vuoto di prima schiacciando il cuscino, convinta che il giorno non sarà mai come prima, perché l’amore quello vero è rimasto chissà dove. E il tuo Dio femmina capirà, perché a lui non devi spiegare, che solo quando è sola, con la morte del cuore, una donna può darsi, nell'anima senza amore.







FINE
 






 
 
 



Il racconto è frutto di fantasia. Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
TUTTI I RACCONTI DI ADAMO BENCIVENGA
Photo   MohammadrezaRezania


© Adamo Bencivenga - Tutti i diritti riservati
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore


 

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1