HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Adamo Bencivenga
Lo sbarco




 

 

Vatti a fidare del sole di marzo, che scrolla le tette e alleggerisce i vestiti, vatti a fidare del vento che scalda, che alza le gonne e fa volare i cappelli. Come gabbiani planano bianchi e rasi sull’acqua si lasciando andare, s’abbandonano al mare e rimangono a galla e una donna l’insegue bagnandosi i piedi. Vatti a fidare del mare di marzo, che ruffiano ti accoglie, ti bacia e ti scalda, ma all’improvviso si gira e cambia d’umore e fa la cresta sull’acqua ed alza le onde, e bagna la donna e bagna quel seno, che bianco traspare come un brivido intenso.

L’uomo per caso ha un telo bianco di lino, che agita al vento come una resa, vatti a fidare del sole di marzo, che gemma gli arbusti al di là delle dune e fioco s’accuccia sotto le nuvole nere, e lascia la donna e lascia quell’uomo al vento che tira senza riparo. La donna lo chiama ma lui non l’ascolta, o meglio è in allerta guardando il suo cane, un pastore gallese che somiglia al padrone, che sbava uno stecco di legno e di sabbia e chiede abbaiando di rincorrerlo ancora, ma a volte sta fermo e muto lo aspetta, come ora che punta e il lavoro lo chiama.

L’uomo si ferma deciso che fare, equidistante dal cane e dal dovere che incombe, nella mano sinistra ha un guinzaglio di pelle, nell’altra quel panno di stoffa leggera e sotto la giaccia un manganello di ferro, che il destino ha deciso di materializzarlo all’istante. Lui lascia il cane insospettito dal canto, la donna si accorge e strizza i suoi occhi, ha le mani occupate da una borsa di piume, da trucchi, vestiti e calze di seta, dal timore che la riva sia ancora distante, e questa terra un sogno non ancora concesso. Vatti a fidare di un regista che gira, poco lontano uno sbarco dal mare, ed inquadra la donna, le dune di sabbia, mentre il cane che corre annusa la donna e l’uomo la blocca e le ammanetta le mani.

Stringimi lemani stringimi lemani,
sopra questomare spolpami iseni
preda peruccelli esca perlaluna
che canta dolcemare che pesca nel miocuore.


Vatti a fidare del sole di marzo, che scrolla le tette e alleggerisce i vestiti, vatti a fidare di quel sorriso che inganna, di quel foglio di via scolorito e bugiardo, di quella fede che brilla all’anulare sinistro, chissà se ha mai avuto un marito, se le calze di seta nella mano sinistra, sono servite per farci l’amore. L’uomo è un poliziotto e sa cosa fare, ma la guarda e gli fa tenerezza, la gonna bagnata la rende più nuda, mentre parla una lingua che lui non conosce, i suoi santi stranieri hanno barbe da slavi, belli come maschi da volerli sposare, forti come stecchi d’averne timore.

Lui sente quel canto e sedotto desiste, le annusa la pelle ed allenta la presa, ora la chiama e l’avvolge nel lino, la donna di spalle nasconde i suoi dubbi, ha la pancia occupata e un foglio di via, ha un filo di perle e lo gira tre volte, nell’attesa lo sgrana ma non sono preghiere, ogni cinque s’impunta sulla perla più grossa, ogni dieci lo stringe contro il suo petto. Porta con sé due scarpette da bimbo, ma non ha ancora capito se è un figlio o un aborto, se sanno d’amore che inganna l’attesa, se sono gli avanzi di un corredo da sposa.

L’uomo ha una divisa e gli occhi di cane, stringe nelle mani quel documento sgualcito, Marika il nome e una foto che ride, ha le labbra di foglia che slarga in un fiore, ha una bocca di fragola che sa di mestiere, che bello che voglia lasciarsi rapire, sentire il caldo del fiato, sentirla alitare. Vatti a fidare di una donna che scioglie, i capelli più lunghi che s’inzuppano al mare, tinti di rosa dove spuntano i seni, pere di Tirana, figlie d’oltremare, e un cerchietto sulla testa per ricordarsi le parole, di questo canto in italiano che altro non sa dire, e fermo lui l’ascolta perché è difficile capire, dove inizia l’orizzonte, dove finirà il suo dovere.

Stringimi lemani Stringimi lemani
Arrossami lafaccia Succhiami lelabbra
Succhia imieidomani Sopra Questaterra
Albore oltre ilnero Cheschiara imieitimori







FINE
 






 
 
 



Il racconto è frutto di fantasia. Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
TUTTI I RACCONTI DI ADAMO BENCIVENGA
Photo   AlexanderKharlamov


© Adamo Bencivenga - Tutti i diritti riservati
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore


 

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1