HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Adamo Bencivenga
La Ninfa Accogliente






 

 

Ci sono dei giorni che scorrono intensi come fiumi che portano masse di acqua e straripano sponde e inondano campi e ti chiedi da dove provenga la brama d’essere femmina, ninfa accogliente, che bella prepari dentro uno specchio con un trucco a farfalla e le ali di seta e un vestito di fiori e un cappello di paglia con un nastro che viola ti lega i capelli, che lunghi di grano t’accarezzano il seno e si danno a quell’aria che leggera ti sfiora e si danno all’amore vogliosi da sempre, stregata e rapita per ogni dettaglio, una piega, una crespa di pizzo e d’organza, che sfiora e lambisce i brividi a pelle, quei baci che lasciano il gusto e il diletto, d’arance e limoni aggrumati sui rami, di lamponi e di more sulle fratte di spine, che voglia, che bello lasciarsi poi andare, che bello, che voglia impigliarsi la gonna, camminare per mano e lasciarsi guidare, sentirsi una vela gonfiata dal vento, sentire da dentro che sale la smania con la gonna che sciama di giallo leggera, di lilla che danza e si mescola lieve, alla bella stagione come un fiore in giardino, una rosa pervinca baciata dal sole, che lasciva si dona a quegli occhi di mare, e si lascia odorare l’essenze che emana, per chiunque ne voglia apprezzare il suo gusto, di una pelle di latte che ora s’indora e lascia il sapore d’un giorno all’albore, di un’alba che schiara di una luce mai vista, perché ci sono dei giorni ma uno poi conta, quando senti l’effetto d’un qualcosa che dentro, si scioglie e si sfibbia come un vincolo e un laccio, di fretta e veloce come un rumore di un treno, d’una voce che calda ti chiama per nome, d’un fiato che scalda, d’un soffio che accende, le tue gambe gemelle che si schiudono calde, e s’asciugano al vento e si snodano agli occhi, d’uno sguardo che intenso ti fa vibrare leggera, una foglia che cade cullata dal vento, che leziosa s’adagia senza chiedersi il verso, la direzione ed il senso dove porta quel soffio, dove portano i baci che senti sul collo, e ne avverti il percorso lungo la schiena, che sale, che scende, s’arresta e riparte, sulla bocca che s’apre, sul seno che chiede, su ciascuna parola che appaga i tuoi sensi, che sazia e t’affama quell’anima in fiamme, perché ci sono dei giorni che scorrono intensi, come un delta di fiume che sbocca alla foce, e vorresti staccare la mente dal corpo, e vorresti sentirti preda di istinti, una volpe argentata nel giorno di caccia, un secchio giù in strada sotto la pioggia, bucato quel niente perché mai poi trabocchi, ma rimanga sul bordo per non essere certa, di chiederne ancora o gridare che basta, perché tutto divenga e nulla s’arresti, e lo preghi e lo brami di guidarti nei lidi, dove nulla è legge, è regola o norma, dove nulla è governo tranne la voglia, il desiderio mai domo d’essere persa, nell’intimo in fondo, nella pelle che affiora, indecente e signora che perde il controllo, oscena e immorale che si dona e si mostra, viziosa ed impura che si cerca e si tocca, per il gusto di andare diretta alla meta, nei vortici neri dei dirupi più spessi, nei burroni scoscesi, negli anfratti di carne, dove il niente è materia, il vuoto sostanza, umidi greppi che qualcuno riempie, e s'apre il sipario dei tuoi sogni proibiti, scene d’un tempo nell’oblio dei ricordi, di un’anima antica che sfavilla fuggente, sformata e imprecisa che a tratti t’abbaglia, quando lontana una luce si spande, un buio celeste nei tuoi occhi socchiusi, che vedi striato, a chiazze a puntini, e tu sei pronta a giurare di non averlo mai visto, pronta a giurare su dio e sui tuoi figli, mentendo a te stessa che mai è successo, per conservarlo intatto nell’intimo in fondo, per riprovarlo ogni volta senza leggerlo altrove, perché quello che hai letto è solo uno sfizio, per viziosi e corrotti, per poeti maledetti, che ricamano orli di sconce parole, e non sanno davvero cosa si prova e si sente, non conoscono la cura, la dedizione, il culto, del piacere più puro di una Ninfa Accogliente.




FINE
 






 
 
 



Il racconto è frutto di fantasia. Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
TUTTI I RACCONTI DI ADAMO BENCIVENGA
Photo  andyjulia




© Adamo Bencivenga - Tutti i diritti riservati
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore


1

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1