HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

LETTURE LEGGERE
Adamo Bencivenga
Lilly del West








Omaggio a Stefano Rosso

 


Lilly del West io l’ho incontrata sull’ottava, aveva due labbra di velluto e un seno da vetrina, l’aria un po’ vissuta e la pioggia tra i capelli, un trucco da farfalla e due gambe da regina. Ricordo che era quasi l’imbrunire, quando una pioggia fitta ci sorprese a Mercer Street, poi di corsa guadagnammo il buio di un portone, lei disse: “Piacere” ed io le chiesi il nome: “Lilly.” Rispose. “Lilly del West.”

Lilly del West io l’ho incontrata sull’ottava, aveva il fiato corto e un cappello da rivista, la guardai e dissi: “Ok” senza alcun motivo, e forse per l’imbarazzo non trovai altre parole e forse per l’impaccio balbettai una canzone. Lei invece ne trovò e guardandomi negli occhi, mi disse: “Sei simpatico, come tutti gli italiani.” Ma poi non disse altro e il rumore della pioggia riempì quel vuoto muto nell’attesa che spiovesse.

Lilly del West io l’ho incontrata sull’ottava, aveva il sangue caldo e un ghigno da mestiere, mi offrì una sigaretta, ma non aveva l’accendino, mi propose un giro a piedi sotto i cornicioni. Parlammo poi del tempo, della vita e del destino, di quando a tredici anni posò come modella, di quando a ventidue salì sopra un palco, calze a rete e trucco forte, ma perse l’occasione, poi mi raccontò del suo gatto nano, ed io di una zia che non avevo ancora visto.

Facemmo il giro dell’isolato e nell’ombra di Green Street, misi la mia mano sopra i suoi fianchi, e lei non disse niente, ma non era il momento, faceva ancora freddo e le proposi un pasto caldo. Lei allora disse: “Bene!” e mi fece cenno di seguirla, ed entrammo in un locale pieno di fumo e donne sole. Ordinammo pizza rossa e due boccali di birra scura, poi una fetta calda di torta alle more, allora lei sorrise ed io poco meno, sentivo ancora il gelo nelle vene e nei polmoni.

Lilly del West io l’ho incontrata sull’ottava, aveva la pelle scura come una zingara nostrana, un’aria di chi ha deciso come passare una notte, e quando ci sedemmo le raccontai del mio amico Brady, si era innamorato di una californiana incinta, ed aveva pensato bene di lasciarmi lì da solo, a vagare per New York senza dire una parola, a vagare da straniero in cerca di calore, ma avevo due soldi in tasca e tanta voglia di due seni e Lilly ora era lì pensai guardando il suo profilo, morbido come una culla per farci sogni buoni, grande come un tetto per ripararsi quando piove.

“Artista?” Chiese lei indicando il mio cappello.
“Ci provo.” Risposi tirando fuori il fumo.
“Che fai qui?” Disse seria.
“Cerco ispirazione.”
“Allora davvero sei un artista?”
“Per questo ti ho cercata.”
“Cercavi proprio me?”
“Cercavo una donna sull’ottava.”
“Perché proprio qui?”
“Dicono che questo posto è un po’ il cesso del mondo.”
“Chi lo dice?”
“La prima strofa della mia canzone…”
“Allora l’hai già scritta.”
“No, ma so che tra non molto verrà fuori in un fiato.”
“Oh sì.” Lei rispose. “Vedrai come viene bene!”

Lilly del West io l’ho incontrata sull’ottava, aveva due labbra grandi come un gioiello da vetrina, aveva un tatuaggio con un cuore sopra il seno, rimase in silenzio ed io ordinai altre due birre scure, poi chiamai un ragazzo indiano che vendeva fiori.
“Posso offrirti una rosa?” Dissi.
“Perché? Ti sembro un tipo da rose?”
“No, ma mi sembrava romantico.” Sospirai.
“Lo sai che sei un tipo curioso, vero?” Disse accettando la rosa.
“Sono un narratore di donne!” Risposi allungando un dollaro all’indiano.
“Ah ecco. E le narri con le rose?”
“Oh sì, posso dipingerle, raccontarle oppure solo amarle.”
“Allora farai bene l’amore…” Disse, affogando nei petali il suo naso.
“No! Mi serve farlo per scrivere canzoni.”
“Mi sembri a dir poco stravagante…”
“E’ un complimento?”
“La maggior parte della gente fa l’amore per farlo.” Posò la rosa sul piatto come fosse un avanzo.
“Pensi che sia fine a stesso?”
“Io non penso, ma mi rendo utile.” Disse gonfiando i suoi seni.
“A me invece piace raccontarlo…”
“E cosa scrivi? E’ sempre così meccanico e ripetitivo…”
“Colgo i contorni come le rose…”
“Allora sì che sei un vero artista…”
A quel punto la interruppi. “E tu lo fai bene l’amore?”
“Chissà… lo saprai dopo che avrai scritto la canzone.”
Questa volta non risposi e chiamai la cameriera, poi presi il boccale e mi scolai l’ultimo sorso. Lei fece altrettanto e mi chiese di andare. Si alzò di scatto dimenticando la rosa sopra il piatto, come se avesse fretta e si fosse fatto tardi.
“Allora la vuoi scrivere questa canzone?” Chiese.

Uscimmo dal locale. Lilly del West io l’ho incontrata sull’ottava e sull’ottava abitava in un buchetto lì vicino. La presi sottobraccio ed affrettammo il passo.
“Io abito al 21, ma non ti aspettare niente.” Disse. “E’ solo un posto umido con un letto per l’amore.”
Io mi alzai il bavero del giubbotto e le cinsi i fianchi caldi, il rumore dei suoi cerchi mi mise di buonumore. Lilly del West io l’ho incontrata sull’ottava e sull’ottava passeggiammo tra il via vai dei tacchi alti, e sull’ottava comprai a buon prezzo due bottiglie di vino rosso.

Davanti ad un portone di ferro scuro frugò nelle sue tasche.
“Non trovo mai questa maledetta chiave.” Disse.
Poi suonò a caso i campanelli del citofono e qualcuno aprì senza parlare.
Entrammo. “La casa è tutta qui.” Disse.
Una stanza con un letto senza finestra al piano terra. Il bagno era in corridoio e mi pregò di non fare troppo rumore, ma un forte odore di disinfettante mi fece starnutire. Poi mi chiese se fosse un posto adatto per scrivere canzoni, io pensai alla mia casa con il cane ed il giardino.
“Proprio quello che cercavo.” Risposi seguendo una striscia nera di muffa lungo il muro.
Lei si mise seduta sul bordo di quel letto e si tolse i tacchi alti lanciandoli a due metri. Io poggiai le due bottiglie sul pavimento sporco.
“Fai un po’ di caffè?” Le chiesi senza pensare.
Lei sbuffò, si alzò a fatica e disse “Sì.”
Si diresse scalza verso l’angolo cottura, prese il bollitore e lo mise sui fornelli.
“Vuoi del fumo?” Disse frugando nella borsa.
Annuii cercando un posacenere. Lei rise. Accese le sigarette sotto il bollitore, poi mi raggiunse tenendole tra le labbra.
“Mettiti comodo.” Disse indicandomi il letto.
Poi bevemmo il caffè, tiepido e senza zucchero, e lei mi raccontò quando insieme ad una sua amica, passò tre giorni dentro per un banale contrattempo. Non mi chiese soldi e mi parve strano, anzi si spogliò gettando i jeans sulla spalliera, poi si rannicchiò aspettando il primo bacio.
Esitai e lei mi chiese. “Ci hai ripensato?”
“No, pensavo alla canzone.”
“Cosa ci volevi fare con la rosa?”
“Le rose aiutano a trovare rime.” Mentii.
“Solo quello?”
“Adoro i contrasti.”
“Allora sarei io la donna sull’ottava?”
Non risposi e la baciai, sapeva di birra e di fumo, ma le sue labbra erano morbide come il velluto del mio divano.
Lei ne approfittò per togliersi il reggiseno. Lilly del West io l’ho incontrata sull’ottava, aveva fianchi larghi e un seno da vetrina, mi disse: “Prendilo, ma costa molto, più di quanto saresti disposto con una di quelle sull’ottava.”
Assaporai la normalità di quell’incontro, ma indugiai lo stesso.
Lei mi disse ancora: “Prendilo.” Ed io non mi feci più pregare.
Poi sospirando disse: “Non sono una puttana.”
Ed io non dissi nulla convinto che stesse scherzando.
L’amore non fu romantico, ma ci baciammo tutta la notte e solo allora mi convinsi che forse aveva un po’ ragione. Comunque l’amore fu come venne, ma per fortuna c’era il vino, non era un granché, ma lo finimmo prima dell’alba. Prima di addormentarmi baciai ancora il suo seno e lei mi disse grazie ed io mi chiesi il motivo, poi mi accarezzò la fronte e intonò una ninna nanna.

Mi risvegliai che era quasi mezzogiorno non c’era più nemmeno un soldo nei calzoni.
La stanza era vuota e di Lilly rimaneva solo il suo profumo. Chiesi di lei alla donna che puliva. Una signora grassa con una fascia rossa tra i capelli.
“Qui ne passano tante e ogni sera hanno un nome diverso.”
“Ma io cerco Lilly, Lilly del West, l’ho incontrata ieri sera sull’ottava col cuore in tasca e due polmoni da vetrina, fumava il filtro e aveva un seno che parlava… pensavo che fosse sua questa stanza… o quanto meno l’avesse affittata.”
“Quella? E chi la conosce quella lì!” Disse sospirando. “Le ha rubato tanti soldi?”
“Tutto.” Risposi.

Lei sospirò scuotendo la testa, io mi alzai sconsolato, vidi una rosa rossa sopra il comodino ed un biglietto verde con scritto: “Scriverai una meravigliosa canzone. Lilly.”
Eh già Lilly, Lilly del West, io l’ho incontrata sull’ottava… Presi i pantaloni ed uscii da quella stanza. Andai in bagno e mi guardai allo specchio, vidi inconfondibili i segni di quella notte. Mi era costata molto, però qualcosa c’era stato di bello in fondo… Le mie vene erano calde ed io sentivo già le note della mia canzone e sognai di stare a casa a scrivere le strofe, col mare a fianco e col giardino tutto intorno, dove avevo lasciato il cane e pochi libri buoni.




 







FINE




 
 
 



Il racconto è liberamente tratto da "Lilly del West" di Stefano Rosso.
Un modo per ricordarlo ancora...
GRAZIE STEFANO!
TUTTI I RACCONTI DI ADAMO BENCIVENGA
Photo     Massimo Passalacqua


 

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1