HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Adamo Bencivenga
C'è un angolo di pace






 

 

C’è un angolo di pace vicino alla stazione, c’è un albero di fico che non fa frutti e non fa fiori, ma foglie grandi e verdi che scendono al fiume ed a pelo poi con l’acqua si lasciano sfiorare. C’è un angolo di pace dove fa buio molto presto e non è facile trovarlo se non conosci quale strada, se non conosci quale siepe volti verso il ponte e s’interrompa giusto apposta per fartici passare.
C’è un angolo di pace vicino alla stazione, un vento appena caldo che sa di brezza e sa di mare, c’è un viottolo che scende e curva dopo il palo, dove mai nessuno ad oggi s’è sognato di portare, un sorso di corrente, una lampadina fioca, perchè in cima non c’è luce ma un nido spennacchiato, che serve a certi uccelli che non hanno un posto fisso, ma rimangono una notte ed all’alba vanno altrove.

C’è un angolo di pace, di terra senza asfalto, di fili dove i ragni s’indorano al tramonto, e uno spiazzo grande quanto un urlo e una promessa, d’amore disperato che corre lungo il muro, di una fabbrica in disuso, di una coda che s’allunga, nell’ombra fitta e scura, sulle macchine in sosta, che guardano il fiume in fila allineate e si fanno compagnia avvolte nel silenzio.
Perché c’è un angolo di pace, un filo della luna, che discreto smuore fioco sommesso sopra i vetri, d’inverno appannati che celano il segreto, di amanti clandestini che si cercano e si danno, di chi ancora crede che nulla sia perso, di coppie appena nate, d’amori fatti in fretta, che sfidano il freddo al caldo dei vapori, di parole appena dette, di baci buoni in bocca.

C’è un angolo di pace tra le maglie della rete, di fari muti intermittenti che passano veloci e non c’è nessun intruso o poliziotto di quartiere, che conosca questo posto o possa a caso capitare; non c’è nessuna moglie o marito in pensiero, perché in quest’angolo di pace è seriamente proibito, curiosare oltre il dovuto ed essere indiscreti squarciando quella nebbia che s’addensa lungo il fiume.
C’è un angolo di pace ed un rudere romano, gatti appollaiati sul cofano più caldo, c’è un cane che t’aspetta dopo il palo della luce, e ad ogni macchina che passa avverte il suo padrone, un omino col berretto e la faccia da guardiano, che ti chiama avvocato, maresciallo o ingegnere e si avvicina al finestrino e cortese ti saluta, t’accompagna verso il posto o ti fa cenno di aspettare.

Perché in quell’angolo di pace alle volte c’è la coda, specialmente all’imbrunire poco prima della cena e tu paziente aspetti che s’accendano i fari, per non perdere il turno e si liberi un posto; e lui ti sa indicare esattamente quanto manchi oppure se è proprio il caso di farti un altro giro, perché conosce d’ogni targa, le abitudini e i tempi e gli basta un’occhiata per decidere l’orario.
C’è un angolo di pace, un guardiano mezzo zoppo, che ti augura gentile un buon proseguimento e per il prezzo di una birra ti offre quanto basta, un posto sotto il fico e se hai bisogno a parte, quello che ti serve per evitare altre sorprese, perché in quest’angolo di Roma c’è solo tanta pace, con la luna che ti guarda tra il rossore di un tramonto, ed a volte basta poco per distrarsi in un ti amo.

C’è un angolo di pace dove niente poi traspare, perché da queste parti vengono coppie non sposate, oppure già accoppiate con altri che non sanno, che c’è un angolo di pace vicino alla stazione, dove i treni non li aspetti e non fanno mai ritardo, e non c’è nessuna fretta o una metro affollata, un taxi che non trovi o un vigile accigliato, ma solo una pozzanghera che rispecchia l’imbrunire.
C’è un angolo di pace, un rifugio in pieno centro, e in quell’isola deserta ti chiedi come mai, basti solo una scritta che promette amore eterno, basti solo una stradina che scende verso il fiume, un nido spennacchiato ed un palo della luce, un guardiano che somiglia al suo cane mezzo storto, per chiudere la porta e lasciare il mondo fuori e sentire nel silenzio il frusciare delle foglie.

Lasciati condurre se per caso poi sei solo, lasciati portare ovunque poi ti trovi, perché appena poco fuori c’è una donna che t’aspetta, un’amante, una compagna, una gemma in pieno aprile, che fa le rime alle parole, e fa i ricami alle tue voglie, e fa merletti, pizzi e sete e la coda alla luna, e t’offre il suo cappello con i fiori bianco panna, e t’offre il suo vestito impalpabile d’organza, che ti lascia poi sfogliare, baciare se ne hai voglia con gli occhi e con le mani o solo con le labbra.
Tu la guardi estasiato, ha poco di reale, somiglia a quell’angelo che ti viene spesso in sogno, con due labbra rosso fuoco e una pelle vellutata, e un ciondolo che pende tra quel seno madreperla, e tu tenti di toccarla per essere sicuro, che sotto batte un cuore, che sopra sia di carne, ma poi per caso chiudi gli occhi e ti lasci trasportare, e lei prende la tua mano e ti guida passo passo, poi s'apre in un sorriso come un lampo della notte, e ti sussurra a voce bassa di fare attenzione, a quel varco di piacere, alla siepe interrotta.

Perché c’è un angolo di pace vicino alla stazione, perché c’è un’oasi di calma, di tregua e d’armistizio, c’è un albero di fico che scende verso il fiume, c’è una cura e un rimedio per non sentirsi soli, il velo di un rimpianto che a volte fa dolore, c'è il suono di un fruscio di foglie e di silenzio, un frullio d’ali al vento, un volo raso all’acqua, ma non è facile trovarlo se non conosci quale siepe, s’interrompe giusto apposta per fartici passare.


 



 

FINE
 






 
 
 



Il racconto è frutto di fantasia. Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
TUTTI I RACCONTI DI ADAMO BENCIVENGA
Photo  SuvoDas

© Adamo Bencivenga - Tutti i diritti riservati
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore


 

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1